Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 7

√ą possibile che i dolori siano dovuti al fatto che non mi vada a genio l’anestesia e mi crei un'infiammazione?

Scritto da Marco / Pubblicato il
Salve. Inizio col dirvi che il trattamento di devitalizzazione del molare (penultimo arcata inferiore lato sinistro) è iniziato il 7 gennaio 2013 e alla data di oggi non è ancora stato ultimato. Tutto nasce da un otturazione vecchia di almeno 8 anni che nel tempo sgretolandosi ha creato una carie enorme. Il mio dentista afferma che bisogna devitalizzare. Quindi subito una lastra e spacca il dente a metà per prepararlo per il trattamento. Seconda seduta: Diverse anestesie intorno al dente. si incomincia a snervare i canali. Da questo momento incomincia l'incubo. la parte posteriore del dente (verso la gola) prende subito l'anestesia, infatti si riesce a spolpare tranquillamente mentre la parte anteriore non ne vuole sapere. si procede con altra anestesia ma nulla. il dentista decide di eseguire una tronculare. dopo che l'anestesia mi ha addormentato metà bocca compreso labbro inferiore e lingua si riprova a spolpare ma provo dei dolori molto forti quando il "raschietto spolpante" arriva a fondo. quindi si decide di interrompere. mi congeda dicendo di prendere antidolorifici se provo dolore. Terza seduta: anestesie intorno al dente, tronculare e niente! stessa identica cosa. allora decide di provare a pungere direttamente in un canale. vi giuro di non aver provato mai un dolore simile! qualcosa di disumano direi. dopo di questo ci si ferma perchè il dolore è insopportabile e non accenna a passare. Sembra quasi che gli effetti delle anestesie e l’antidolorifico preso prima della seduta siano spariti in un attimo. Mi viene fatta una lastra, dove si vede un leggero alone intorno ad una radice che passa vicino al nervo della mascella che diciamo va su fino all’orecchio, si pensa che sia un’infiammazione. Mi congeda prescrivendomi augmentin e all’occorrenza prendere antidolorifici. Passo giornate e notti da incubo imbottito di antidolorifici tanto che ne la oki ne la orudis mi fanno più effetto. Quarta seduta: Si decide di riempire i canali con il cemento. Stessa identica situazione riportata sopra. Anestesie, tronculare ecc. Un canale va tutto liscio! Gli altri due non vogliono nemmeno essere menzionati per sbaglio. Dolori assurdi. Vado via preavvisato che il cemento potrebbe darmi fastidio. Nemmeno a dirlo i dolori sono assurdi, fastidiosi e continui, ma la cosa che mi puzza è che il dente di per se non mi fa malissimo, ho un po’ di fastidio ma niente di che. Il dolore più forte è intorno al dente e nella mascella sino ad arrivare all’orecchio. Torno di mia spontanea volontà senza appuntamento per farmi controllare, per cercare di capire come mai questi dolori non volessero passare. Mi viene detto di prendere oltre che l’augmentin anche un cortisonico (Bentalan). Corro in farmacia, incomincio a fare la “cura” ottenendo dei lievi miglioramenti quando mia madre mi suggerisce di prendere anche il Brufen! Il paradiso!! Niente più dolori fastidi ecc. Una nuova vita insomma. Ieri l’ultimo appuntamento per svuotare i canali maledetti e riempirli definitivamente. Quindi si procede direttamente con la tronculare! Nessun fastidio durante la seduta. Va tutto liscio. Svuotati i canali riempiti con il cemento e pronti per la ricostruzione nella prossima seduta. Il problema è che anche ora mentre vi scrivo sto morendo dai soliti dolori. Il dolore pulsante parte dalla zona del dente sino all’orecchio. E la cosa peggiore è che anche prendendo la brufen il dolore non passa, come se la pastiglia sia una comune caramella. Ora vi chiedo. È possibile che questi dolori siano dovuti al fatto che non mi vada a genio l’anestesia e mi crei un'infiammazione? Cosa posso fare almeno per alleviare il dolore visto che oki, orudis e brufen non mi fanno più nulla? Grazie in anticipo
Sig. Marco, la corretta anestesia citata sui libri per quel dente è la tronculare, poi è facoltà di ogni odontoiatra la scelta di altri sistemi anestetici, tra cui anche la intraligamentare, che può dare complicanze difficili da gestire. Ora, quello che sia successo e se la causa fosse il sistema di anestesia non lo possiamo di certo dire noi a distanza senza la minima conoscenza del caso; per cui attenda l'evolversi, riferendo correttamente il dolore al suo odontoiatra, senza ingannarlo, perché potrebbe anche ricevere delle cure non appropriate e si ricordi che non sempre le cure endodontiche vanno a buon fine.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Paziente, la sua descrizione "da incubo" potrebbe andar bene per una sceneggiatura da film horror! Rimane il fatto che se l'anestesia non è stata efficace bisogna rifarla o modificare il sito di iniezione, in altre parole bisogna farla bene. Non è possibile dirle molto di più nello specifico senza una Rx endorale e una visita clinica diretta, possiamo fare solo inutili supposizioni che non portano a nulla. Il suggerimento è ritornare dal suo dentista per valutare in modo approfondito il quadro clinico, sapendo che anestesia e "infiammazione" non c'entrano nulla. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Gentile Marco,può accadere talvolta che l'anestetico abbia un effetto insufficiente allo scopo di solito per una infiammazione locale che ne contrasta gli effetti ma di solito dopo una terapia adeguata antibiotica ed antinfiammatoria si riesce a curare il dente senza dolori. Nel suo caso non avendo alcun elemento a disposizione si potrebbero fare varie ipotesi nessuna però certa.Forse non è stata eseguita una corretta terapia preliminare antimicrobica o potrebbe essere un difetto nella tecnica di anestesia. Comunque prima di procedere alla otturazione definitiva le consiglio di verificare la situazione e concludere la cura solo quando si ha la certezza che la cura sia andata a buon fine ed i sintomi siano scomparsi. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Marco, intanto inizio col dirle e raccomandarle di non assumere mai farmaci non prescritti dal Medico Dentista perchè il Brufen appartiene ai cosidetti Fans (farmaci antidolorifici non steroidei, ossia non cortisonici) e sovrapporlo al Cortisone che le era stato prescritto è assolutamente molto pericoloso! Certo che ha fatto effetto, perchè in pratica ha assunto una "bomba farmacologica" e meno male che non è esplosa! L'anestesia di prima scelta per un secondo molare come il suo è la tronculare del nervo alveolare inferiore alla spina di Spix!Poi eventialmente la si può potenziare con altre anestesie locali come spiego più avanti! Sicuramente sarebbe sempre buona norma dominare l'infezione con antibiotici perché l'effetto dell'anestesia potrebbe essere invalidata parzialmente perchè è presente una forte infiammazione perchè il PH locale si abbassa acidificando l'ambiente e l'anestetico libera la sua base attiva in ambiente basico o almeno neutro, non in ambiente acido! Ma in queste situazioni basta risolvere prima l'infiammazione e poi procedere all'anestesia, oppure fare una anestesia regionale, nel senso di tronculare del tronco nervoso che innerva quella particolare "regione" della bocca, da trattare terapeuticamente, anzichè locale! Ma se si deve intervenire subito d'urgenza, ripeto, basta potenziare l'anestesia plessica o tronculare con anestesie peripress nello spazio parodontale e subperiostea ossea e, aperta la camera pulpare, intrapulpare, che l'effetto diventa pieno in qualsiasi situazione patologica! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Marco, io credo alla verità scritturale, perché certamente lei scrive in buona fede, ma non posso credere che la verità sostanziale sia una refrattarietà assoluta alla formula chimica dell'anestetico. In casi analoghi che mi sono accaduti, io pensando ad alta voce mi andavo ripetendo: "La prossima volta proverò con la stricnina o con il cianuro". Le parole funzionano sempre più di quanto speriamo. Ci sarebbe da eccepire sulla formulazione dell'anestetico, la marca e la concentrazione di sostanza attiva. Si tratta comunque di prodotti validati, per l'effetto ma non per l'intensità di progetto. L'ultima variabile da considerare è la mano dell'operatore. Oso sperare che la chimica in altra mano avrebbe sortito un diverso effetto. Se mi sbaglio per via logica, per l'irrazionale c'è anche Lourdes. Senza altre parole, buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Marco, è stata fatta di prima scelta l’anestesia intraligamentale. A volte questa anestesia può infiammare il legamento parodontale, soprattutto se già ha dei problemi. I problemi possono essere ancora molti altri, senza una visita non è possibile capirlo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Marco non otterrà mai con solo un racconto delle risposte sicure al Sua storia, troppe sono le variabili.. non mi sento di dare la colpa al collega ( che, per carità, potrebbe aver sbagliato le anestesie, anche se sbagliarle tutte sarebbe quantomeno strano..)e men che meno a Lei... Il vero problema è il dolore che, a cure ultimate, continua a sentire... Potrebbe essere stato temporaneamente lesionato il nervo alveolare inferiore da una sovrastrumentazione canalare, il che richiderebbe solo tempo per guarire. Potrebbe essere fuoriuscito dagli apici radicolari del materiale da otturazione canalare che va a comprimere il sopracitato nervo.. Lei ha ora una nevralgia al nervo trigemino omolaterale al dente trattato e il nervo alveolare inferiore è una delle tre branche di questo... Solo una lastra potrebbe essere indicativa... Capisco la Sua frustrazione e il dolore che ha provato e che prova, ma torni dal Suo dentista, saprà darLe i giusti consigli.. Cordialità Dr. Luca Baucia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Baucia
Cavenago di Brianza (MB)
Milano (MI)