Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 9

Intervento rimozione ciste

Scritto da Emiliano / Pubblicato il
Volevo informarvi del mio problema a causa di intervento di cisti arcata dentale superiore. Circa 15 anni fa sono stato dal mio dentista e mi scopre sulla gengiva tra il dente centrale ed il canino, una pallina bianca dalla quale fuoriusciva del liquido bianco. Dopo qualche tentativo di disinfettare la parte decide di forarmi un dente per far riassorbire l'infezione. Purtroppo l’infezione non guariva dopo qualche seduta decide di estrarre il dente e di togliere un pezzo di osso per intervenire e togliere la ciste. Una volta accortosi che all'interno del palato c'era una ciste, cessa l'intervento e mi dice che sarebbe meglio che questo tipo di intervento lo facessi in ospedale. Mi armo di santa pazienza e prendo appuntamento all'ospedale Fatebenefratelli di Roma. Dopo qualche mese mi operano e sembrava tutto risolto. Adesso dopo svariati anni mi ritrovo a dover riniziare il mio calvario con del liquido che mi fuoriesce dallo stesso punto e con il mio dentista che mi ha rioperato e mi ha tolto un'altro dente, quello centrale. Per il momento sembra che il liquido ha cessato di fuoriuscire però adesso mi trovo senza 2 denti e con la gengiva molto ritirata, e ci sono problemi protesici. si può ricostruire la gengiva? dove manca l'osso si può riempire con del materiale protesico???? ritornerò a sorridere?? Grazie.
Sig. Emiliano, il referto istopatologico dei tessuti rimossi chirurgicamente sono compatibili con la diagnosi di ciste ??? Durante gli interventi di cistectomia a volte non è possibile enucleare completamente la ciste e rimangono dei frustoli di tessuto epiteliale che, a distanza di tempo, portano alla recidiva della ciste. Le consiglio di ritornare presso l’Ospedale Fatebenefratelli per rivalutare il caso. L’osso è ricostruibile ed è quasi sempre possibile inserire impianti in quella regione. Dott. Ruffoni Diego.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Certo emiliano, con la premessa che tu abbia risolto il tuo problema cistico nella premaxilla, interventi di rigenerazione ossea e di plastica muco-gengivale possono poi aiutarti a migliorare la prognosi del tuo caso. Dr. Vincenzo Bifaro (NA) vinbi@inwind.it

Scritto da Dott. Vincenzo Bifaro
Giugliano in Campania (NA)

Gentile Emiliano Lei necessita di una programmazione chirurgica accurata e definitiva. Si affidi a chirurghi orali esperti, poiche' le tecniche esistono, ma richiedono manualita' chirurgica. Cordialmente Dott. Francesco Sacco Medico Chirurgo Odontoiatra Specialista in Chirurgia Maxillo Facciale in SALERNO e AVELLINO www.chirurgomaxillofacciale.it

Scritto da Dott. Francesco Sacco
Salerno (SA)

Sig. Emiliano, una cisti apicale ad un dente frontale superiore, operata 15 anni fà; una nuova cisti apicale ad un altro dente frontale superiore, operata adesso. Ne usciranno delle altre??? Mi domando: è sempre la stessa cisti che è recidivata (basta un frammento di membrana cistica non rimosso per dare luogo ad una nuova cisti), oppure permane la causa che provoca la formazione della cisti? In questa seconda eventualità la causa potrebbe essere un microtrauma da malocclusione o da abitudine viziata (mangiarsi l'unghia sempre con gli stessi denti, spezzare un filo sempre tra gli stessi denti come fanno dei sarti, tenere la pipa sempre tra gli stessi denti, ecc.). Chiarita la causa, ed eventualmente rimossa, stia tranquillo: l'osso si può rigenerare, nei siti edentuli potrà farsi impiantare due nuovi denti protesici e... ritornerà a sorridere! Dott. Angelo de Fazio
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Emiliano si affidi ad un chirurgo orale della struttura citata che bonificherà il sito; poi con una rigenerazione guidata dei tessuti (duro e molli) sarà possibile creare il presupposto per gli impianti. Buona giornata. Dr.Cristoforo DelDeo

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Emiliano, gli interventi di apposizione ossea sono all'ordine del giorno, trovi un chirurgo orale in gamba nella sua città e vedrà che risolverà tutto per il meglio.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Emiliano, i miei colleghi Le hanno dato dei buoni suggerimenti. Dott. Maurizio Serafini

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Caro Emiliano, è chiaro che 15 anni fa sei capitato nelle mani di un incompetente. Perche prima di togliere un dente o provare a fare buchetti vari sulla gengiva, si esegue un esame radiografico. E ti assicuro che la cisti si sarebbe vista. Inoltre, pur avendo una cisti si poteva forse eseguire un intervento di APICECTOMIA che consiste nell'aprire un opercolo osseo sopra il dente, pulire senza togliere il dente stesso... Se questo non si fa, la ciste cresce disintegrando l'osso e compromettendo i denti vicini. Se ora hai lo stesso problema, vuol dire solo una cosa: chi ti ha operato l'ultima volta, di nuovo, non ha fatto un buon lavoro perchè le recidive si hanno solo se rimangono pezzetti di cisti. Non hanno pulito bene insomma. Ora affidatarti ad un bravo medico è l'unica cosa da fare. Se l'intervento è fatto bene è risolutivo. A guarigione avvenuta si pensa a rimettere i denti. Cordiali saluti dott Giglio Andrea Roma www.studiodentisticogiglio.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Caro Emiliano, la tua situazione, se ho capito bene, non è tra le più felici, se c'è stato, come è presumibile che sia, una retrazione ossea e gengivale, per poter avere un arco osseo naturale, dovresti sottoporti ad una chirurgia ossea di quel sito, cioè deve essere prelevato dell'osso dall'anca, o dalla sinfisi mentoniera, o dalla teca cranica, e quest'osso deve essere posto dove è che manca. L e tecniche ci sono e sono varie, però bisogna affidarsi a colleghi esperti. Distinti saluti Dr Gerardo Cafaro
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)

Sullo stesso argomento