Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 9

È possibile che non riesca a trovare i canali del dente?

Scritto da Andrea / Pubblicato il
Buongiorno, ed in anzitutto grazie dell'ottimo lavoro svolto. Sono un ragazzo di 24 anni ed ho un problema al molare 36. Il dente è stato devitalizzato circa 10 anni fa. Nel corso degli anni ho sentito qualche fastidio sul dente, che nel tempo di 10 minuti svanivano. Inoltre ricordo che raramente, la gengiva presentava un piccolo bozzolo che se premuto, scoppiava. Purtroppo non ero molto grande e cosciente ed ho lasciato correre. Da molti anni questi problemi non si erano più presentati. Una settimana fa circa, ho avuto un'infezione al dente, il dentista mi ha prescritto antibiotici ed un collutorio per risciacqui. Il dolore è stato molto forte. Durante la visita il dentista, in seguito ad una lastra, ha rilevato due granulomi, uno per ogni canale del dente. Sono tornato oggi dal dentista, il suo intento era quello di aprire il dente, ripulire i canali, richiudere il tutto in modo da debellare questa infezione. Purtroppo a suo dire, non è riuscito a trovare i canali del dente, riproverà tra un paio di settimane, altrimenti sempre a suo dire sarà necessario rimuovere il dente. È possibile che non riesca a trovare i canali del dente?! Mi ricordo molto bene che, durante la devitalizzazione, il precedente dentista mise dentro ai canali una strana pasta colorata inizialmente dura ed a forma di piccolo ago, quindi dovrebbe essere ben visibile o sbaglio? Sono un po preoccupato perché rischiare di dover togliere un dente per colpa di questi canali magicamente spariti mi sembra davvero troppo. Comunque per precauzione dopo la nuova seduta proverò da un'altro dentista. Altra cosa, dopo la cura di antibiotici ho sempre la gengiva leggermente gonfia, se ne è accorto anche il dentista ma non ha fatto niente, come mi dovrei comportare? Mi dovrei far prescrivere qualcosa? Grazie mille per il servizio utilissimo che svolgete, un saluto e buon lavoro
Retrograda per terapia di osteolisi periapicale. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Caro Signor Andrea, grazie a Lei per le sue gradite e belle parole di Stima e di Fiducia, è bello vedere apprezzato il proprio lavoro! In linea di massima e con la cautela derivata dal fatto che non conosco di persona la sua situazione clinica, le posso dire che NON è possibile! Lei però ha le idee molto confuse perchè parla di devitalizzazione quando si evince da quanto dice che il dente è già stato devitalizzato, quindi forse il Dentista non riesce a rimuovere la precedente terapia endodontica e lei invece ha capito che non riesce a trovare i canali! In ogni caso secondo come è stato chiuso il dente può succedere che non siano facilmente rimuovibili i materiali di chiusura dei canali. Da quanto scrive, però, sembrerebbe che fossero stati chiusi con coni di guttaperca che si rimuove facilmente anche solo scaldandola e poi alesando con strumenti idonei endocanalari! In un giovane poi che ha di solito i canali ben larghi, la precedente terapia canalare deve essere rimossa. NON faccia estrarre il dente. Scherziamo veramente?! Trattandosi del primo molare inferiore è improbabile che si possa fare una retrograda, ma non certo impossibile! Le valutazioni da fare sono tante e le può fare solo il suo Dentista! Perchè non ha fiducia in Lui? Ne parli con Lui. Si confidi. Gli estrinsechi le sue paure, perplessità e desideri Parla di andare da un altro dentista come si cambia un paio di sandali! Se volesse il consulto di un altro Dentista non cerchi "qualche altro e più di un Dentista" ma cerchi "il Dentista" . Digiti il suo nome su un motore di ricerca e se il Professionista è uno studioso, troverà curriculum, foto di interventi, corsi, congressi, pubblicazioni. Non sarebbe indispensabile avere tutto questo, ma almeno sa che sta recandosi da un Medico colto e che fa cultura, il ché è già un buon inizio!ogni caso, in senso lato e solo dal punto di vista Culturale ho già provato , per quel che ho potuto, a soddisfare la sua curiosità, nella mia su esposta risposta! Quanto detto vale per qualsiasi specialista ed anche quindi per il Dentista cercandolo anche su questo Portale Digitando il nome e leggendo il suo Profilo e poi digitandolo sul motore di ricerca e leggendo la sua attività culturale e scientifica etc. Le lascio un Poster sulla retrograda. Cari saluti!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Andrea, anche i migliori endodontisti al mondo che utilizzano il microscopio intraorale hanno gli insuccessi, il suo odontoiatra esegue 2 tentativi e poi correttamente si arrende e ricerca correttamente altre soluzioni, come fanno tutti gli odontoiatri. Le ricordo che il suo caso si tratta di un ritrattamento canalare che è molto più arduo di una comune devitalizzazione per cui occorre fiducia e pazienza.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

