Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 5

Sono andata del dentista perché avevo dolore ad un molare che era stato curato anni fa.

Scritto da Ninfa / Pubblicato il
Buongiorno, sono andata del dentista perché avevo dolore ad un molare (6) che era stato curato anni fa per una carie. Dopo che è stata tolta l'amalgama, è comparsa una fistola. Ho fatto l'esame radiografico e mi è stato diagnosticato un granuloma apicale in data 5 marzo 2009. Mi è stata effettuata la devitalizzazione. Tutt'oggi il dente è ancora aperto perchè quando si tentava di chiuderlo in maniera provvisoria mi faceva male. Giorno 1 settembre 2009 è comparso un gonfiore sulla gengiva. Oggi sono stata a visita di controllo, il dottore non ha potuto procedere alla chiusura definitiva del dente, il quale non reagisce alla terapia fatta. Al momento sto prendendo antibiotici (Augmentin). Vi chiedo un parere in merito a questa situazione. Cosa devo fare? Vi ringrazio per l'attenzione, porgo distinti saluti. Grazie
La didascalia è spiegata nel test alla fine
Cara Signora Ninfa ... quello che racconta è semplicemente "pazzesco" ...sei mesi con un dente aperto per un granuloma che non si riesce a trattare...assurdo ...inconcepibile...il granuloma, ...è un pericolo per l'organismo intero...infatti è la causa principale di malattie focali...che sono malattie a distanza di altri organi ed apparati importanti come cuore, rene cute occhi etc...che hanno il loro focolaio di partenza in infezioni croniche di cavità del corpo umano che comunicano con l'esterno: in questo caso la bocca = i granulomi...le malattie focali sono pericolose perchè una volta iniziate sono autoimmuni e si automantengono...quindi è per lo meno molto ma molto grave non affrontare il problema di una sana e radicale cura dei granulomi dentari... ...le voglio spiegare alcune cose: ...i microbi stanno e vivono nella radice come in una "provetta" trovando un terreno ideale...sono microbi cattivi...anaerobi e gram negativi...le loro tossine escono fuori dal dente e causano una zona di osteolisi ( quella macchia nera che vede in radiografia) per stimolazione degli osteoclasti che distruggono l'osso (per intenderci gli osteoblasti sintetizzano e formano osso...gli osteoclasti lo distruggono)...una volta curata e sterilizzata e sigillata in modo perfetto la radice...queste tossine scompaiono dall'osso...perchè non ci sono più i microbi a sostenerle da dentro la radice...e il granuloma ( o la cisti) si riassorbe da solo...a questo punto mi permetto di spiegare come si procede in caso di terapia di un Granuloma con fistola e dente naturalmente in necrosi:bisogna procedere così: 1- Bisogna iniziare almeno tre giorni prima di intervenire una copertura antibiotica con un antibiotico potente, a largo spettro soprattutto su anaerobi gram neg. come il ceftriaxone bisodico in fiale intra muscolari da 1Gr. (una al di per tutto il trattamento e proseguire oltre di almeno 4/5 giorni. (ovviamente è solo un suggerimento ...non posso prescrivere antibiotici per vie web senza neanche averla vista e fatto una anamnesi accurata...lo farà il suo medico Dentista che la prenderà in cura)!!!!Faccia la prima seduta un lunedì...la seconda un Venerdì e la terza di chiusura dei canali il Lunedì successivo...in modo da assumere, partendo da tre giorni prima e terminando 4/5 giorni dopo, in tutto 14/15 Fiale da 1 Gr. (una al dì) 2- procedere alla rimozione delle vecchie terapie canalari se ci sono(fatta prima la diagnosi però!!!) e quindi alla strumentazione accurata con lavaggi (sotto diga ovviamente) di ipoclorito neutralizzato poi da acqua ossigenata e lavaggi soprattutto prima della chiusura provvisoria a fine seduta con prima Clorofenolocanforato, poi con lo stesso antibiotico lasciato dentro il canale. Si chiude poi il dente alla fine di ogni seduta con membrana osmotica per impedire la reinfezione dei denti coi microbi da fuori a dentro e nello stesso tempo per fare uscire il gas prodotto dai microbi sopravvissuti dentro che causerebbe pressione e quindi DOLORE! E qui finisce la prima seduta! 3-Nella seconda seduta si rifinisce la strumentazione... si vede se c'è pus ( se c'è bisogna programmare altre sedute) si ripete tutto e si chiude sempre con membrana osmotica... 5-infine in terza seduta si chiude il dente... Il Dentista anche se per motivi logistici non avesse potuto iniziare subito una terapia del genere avrebbe dovuto fare almeno la prima seduta sotto diga per decomprimere il dente e disinfettarlo e chiuderlo con la famosa membrana osmotica affinchè non avesse DOLORE...! Se poi non fosse possibile fare tutto questo per la presenza di una corona (capsula)...difficile perchè di regola si può forare la corona per procedere alla terapia e poi chiuderla con amalgama d'argento lucidata... o di impedimenti, tipo calcoli di dentina nella radice... si curano le radici per via retrograda ossia chirurgica...si scolpisce un lembo di accesso all'osso...si perfora...l'osso...a livello degli apici delle radici...e si curano le radici entrando in esse dall'apice...per via retrograda ...poi si sigilla l'apice agli apici con MTA o con Amalgama d'argento chirurgica priva di zinco...: le cause della osteolisi periapicale causa della sua infezione sono con ogni probabilità da ricercare nel fatto che a suo tempo le radici non erano state trattate e chiuse fino agli apici...questo fa selezionare dei microbi cattivissimi anaerobi gram negativi che vivono nei canali non trattati ed infettano i tessuti periapicali anche dopo anni! ...cerchi un DENTISTA CHE SAPPIA IL FATTO SUO ...le lascio una foto di un dente con granuloma, tasca parodontali infraossea , sfondamento del pavimento della camera pulpare eppure salvato...cordialmente Gustavo Petti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.ra Ninfa, il collega sta agendo correttamente nel tenere aperti canali del dente visto il perdurare dell'infiammazione, che potrà essere assai lunga nel tempo sin quando potrà sterilizzare completamente i canali causa della patologia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Mirko Marigo
Padova (PD)

Sig.ra Ninfa, non conosco clinicamente il suo caso, se il suo dentista è un vero dottore, sicuramente sta procedendo nel migliore dei modi, non le resta che seguire le sue indicazioni.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Ninfa non so precisamente cosa stia accadendo durante la terapia endodontica in atto. Sei mesi con un dente aperto non penso porti a qualcosa di buono. Ripeto senza visitarla è difficile darle i consigli giusti. Cercare di sterilizzare i canali e il tragitto fistoloso è essenziale, così come chiudere il dente anche con un medicamento e una otturazione provvisaria. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Ninfa, confermo ciò che in maniera forse un pò "prolissa" Le ha anticipato il collega Gustavo Petti: un dente 6 mesi aperto è pazzesco. E non ci sono opinioni in merito. Se la detersione dei canali è stata fatta correttamente, prima si chiude, definitivamente, e prima si consente il reale processo di guarigione dell'infezione e del granuloma. Il collega presso cui è in cura dovrebbe sapere benissimo che solo la sigillatura del sistema endodontico può consentire la guarigione. Stia serena che il Suo è un problema da niente, ma va affrontato da una persona competente. Sempre a disposizione
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Rosalia Rappa
Partinico (PA)

Sullo stesso argomento