Domanda di Diastema

Risposte pubblicate: 8

Vorrei sapere se si può fare qualcosa per il diastema frontale

Scritto da Aura / Pubblicato il
Salve, vorrei sapere se si può fare qualcosa per il diastema frontale. Metà dell'arcata è in porcellana, metà sono i miei denti sani. Il diastema è comparso dopo 5 anni da quando ho fatto l' intervento per  metà dell' arcata. Ho notato anche che i miei denti tendono a migrare. Mi scuso per il mio italiano, Grazie, Aura
L'italiano è ottimo, ma l'esposizione della domanda è oscura. Non capisco, scusi, Ci mandi una foto assai ben fatta.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Paziente, dalla sua descrizione si può supporre che lei sia affetta da malattia parodontale (piorrea), un'infezione dei tessuti che sostengono i denti, da diagnosticare con una accurata visita clinica, un sondaggio parodontale che si effettua su sei punti su ciascun dente e con l'ausilio di radiografie endorali. Dovrà rivolgersi ad uno specialista preparato per la diagnosi e la terapia necessaria. Sinceri complimenti per il suo italiano e in bocca al lupo!

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Cara Signora Aura, non si capisce di che intervento parli. Non si capisce perchè sia stata fatta una protesi fissa che non abbia compreso almeno l'altro incisivo centrale o incisivi centrali o fino al canino dell'altro lato, proprio per evitare lo spostamento eccentrico dei denti ed il formarsi di diastemi con la spinta della lingua, in situazioni particolari però, che sembra ci siano state, visti i risultati che racconta! Una foto di prima della terapia e di dopo sarebbero utile e anche due Rx di prime e dopo: Non è che soffrisse di Parodontite? In ogni caso per rispondere alla sua domanda: certo che si può fare qualcosa, si può fare tutto! Basta fare una Diagnosi e programmare la terapia relativa!Legga sul mio profilo "Le protesi dentali fisse" scritto da me e da mia figlia Claudia e "La chirurgia parodontale estetica Introduzione Divulgativa alla Chirurgia Estetica Parodontale Excursus su i vari tipi di protesi fisse." Consigli e suggerimenti per i pazienti Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Aura, il suo problema è certamente risolvibile, bisogna però capire bene la causa di tutto questo. Vi è certamente una sofferenza dei tessuti di sostegno dei denti, (paradonto), ma la causa? Controlli innanzitutto se questa parodontopatia è generalizzata su tutta l'arcata; ma se fosse solo dal lato del ponte potrebbe significare che da quel lato non vi è una buona occlusione, per cui l'osso che sta attorno ai denti sta venendo meno con conseguente spostamento.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)

Una buona visita preliminare permetterà di capire quale rimedio usare, ma in generale: Il diastema comparso dopo avere messo corone in ceramica su mezza arcata indicano che probabilmente ci sono dei problemi nel modo di chiudere i denti. In questo caso si deve correggere il lavoro in ceramica che ha messo precedentemente ( se è possibile). Poi si posso applicare tecniche per "riposizionare" i denti che si sono spostati.

Scritto da Dott. Roberto Rigano
PAVIA (PV)

Quasi tutto si può fare ma sarebbe meglio avere la sua panoramica e le foto della sua occlusione; le mandi e le nostre risposte saranno centrate sul vero suo problema. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. ra Aura, se compare un diastema a 25 anni deve esserci un motivo. Il diastema si può sempre correggere, prima però va posta una diagnosi sul motivo del problema. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Aura, ma in questi 5 anni non c'è stata nessuna visita semestrale? Ora forse si potrà fare qualcosa ma occorre una diagnosi dell’odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)