In linea generale i canali radicolari di un dente vengono trovati, ma come scrive il collega Ruffoni, esistono gli insuccessi anche da parte degli Endodontisti che operano con microscopio operatorio (ovviamente sono rari, non a caso quando un dente non si riesce a trattare endodonticamente viene inviato da questi specialisti). Un conto è parlare di devitalizzazione, un conto è parlare di ritrattamento canalare. Da quello che leggo, il collega comunque è stato corretto, quindi gli lasci un minimo di fiducia. Se non sarà soddisfatto, ovviamente sarà liberissimo di sentire da un altro Odontoiatra magari se specialista in Endodonzia meglio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Può succedere di non riuscire a ritrovare i canali di un dente, ma la cosa più importante è che prima dell'estrazione abbiamo un'altra possibilità: l'apicectomia. Si tratta di un piccolo intervento chirurgico con la finalità di tagliare gli apici delle radici incriminate e chiudere i canali per via 'retrograda', con una minuscola otturazione. Può essere risolutivo....

Scritto da Dott. Andrea Nuzzoli
Lecce (LE)

In realtà è possibile non trovare i canali spesso sotto ampie e vecchie ricostruzioni dove si può verificare una calcificazione dei stessi, oppure non riuscire a sondare perfettamente canali già trattati......e non è evento rarissimo. Per quel che riguarda il trattamento retrogrado vanno valutati costi e benefici.

Scritto da Dott. Massimiliano Trubiani
Roma (RM)

Gent.mo Andrea, purtroppo curando un dente già devitalizzato in passato non è cosa rara non riuscire a rientrare, per tanti motivi, si fidi dunque del collega che l'ha in cura, facendosi spiegare comunque quali sono i motivi che lo inducono a consigliare l'estrazione. Buona giornata

Scritto da Dott. Luigi Piola
Legnano (MI)

Gent sig Andrea il caso da lei descritto non è comune ma può' essere presente ogni giorno anche in mani esperte.. Chiunque può' imbatterai in un trattamento già' eseguito molti anni addietro ed avere difficoltà' nell'esecuzione del ritrattamento dei canali radicolari.. Credo che il suo dentista sia stato onesto nel dire di voler riprovare.. Dia fiducia al suo dentista... In riferimento all'apicectomia le percentuali di successo non sono così' esaltanti... Si lasci consigliare dal suo dentista.. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Franco Tarello
Torino (TO)

Gentile Sig. Andrea, nei ritrattamenti non sempre è facile trovare gli imbocchi dei canali. Trovo onesto non insistere nel cercarli a tutti i costi in una seduta perché in questi casi si possono fare false strade e/o sfondamenti della camera pulpare. E' saggio a volte rimandare ad un'altra seduta. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.mo Sig. Andrea, le cosiddette devitalizzazioni sono una delle operazioni più difficili e delicate perchè, oltre all'intrinseca difficoltà di lavorare su strutture anatomiche delle dimensioni di pochi decimi di mm, richiedono molta pazienza, tempo, perizia ed esperienza, oltre ad una serie di attrezzature ormai indispensabili per assicurare un trattamento adeguato. Detto questo, le consiglio di contattare uno specialista in endodonzia che sia in grado di gestire il suo caso, magari consigliandosi con il suo dentista. Se il nostro collega si dimostra sensibile nei suoi confronti dovrebbe capire che è anche nel suo interesse affinchè il trattamento del suo dente vada a buon fine, con l'aiuto del suddetto specialista. E' una cosa che tra colleghi si fa anche se in Italia è a volte difficile per paura di perdere il paziente, che al contrario dovrebbe apprezzare l'interessamento.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Gabriele Longheu
Milano (MI)