Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 5

Dente in necrosi

Scritto da marta / Pubblicato il
Gentili dottori, mi trovo attualmente in Inghilterra ed ho avuto la sfortuna di avere la mia "prima carie" proprio qui. Premetto che ho un problema di recessione gengivale per cui sono seguita in Italia. Ho iniziato ad avvertire dolore al 5° dente superiore e inizialmente l'ho confuso con il fastidio che ho avuto su altri denti per le recessioni. All'aumentare del male pero' ho dovuto ricredermi e sono andata a farmi vedere. Il dentista che mi ha visitato, dopo una radiografia locale mi ha diagnosticato una carie che si spingeva fino all'apice del canale con iniziale sofferenza al di fuori del dente (alla rafiografia appariva come una soffusione a livello della punta di una delle due radici del dente). Ha proceduto con l'asportazione del materiale necrotico e a alla disinfezione del canale. In quel momento io ho sentito un dolore molto forte, segno, diceva lei, che probabilmente la radice nervosa non era ancora completamente morta. Successivamente (ma l'irrigazione con disinfettante non e' durata mezzora) e senza apparentemente fare nulla a questa fibra nervosa, mi ha messo la pasta otturatrice. Al termine della procedura per le prime 4 o 5 ore ho avvertito un dolore fortissimo che poi ho controllato assumendo ibuprofene ed e' via via sfumato. Attualmente sono passati 4 giorni, sono sotto terapia antibiotica, non ho dolore, ma ho comunque una sensazione anomala a livello del dente curato. Riesco a masticarci sopra ma ho come una sensibilita' aumentata (per esempio non mi sentirei di addentare una mela facendo leva su quel dente). E' normale? Il programma e' di tornare tra una settimana per un controllo e per organizzare il trattamento definitivo. Vi sembra la procedura corretta? Sono piuttosto spaventata perche' piu' persone affermano che la qualità' del servizio dentistico in Inghilterra non sia eccellente. Io mi sono rivolta alla parte privata della Clinica Odontoiatrica Universitaria di UCLH di Londra. In attesa del vostro riscontro vi ringrazio in anticipo. Marta
Cara Signora Marta...per le recessioni gengivali...non ci sono problemi...di regola non hanno andamento acuto ...per cui può aspettare il ritorno in Italia dal suo Dentista...per il dente in necrosi...beh...io di regola mi comporto in modo differente perchè chiudo il dente, se facessi un'urgenza endocanalare, con membrana osmotica che fa uscire la pressione del gas dei microbi anaerobi e gram negativi che sono nella radice...pressione che è causa di dolore violento e che allo stesso tempo non fa entrare nuovi microbi nel canale trattato od in via di trattamento...detto questo...è sotto terapia antibiotica...il dolore decresce...torni tranquillamente dal dentista che la sta curando a Londra... non mi sembra che si stia comportando male...sa...ci sono diversi modi di procedere...anche se esistono in realtà linee guida dettate dalla comunità internazionale...ma poi su quella base ognuno ha le sue varianti...l'importante è che si arrivi al risultato e da quello che ha raccontato ci dovrebbe arrivare con una certa tranquillità...abbia quindi più fiducia...certo ...l'Odontoiatria Italiana è arrivata all'eccellenza...ma che quella Inglese sia da paese sottosviluppato non è assolutamente vero!...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Completi e Complessi, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Credo proprio che stia in buone mani e che una reazione, anche forte, alle cure non pregiudica poi un decorso positivo con guarigione. Per fare un esempio senza andare troppo lontano con i paragoni e le metafore, è come se le avessero tolto un dente e poi nei giorni successivi lei avesse avuto male: poi guarisce. Oppure se tolte le tonsille al risveglio ha sentito dolore: poi passa. Se invece a distanza di tempo i dolori persistono, allora c'è forse qualcosa che non va...

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Da quello che ci racconta non è comprensibile se le hanno chiuso o medicato il canale, le hanno fatto altre rx durante la devitalizzazione? Una dolenzia nel post ci può stare, ci informi sugli ulteriori sviluppi.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Marta non vorrei fare io la parte di chi vuole metterle ansia, ma non ho davvero capito, da quel che dice, se è stata eseguita una corretta terapia endodontica, a tal'uopo le consiglierei di visionare il link della società italiana di endodonzia  http://www.endodonzia.it/pazienti/chirurgia.html  http://www.endodonzia.it/odontoiatri/quaderni.asp dopo di che magari potrà stare, mi auguro, più tranquilla. Cordialmente Orazio Ischia

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.ra Marta, è in buone mani, ma deve terminare correttamente le cure, attenda e stia tranquilla che non ci dovrebbero essere grandi rischi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento