Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 11

Perchè dovrei rifare le otturazioni, anche se al momento sembrano integre e non mi danno problemi?

Scritto da Gianni / Pubblicato il
Gentili medici, mi sono recentemente recato da un nuovo odontoiatra per far chiudere una otturazione vecchia di due anni (fatta dal precedente dentista) che presentava un'apertura di qualche mm. Il dente in questione (primo molare inferiore) non era né era stato infiammato o dolorante. L'odontoiatra ha deciso di rimuovere del tutto il composito, e prima di accorgersi di essere arrivato vicino al nervo ha notato che il vecchio dentista aveva lasciato alla base dell'otturazione uno strato di ossido di zinco-eugenolo, che secondo lui interferiva con la stabilità dell'otturazione stessa. Avendo altre 3 otturazioni del precedente dentista (tutte di 2 anni), il nuovo mi suggerisce di rifarle perché stando così le cose i denti si rovinerebbero prima o poi e potrei perderli (io però non ho mai avvertito fastidi). Le mie domande sono: Era necessario riaprire l'otturazione per rifarla tutta? Cosa c'è di vero riguardo questo ossido di zinco-eugenolo? Dovrei lasciargli rifare le altre 3 otturazioni anche se al momento sembrano integre e non mi danno problemi? Nel ringraziare quanti risponderanno porgo i più cordiali saluti. Gianni.
Signor Gianni il sottofondo ossido di zinco eugenolo è di un tipo che è sempre stato lungamente usato da generazioni di dentisti.Esso tuttavia trova indicazioni solo sotto otturazioni in amalgama d'argento,e come otturazione provvisoria a lungo termine. La capacità dell'eugenolo di interferire con la mordenzatura acida total etch, lo rende inviso alle tecniche adesive,e quindi se presente sotto un composito sicuramente ha creato una mancata adesione fra le resine ed il substrato dentale. Quindi possibilità di carie secondaria ad infiltrazione,ed addirittura anche senza infiltrazione per sopravvivenza batterica di colonie non asportate al disotto di esso.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Il concetto sarebbe che l'eugenolo (contenuto in quel cemento di sottofondo) interferirebbe con l'interfaccia composito-dentina, ma dal momento che le suddette ricostruzioni sono ancora integre...o almeno così sembrerebbero, non vedo perchè si debbano FORZATAMENTE rimuoverle invece di monitorarle nel tempo. Badi bene: Mi sforzo i usare il CONDIZIONALE, perchè senza un'accurata visita, non mi permetto di contraddire il giudizio o le scelte di un collega.

Scritto da Dott. Alberto Ricciardi
Trebisacce (CS)

Gentile Sig. Gianni, in effetti un sottofondo contenente eugenolo è controindicato per le otturazioni in composito(eugenolo interferisce sull'adesione del composito) ma, a mio parere, ipotizzare una perdita dei denti è eccessivo. Consiglio il rifacimento delle otturazioni usando però un sottofondo a base di idrossido di calcio

Scritto da Dott.ssa Elisabetta Farnararo
Fiesole (FI)

Caro signor Gianni..per il cemento con eugenolo hanno già brillantemente risposto i colleghi...per il dover rifare le otturazioni che non hanno apparentemente problemi...è una decisione che solo il dentista che l'ha in cura e conosce la sua situazione clinica, può prendere...non noi...almeno non io...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia e Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo pienamente con quello che scrive il collega Dott. Alberto Ricciardi. In questi casi prendendo in esame quello che ci dice la letteratura al di sotto di otturazioni in composito non si deve applicare alcun sottofondo. La presenza di quest'ultimo nelle otturazioni del paziente fa pensare che queste siano state eseguite in un'epoca dove l'utilizzo del sottofondo faceva parte di una pratica comune a tutti i dentisti utilizzatori d'amalgama d'argento. Oggi con l'utilizzo dei materiali resinosi (compositi) i sottofondi non si applicano più perchè la polpa non deve essere protetta dagli insulti termici, caratteristica dell'otturazione metallica, anzi nè impedisce l'adesione dell'otturazione in composito con la cavità preparata. Questo è il motivo per cui il dentista curante ha proposto la sostituzione. Però se non vi sono evidenti segni clinici di infiltrazione batterica tra il margine dell'otturazione e il dente, l'otturazione è da tenere sotto controllo annuale. Dipende dalla sensibilità e dall'esperienza clinica di ognuno di noi ritenere accettabile una otturazione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Vittorio Vindigni
Enna (EN)

Sig. Gianni, concordo con i colleghi che l'eugenolo interferisce con il composito. Risulta però difficile dimostrare che quel sottofondo contenga eugenolo, senza contattare il precedente dentista. Consiglio, se possibile prima delle nuove cure, di mettere in contatto tra di loro i dottori, che parleranno dei materiali utilizzati e ricercheranno le soluzioni più idonee al suo caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile sig. Gianni la cura in resina composita si ottiene passando attraverso un'eccellente adesione alla dentina e sua polimerizzazione (indurimento del composito attraverso la conversione delle molecole in polimeri), questi fattori sono condizione indispensabile affinchè la cura stessa abbia successo nel tempo. E'stato, inoltre, ampiamente dimostrato come l'eugenolo inibisca la polimerizzazione dei compositi andando a precludere la bontà del lavoro e come il successo di una cura sia a volte indipendente dalla presenza di sintomatologia. Pertanto, avendo le informazioni del caso le auguro in bocca al lupo per la sua decisione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Giulia Garufi
Osimo (AN)

Mi chiedo come fa il collega a sapere che il sottofondo è a base di cemento all'ossido di zinco ed eugenolo. Potrebbe essere idrossido di calcio. Spesso hanno lo stesso colore! Si sarà sbagliato?

Scritto da Dott. Luca Giuseppe Messina
Mussomeli (CL)

Nell'incertezza la valutazione rx con byte wing puo' dirimere l'eventuale presenza di piccole infiltrazioi nei restauri.

Scritto da Dott. Gianfranco Paolini
Milano (MI)

Le consiglierei di controllare con rx le rimanenti otturazioni; in assenza di segnali di infiltrazione aspetterei. Saluti

Scritto da STUDIO ASSOCIATO YGEA
Trecastagni (CT)

Sullo stesso argomento