Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 7

Da due o tre giorni ho un dente che mi duole e trovo sollievo unicamente sorseggiando dell'acqua fresca

Scritto da Nicola / Pubblicato il
Salve. Da due o tre giorni ho un dente (molare inferiore sinistro) che mi duole e trovo sollievo unicamente sorseggiando dell'acqua fresca. Non c'è antidolorifico che tenga! Già in passato ho avuto un problema analogo e il dentista di allora lo risolse con una devitalizzazione. In quell'occasione, l'intervento andò bene, nel senso che non provai il benchè minimo dolore. Provai, però, un dolore *atroce* quando mi somministrò l'anestesia (tronculare). Credetemi, avvertii una scossa fortissima! E' vero, durò un secondo, ma fu comunque terribile. Ora, a costo di apparire ridicolo, l'idea di riprovare un dolore simile mi mette profondamente a disagio e questo è il motivo per il quale ho ritardato le cure. Ci tengo a precisare che il dolore in questione non era legato al "foro", che sopporto benissimo. In quell'occasione, ho avuto come l'impressione che mi venisse squarciato un nervo! Nel frattempo, mi sono trasferito e questo Venerdì ho un appuntamento con il nuovo dentista, dal quale andrò per la prima volta. Che dite, mi rassegno già all'idea di dover "patire le pene dell'inferno"? Avevo pensato a farmi prescrivere dal mio medico curante un ansiolitico, da assumere prima dell'intervento, per contenere l'ansia. Grazie anticipatamente.
Sig. Nicola, lei sta pagando le conseguenze di non aver effettuato le corrette visite semestrali. Ora non le resta che affidarsi alle buone mani del nuovo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Signor Nicola, un ansiolitico isolato non è che faccia molto. Comunque se lo faccia prescrivere. La scossa che ha sentito è dovuta al fatto che l'anestetico depositato con la tronculare è stata depositato molto vicino al nervo alveolare inferiore. Capita. Non sempre l'emergenza della Spina di Spix che copre l'emergenza del nervo è rintracciabile palpatoriamente ed con le misure statistiche anatomiche. Stia tranquillo e vada tranquillo dal nuovo Dentista. In ogni caso meglio essere vicini e sentire un attimo di dolore che essere lontano e non avere un effetto pieno della anestesia!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Nicola, il suo problema è un inizio di pulpite che col passare del tempo potrebbe causare una forma acuta con dolori forti. Le consiglio di recarsi senza paura dal dentista. Meglio un attimo di dolore durante l'anestesia, che i dolori da pulpite acuta. Tenga comunque presente che se avesse fatto i dovuti controlli semestrali molto probabilmente non avrebbe avuto questi problemi. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Nicola, la sintomatologia che descrive è da attribuire ad una pulpite, e sarebbe quindi opportuno curare il dente, molto probabilmente con una devitalizzazione. Vada tranquillamente dal suo dentista. Quello che è successo con la passata devit. non è detto che succeda di nuovo. A me, in venti anni di professione non è mai successo ( Fortuna?). Auguri e 5 goccioline di tranquillante. P.S. Se vede Giovanotti me lo saluti!

Scritto da Dott. Giuseppe Grandinetti
SIENA (SI)

Caro Nicola, la pulpite di cui soffre è meglio curarla prima possibile. Eviterà molti possibili disturbi. Si affidi alle cure del nuovo dentista con fiducia. E' improbabile che avvertirà di nuovo lo stesso dolore, sarebbe come fare centro due volte di fila al tiro a segno! Cordialmente

Scritto da Dott. Pellegrino Di Troia
Parma (PR)

Siamo alle solite. Il suo problema è un Caso Clinico Molto Semplice, alla portata di qualsiasi dentista di città o di campagna. Anestesia. Sembra che l'altra volta la punta dell'ago abbia centrato il corpo del nervo alveolare inferiore, come evenienza di rarissima ripetizione. Per totale sicurezza, chieda gentilmente adesso una pre-anestesia, non con lo spray, ma con lo stesso anestetico da diffondere sul bersaglio. Due minuti di sosta, e dopo si ritorna fino all'impatto a fondo senza dolore. "Le pene dell'inferno". Sono impressionato dal suo linguaggio, motivato da questioni veramente minime, che non dovrebbero neanche affiorare in questo forum. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Io piu' che venerdi' (che porta pure male) ci andrei oggi perche' non vedo una notte tranquilla. Siamo all'epilogo di quella serie di manifestazioni biologiche che portano ad un dolore molto forte. Infilare il nervo con l'ago succede spesso ma basta non scaricare con forza l'anestetico in quella zona. Vedra' che se il suo dentista non ha fretta tutto andra' bene

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)