Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 6

Dopo un dolore molto forte a un dente sono andato dal dentista che mi ha trovato un granuloma.

Scritto da matteo / Pubblicato il
Salve mi chiamo Matteo e ho 36 anni. Dopo un dolore molto forte a un dente sono andato dal dentista che dopo radiografia mi trova un granuloma. Il dente però risulta già devitalizzato quindi (dopo 6 giorni di antibiotici) mi esegue un ritrattamento canalare. Mi chiude i canali e mi dice di tornare da lui dopo 10 giorni per chiudere definitivamente il dente. Il problema è che dopo 1 settimana mi torna un gran male e nel giro di 2 giorni mi si gonfia tantissimo la gengiva nella parte interna (parte del palato) di colore scuro e giallo. Nel giro di un giorno mi scoppia la gengiva adesso ho ripreso l''uso degli antibiotici e il mio dentista mi dice che può capitare. Vi chiedo c'è stato un errore da parte del mio dentista? Grazie a tutti e vi saluto
A volte capita! non sempre si riesce a sterilizzare i canali alla prima seduta. In presenza poi di un granuloma, le cose si complicano, perchè l'infezione risulta "INCAPSULATA" in una sorta di MEMBRANA BIOGENA, e non è sempre facile riuscire a penetrarla. Comunque...ci vuole tempo e pazienza. Penso che il suo dentista sappia quello che fa.

Scritto da Dott. Alberto Ricciardi
Trebisacce (CS)

Concordo sul non potere attribuire errori al collega e, aggiungo, di non escludere la possibilità che un dente così problematico in alcuni casi non si riesca a salvare.

Scritto da Dott.ssa Chiara Dal Rio
Bologna (BO)

Necrosi e Parodontite in dente con sfondamento del pavimento pulpare...adeguatamente trattato poi con endodonzia, chirurgia parodontale, perni moncone dopo averlo premolarizzato e protesi
Caro Signor Matteo ... è ovvio...non è così che si tratta un dente in necrosi...le spiego come lo si tratta:le spiego come si fa una terapia canalare di un dente in necrosi con granuloma o cisti o osteolisi periapicale:1- Bisogna iniziare almeno tre giorni prima di intervenire una copertura antibiotica con un antibiotico potente, a largo spettro soprattutto su anaerobi gram neg. come il ceftriaxone bisodico in fiale intramuscolari da 1Gr. (una al di per tutto il trattamento e proseguire oltre di almeno 4/5 giorni. (ovviamente è solo un suggerimento ...non posso prescrivere antibiotici per vie web senza neanche averla vista e fatto una anamnesi accurata...lo farà il suo medico Dentista che la prenderà in cura)!!!!Faccia la prima seduta un lunedì...la seconda un Venerdì e la terza di chiusura dei canali il Lunedì successivo...in modo da assumere, partendo da tre giorni prima e terminando 4/5 giorni dopo, in tutto 14/15 Fiale da 1 Gr. (una al dì) 2- procedere alla rimozione delle vecchie terapie canalari se ci sono(fatta prima la diagnosi però!!!) e quindi alla strumentazione accurata con lavaggi (sotto diga ovviamente) di ipoclorito neutralizzato poi da acqua ossigenata e lavaggi soprattutto prima della chiusura provvisoria a fine seduta con prima Clorofenolocanforato, poi con lo stesso antibiotico lasciato dentro il canale. Si chiude poi il dente alla fine di ogni seduta con membrana semipermeabile per impedire la reinfezione dei denti coi microbi da fuori a dentro e nello stesso tempo per fare uscire il gas prodotto dai microbi sopravvissuti dentro che causerebbe pressione e quindi DOLORE! E qui finisce la prima seduta! 3-Nella seconda seduta si rifinisce la strumentazione... si vede se c'è pus ( se c'è bisogna programmare altre sedute) si ripete tutto e si chiude sempre con membrana semipermeabile... 5-infine in terza seduta si chiude il dente... Il Dentista anche se per motivi logistici non avesse potuto iniziare subito una terapia del genere avrebbe dovuto fare almeno la prima seduta sotto diga per decomprimere il dente e disinfettarlo e chiuderlo con la famosa membrana semipermeabile affinchè non avesse DOLORE...! Se poi non fosse possibile fare tutto questo per la presenza di impedimenti, tipo calcoli di dentina nella radice... si curano le radici per via retrograda ossia chirurgica...si scolpisce un lembo di accesso all'osso...si perfora...l'osso...a livello degli apici delle radici...e si curano le radici entrando in esse dall'apice...per via retrograda ...poi si sigilla l'apice agli apici con MTA o con Amalgama d'argento chirurgica priva di zinco...: le lascio una foto di un dente in necrosi, con problemi ossei, parodontale e di sfondamento del pavimento della camera pulpare salvato con adeguata terapia...Cordialmente Gustavo Petti Parodontologo in Cagliari, Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Non so quale dente è, da quanto tempo è stato devitalizzato, il motivo del fallimento della prima terapia(falsa strada? Chiusura corta? Danni al pavimento?), Con quale materiale sono stati sigillati i canali...comunque il granuloma si cura con il ritrattamento, in caso di fallimento se attuabile apicectomia ultima spiaggia l'estrazione. Si affidi al suo dentista, personalmente, posso solo fare ipotesi.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Ovvio che può capitare i batteri presenti non possono essere eliminati completamente e possono iniziare una reazione acuta in qualunque momento. Ci vuole un po' di pazienza oltre alla perizia del collega.

Scritto da Dott. Andrea Gizdulich
Firenze (FI)

Sig. Matteo, se il suo dentista è un vero odontoiatra, difficilmente può fare continuamente degli errori, prosegua le cure poi eventualmente ci può riscrivere.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento