Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 5

Ritrattamento endocanalare con rimozione MTA

Scritto da carlo / Pubblicato il
Visto che ho il canale del centrale superiore di sinistra ritrattato in modo anterogrado (non per via chirurgica!!!), purtroppo come si vede dalla radiografia, sino ai 2/3 con MTA, visto che ho una fistola (per fortuna) e che continua a buttare liquido, chiedo se c'è un odontoiatra nel centro nord (vivo a Pordenone), prendo il treno e vengo lì vi assicuro, disposto a tirar via quel materiale (l'MTA) "così duro" e arrivare con un ritrattamento sino all'apice? Purtroppo chi ha chiuso con MTA non è riuscito ad andare in apice, tutti possono sbagliare, ma non sono disposto a considerare per il momento un'apicectomia ne un impianto. Grazie
E' impresa ardua ma indubbiamente fattibile...se non trovasse nessuno...mi contatti pure con email personale che trova nel mio profilo...cordialmente Gustavo Petti Parodontologo Cagliari

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Carlo, rimuovendo MTA, non sempre si risolve completamente il problema, perché il canale può essere calcificato e gli strumenti s’impegnano sempre in una possibile falsa strada. Forse è meglio, soprattutto più semplice, prendere in considerazione la via chirurgica. Potrà trovare in questo portale diversi professionisti in grado di rimuovere il materiale, ma difficilmente le potranno dare la garanzia di raggiungere l'apice e chiudere perfettamente, una probabile falsa strada vestibolare o palatale, che non è visibile alla rx per sovrapposizione di materiale radiopaco.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Quanto tempo è che è stata fatta la cura?? Se sono pochi giorni, fra poco passa tutto. C'è solo da avere pazienza. Se sono tre mesi, allora bisogna fare qualcosa..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro sig. Carlo, rimuovere l' MTA potrebbe essere un trattamento ben più a rischio (di perdita del dente) rispetto ad una apicectomia, tecnica peraltro estremamente semplice negli incisivi centrali e per nulla invasiva né correlata a particolari disagi postoperatori. Può prevedere per eccesso due giorni di moderato gonfiore e necessità di due bustine di oki o similari al giorno, per il moderato fastidio sotto il naso. Non di più. Se volesse, e se lo specialista endodontista fosse daccordo con lei, procedere ad un trattamento ortogrado, senza escludere la presenza di bravissimi specialisti, le faccio il nome di due miei cari amici, ai quali può riferirsi a mio nome Sandro Marcoli , a Brescia, Emanuele Ambu, a Bologna. Cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessio Bosco
Sanremo (IM)

Con gli ultrasuoni e i sistemi di ingrandimento penso sia possibile o perlomeno tentabile un ritratamento corretto. L'apicectomia è un intervento possibile solo dopo un corretto ritrattamento o laddove l'apice sia talmente beante da rendere impossibile un sigillo ortrogrado.

Scritto da Dott. Andrea Lorini
Firenze (FI)

Sullo stesso argomento