Domanda di Diastema

Risposte pubblicate: 8

Può esserci un modo diverso dall'ortodonzia per poter ridurre il mio diastema?

Scritto da giacomo / Pubblicato il
Salve , sono un ragazzo di 21 anni che presenta un diastema piuttosto visibile che non ho mai curato attraverso apparecchio in quanto quando ero piccolo ho dovuto correggere altri problemi, mentre, diventato più grande, mi preoccupava sopratutto il tempo che avrei dovuto tenerlo. Per questo vedendo la foto che ho postato pensate possa esserci un modo diverso dall'ortodonzia (come le faccette) per poter se non curare del tutto, almeno ridurre il mio diastema? Grazie della disponibilità, giacomo
terapia di un Diastema, come esempio in cui Parodontologia, Ortodonzia e Gnatologia si fondono in una unica Terapia. Da casistuica della Dottoressa Claudia Petti Parodontologa Pedodontista in Cagliari
Caro Signor Giacomo, buongiorno. Non è così che si affronta il "problema" di un Diastema interincisivo. Le faccette non fanno "miracoli", non solo ma possono essere molto "deleterie". Creare con otturazioni o Faccette Estetiche una "chiusura degli spazi lasciati liberi dalla decapitazione delle papille e/o da diastemi, crea a sua volta un sovradimensionamento e sottosquadri interprossimali nocivi per il parodonto e discutibili dal punto di vista della armonia estetica del sorriso! La decapitazione delle papille indica che c'è una sofferenza parodontale in atto. Ora per risolvere la situazione bisogna creare dei modelli di studio in gesso della sua bocca con articolatore a valore medio e fare cerature diagnostiche in cera bianca. Almeno io mi comporto così. L'ideale è chiudere il diastema con l'Ortodonzia dopo aver valutato se c'è bisogno di escidere chirurgicamente il frenulo interincisivo che in questi casi è spesso molto grosso, fibroso e si estende dietro gli incisivi palatalmente con inserzioni profonde che arrivano al periostio. Potrebbe , quindi, essere necessaria una frenulectomia. Ovvio che bisogna Diagnosticare se sia presente una Disgnazia e per questo occorre fare una analisi Cefalometrica e Ceck up Ortodontico oltre che Parodontale completo e Gnatologico. Come vede non bisogna affrontare questo problema apparentemente "banale" con "leggerezza diagnostica" ma con serietà e competenza Professionale! Si faccia visitare da un Ortodontista che chieda eventualmente il consulto di un Parodontologo! Le lascio un Poster di casistica di mia figlia per la terapia di un Diastema, come esempio in cui Parodontologia, Ortodonzia e Gnatologia si fondono in una unica Terapia! Cari saluti 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Giacomo, come detto saggiamente dal dott.Petti la cura del diastema rientra spesso in un sistema di cura multispecialistica che può coinvolgere l'ortodontista, il parodontologo etc. tutto già esaurientemente spiegato dal collega. Si faccia visitare da un buon dentista che potrà trovare anche su questo sito che sicuramente saprà dare giuste spiegazioni dopo attenta visita. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Giacomo di sistemi per correggere il suo diastema senza ortodonzia ne esistono molti, teoricamente si potrebbero anche togliere tutti i denti e riabilitarli con una protesi totale mobile (dentiera), ma l' ortodonzia è la più indicata e meno invasiva, tutto il resto sono compromessi che possono dare complicanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Ortodonzia punto e basta, ma con un piano di trattamento ben definito e mirato (preceduto quindi da una diagnosi precisa) dato che il suo non è un caso semplice, anche perché rientra ormai nell'ortodonzia dell'adulto. Ortodonzia in collaborazione con il Protesista ed il Parodontologo dato che appunto, come sottolineato dai colleghi, il suo è un caso che necessità di approccio multidisciplinare. Con le sole faccette estetiche non risolverebbe nulla né da un punto di vista estetico né da un punto di vista funzionale, né tantomeno con corone protesiche complete.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

La soluzione più conservativa è la chiusura diretta con del composito. Tra l'altro può provarlo prima. Poi si smontano i piccoli intarsi di prova e li può fare definitivi. Da questa prima soluzione, si passa a intarsi fatti in laboratorio e cementati in bocca successivamente, alle faccette, con grado crescente di complessità e di costo oltre che di invasivitá. Cioè non può "ripensarci", mentre con la prima soluzione volendo smonta il composito e i denti tornano come prima. Un bravo dentista non ha problemi a effettuare quanto le ho illustrato. Spero le sia utile.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Enrico Cauli
Roma (RM)

Gentile Giorgio, intanto starei tranquillo in quanto a 21 anni la mancanza di una papilla in un diastema non presuppone nel suo caso la presenza di un problema parodontale. Per risolvere il diastema dipende da quanto vuole impegnarsi lei. Ortodonzia è sicuramente l'ideale ma lunga come terapia e economicamente più impegnativa quella con otturazioni a chiudere lo spazio è la più veloce e economica ma va tenuta sotto controllo e magari ripetuta negli anni.

Scritto da Dott. Giuseppe Grilletta
Baranzate (MI)

Gentile Sig. Giacomo, usare faccette o ricostruzioni in composito nel suo caso penso che peggiori la situazione. Verrebbero dei denti sproporzionati! Anche usando l'ortodonzia il suo caso non è dei più facili, pertanto le consiglio di cercare un bravo ortodonzista che conosca a fondo la materia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Lei ha una dimensione dentale abbastanza ridotta per cui le faccette sicuramente possono essere un'alternativa ma probabilmente dovranno coinvolgere almeno tutti e 4 gli incisivi superiori se non anche i canini per mantenere le proporzioni. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia