Domanda di Diastema

Risposte pubblicate: 16

Questo diastema che si è creato mi rimarrà per sempre?

Scritto da giuseppe / Pubblicato il
Salve, porto l'apparecchio da circa un anno, e 3 mesi fa ho dovuto estrarre 4 premolari per problemi di sovraffollamento nell'arcata inferiore. Gli spazi si sono già chiusi per metà, ma ho notato che nell'arcata superiore (che non presentava problemi prima del trattamento) gli incisivi si sono distanziati visibilmente tra loro. La mia domanda è se questo diastema che si è creato mi rimarrà per sempre in quanto è l'unico modo per coprire lo spazio lasciato dai premolari o se a fine trattamento questo diastema verrà chiuso in qualche modo, ma in tal caso non riesco a capire come questo sia possibile, senza crearne a sua volta un altro. Grazie per l'attenzione, Giuseppe
salve Giuseppe. Il piano di trattamento che prevede l'estrazione dei 4 premolari (2 superiori e 2 inferiore) porta all'apertura del diastema interincisivo..che sarà chiuso in un secondo momento grazie all'applicazione di dispositivo ortodontico fisso. Cordialmente, Gianluigi Renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Ci mandi una foto ben fatta.. La decisione di togliere i 4 premolari viene presa dopo cefalometria e dentimetria (se vuole leggere miei articoli esplicativi su questo sito). Sicuramente pian piano si chiuderà.. Ne parli col suo dr. Lui che dice?? E' un laureato??

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Giuseppe, quando si affronta un caso ortodontico, di solito si stabilisce un piano di cure, calcolato sul singolo caso. Di norma il paziente viene informato dei risultati che si potranno ottenere e di eventuali complicanze tipo diastemi, richieda per iscritto il consenso da lei firmato li troverà la risposta alla sua domanda.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Giuseppe, se il trattamento ortodontico è stato ben pianificato sin dall'inizio con esami, modelli e teleradiogafie il diastema sarà chiuso successivamente dall'apparecchio fisso. Parlane con il tuo dentista per conoscere l'iter del trattamento. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Giuseppe, abbia fiducia nel suo dentista che prima di affrontare un lungo percorso di cura come il suo avrà sicuramente studiato in via preliminare la situazione con i normali procedimenti diagnostici e sarà in grado di rassicurarla più di chiunque altro. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Giuseppe, non tenga troppo in conto i diastemi creati in corso di trattamento, perché l'azione del filo ortodontico è mirata a correggere proprio queste mancanze. Se ho capito bene le sono stati estratti quattro premolari, due per arcata. Auguri!

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Ortodonzia con chiusura del Diastema e frenulectomia. Da casistica della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Caro signor Giuseppe, sarebbe bastato chiederlo al suo dentista per non vivere questi momenti di angoscia! Ma lei ci parla col suo dentista? Ed ha fiducia in Lui? Stia tranquillo è ovvio che Lui ha previsto e programmato tutto. Il diastema verrà chiuso in un altra fase della terapia. Ne parli col suo Dentista!!! Le lascio una foto in cui viene chiuso il Diastema. Di più non posso dirle pertchè la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. SI FIDI DEL SUO DENTISTA. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Giuseppe, purtroppo anche se che con le tecniche attuali non si estraggono praticamente mai i premolari per guadagnare spazio, non si preoccupi che se è tutto ben progettato il diastema si chiuderà. Comunque al momento della pianificazione della terapia doveva esser già stato informato della successiva estrazione dei premolari. Abbia fiducia. Auguri

Scritto da Dott. Dario Vespa
Milano (MI)

Gentile Giuseppe, abbia fiducia nel suo dentista che avrà sicuramente previsto l'intero iter terapeutico. Spesso i diastemi si formano in questa fase transitoria, ma a fine trattamento dovrebbero essere risolti. Le consiglio comunque di confrontarsi col suo dentista. Cordialmente.

Scritto da Dott.ssa Andreea Cacoveanu
Casalecchio di Reno (BO)

Caro Giuseppe, le estrazioni dei quattro premolari sono purtroppo necessarie allorchè l'affollamento e la mancanza di spazio siano eccessivi. Se non esistono problemi di II o III classe dentale, i premolari superiori sono stati estratti proprio per non alterare i corretti rapporti occlusali. Il diastema tra gli incisivi superiori si può creare durante le fasi di allineamento, questo verrà corretto nella fase finale dell'ortodonzia fissa che consiste proprio nella chiusura degli spazi e coordinazione delle arcate. Se l'iter diagnostico e terapeutico e' corretto non residueranno spazi alla fine del trattamento. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alfredo Spadaro
Catania (CT)