Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 12

E' un infezione che può rientrare da sola o una devitalizzazione è inevitabile?

Scritto da Luigi / Pubblicato il
Salve, due anni fa ho avuto dei forti dolori in bocca per una settimana e con anche una guancia gonfia all' altezza di un molare in basso a sx, che in passato era stato otturato; dopo una settimana di antibiotici è passato tutto, il dentista di allora mi disse che era tutto ok. Qualche settimana fa ho notato che l'otturazione in questione si era mossa e sono andato da un altro dentista (diverso da quello di 2 anni fa) per farmi rifare l otturazione, facendomi una lastrina (in allegato) mi ha consigliato di devitalizzare il dente perchè alla base del dente c'è una parte un po' più scura che indica un'infezione, ma la parte più scura è così evidente? ...visto che sono 2 anni che comunque a quel dente non ho più problemi, è un infezione che può rientrare da sola o una devitalizzazione è inevitabile ? Grazie Mille Luigi
Chirurgia endodontica retrograda. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo Endodontista di Cagliari
Caro Signor Luigi, questa sempre pessima "usanza ormai" di far fare una OPT (panoramica) al posto di una Rx endorale fatta dal Dentista stesso. La panoramica non serve, deforma le immagini per valutare bene un dente ed il suo parodonto e l'osso periapicale e periradicolare! Occorre una Rx endorale! In ogni caso è vero ha due osteolisi periapicali nelle radici del primo molare inferiore sinistro che probabilmente è in necrosi e va curato endodonticamente (devitalizzato). Poi per quello che le è successo in passato, ha avuto una infezione probabilmente a partenza dallo stesso dente che si è estrinsecata con un ascesso che si è risolto con terapia antibiotica ma la causa non è curata, si sarebbe dovuto curare il dente che probabilmente era in necrosi o in patologia endoparodontale. Quelle osteolisi possono essere granulomi o cisti periapicali. La terapia è la stessa. Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi,tolti i microbi con la nuova terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda (chirurgica), le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. Solo in caso di insuccesso molto improbabile della terapia ortograda si farebbe una Retrograda di cui le lascio un Poster di mia Chirurgia Endodontica. Nella lastra postata vedo una architettura ossea che ha perso la sua normale e fisiologica festonatura ed ha dei difetti ossei con architettura inversa. E' doveroso quindi fare una Visita Parodontale per evidenziare eventuali possibili e probabili tasche parodontale e misurarle per fare eventuale diagnosi di Parodontite e programmarne la terapia eventuale, ovviamente! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Dalla rx, devitalizzazione del tutto inevitabile..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Luigi, guardando la radiografia sembrerebbe necessaria la devitalizzazione ma essa deve essere integrata da una corretta visita con test di vitalità e sondaggio gengivale. Solo in relazione a questi dati risultanti si può decidere per la devitalizzazione. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Luigi, da quello da lei riferito e dal rx si evince che il dente é in necrosi ( non é più vitale), proceda subito alla devitalizzazione. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Angela Musci
Fragagnano (TA)

In quasi tutti i problemi della bocca affiorano dubbi, ma non nel suo caso. La cura canalare è obbligatoria, pena gravi conseguenze. Il midollo del dente è necrotico, tanto che l'operazione di apertura della camera potrebbe essere fatta senza anestesia. Più prova di così, cosa vuole? Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

sig. Luigi assolutamrnte devitalizzare e presto

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Rocchi
Roma (RM)

Hai voglia se è evidente! (la rarefazione apicale); da quanto si vede qui, la terapia canalare è proprio indispensabile. Sentirà che odore quando il dente verrà aperto...

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile paziente concordo inevitabilmente con i colleghi, il dente è in necrosi è va devitalizzato quanto prima per evitare complicazioni. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Gentile Sig. Luigi, si la devitalizzazione è inevitabile. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.Luigi, queste vecchie infezioni non "rientrano" con l'antibiotico, ma si cronicizzano e costituiscono una infezione focale, che dà gravi problemi anche a distanza, fortunatamente non sempre. La terapia è endodontica, previa terapia antibiotica. Al termine deve eseguire un rx di controllo. L'importante è che si faccia fare una endodonzia secondo le regole dell'endondonzia moderna, cioè senza "aghetti", cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia