Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 5

Ho eseguito un trattamento canalare al molare

Scritto da Davide / Pubblicato il
Ho eseguito un trattamento canalare al molare visibile nella immagine, circa 15 anni fa. Nonostante ciò il dolore non è mai andato via completamente, essendo più un fastidio che un dolore, che si accentua dopo l'attività fisica. Ad intervalli saltuari e poco frequenti (ogni 2 mesi ad esempio) durante la masticazione mi viene una fitta di dolore molto intenso sotto al dente in oggetto. E' visibile dalla radiografia allegata qualche indizio sul fallimento della cura canalare (qualche canale non trattato, trattamento dei canali troppo poco profondo, etc.)? Il "contorno" intorno alla radice, indica una infezione, od è una cosa normale? Grazie dell'aiuto
Caro Signor Davide, prego, si figuri, aiutarla è un Dovere il cui motore non è solo la Professionalità ma anche la "Passione" per questa meravigliosa Specialità Medico-Chirurgica che è l'Odontoiatria :) In realtà sembrerebbe che il canale della radice palatale non sia stato trattato endodonticamente, ma per diagnosticarlo bisognerebbe fare una Rx endorale con proiezione mesio-distale ed un'altra disto-mesiale oltre naturalmente alla Visita clinica, essenziale per fare Diagnosi! Si nota anche una piccola area di osteolisi periapicale, nella suddetta radice che indicherebbe la presenza di una "sofferenza ed infezione endocanalare della suddetta radice" .Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi, e i corpi dei leucociti macrofagi che arrivano in massa, formano il pus. Tolti i microbi con la terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda, se fossero presenti ostacoli insormontabili come perni non rimovibili etc (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. Basta quindi procedere alla terapia endodontica valutando anche gli altri canali perché, mentre il vestibolo-distale sembrerebbe chiuso all'apice anatomico ( che non corrisponde di regola con quello radiografico), invece il vestibolo- mesiale parrebbe "corto" come terapia con assenza di chiusura apicale. Sono però tutte valutazioni che VANNO CONFERMATE con visita clinica dato che via Web diventano solo ipotesi diagnostiche e nonDiagnosi certa! Torni dal suo Dentista o in sua assenza vada da un Dentista di sua Fiducia! Cari saluti e stia tranquillissimo, si risolve tutto. Dimenticavo: è opportuno fare anche una visita Parodontale con misurazione delle eventuali tasche parodontali per escludere una endo-parodontite. Ancora cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Davide, la sola radiografia non è sufficiente per valutare se esiste una relazione col suo problema ma deve integrarsi con altre informazioni e dati che risultano da una accurata visita con test di vitalità, test di percussione,sondaggio gengivale etc. Pertanto le consiglio di affidarsi alle cure di un buon dentista che le possa dare le giuste indicazioni. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Dalla radiografia endorale (che comunque è indicativa fino ad un certo punto, in quanto si rende necessaria una visita clinica più completa), si nota, come giustamente segnalato dal dott.Petti, una anomalia nel trattamento della radice palatina (sembra, ma dico sembra, quasi non trattata) e una cura leggermente corta a livello della vestibolo - mesiale con mancanza di sigillo apicale; ok la vestibolo - distale. E' presente una leggera radio-trasparenza peri - apicale a livello della radice palatina, come indice potenziale di sofferenza - osteolisi peri - apicale (che potrebbe essere legata alla cura endodontica anomala). Se, dopo così tanto tempo, il dente continua a causarle dei problemi, il consiglio è di farsi visitare, con una visita clinica completa, dal suo dentista di fiducia ed eventualmente, se ritenuto da lui necessario, ritrattare il dente in questione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Se un dente trattato manifesta questi disturbi va ritrattato, sembra poi che vi possa essere un alone di radiotrasparenza sulle radici. S i consiglia la ridevitalizzazione. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Davide, un trattamento canalare dopo 15 anni di sintomatologia andrebbe rivisto e ritrattato.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)