Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 8

Cosa rischio con l'anestesia?

Scritto da valentina / Pubblicato il
Salve ho 23 anni e aspetto un bimbo da 2 mesi circa. Oggi ho fatto un operazione dal dentista, ossia ho chiuso un dente che mi era stato devitalizzato e che mi faceva molto molto male. Per effettuare ciò ho richiesto l'anestesia perchè altrimenti non sarei riuscita assolutamente a resistere. Mi ha fatto un pochino di articaina con adrenalina, dietro consenso del mio ginecologo, che ha dato l'ok. Ma siccome sono molto impressionabile e autosuggestionabile, nonchè ipocondriaca, mi è sembrato di sentire dolore al basso ventre. Volevo sapere in sostanza cosa rischio con l'anestesia??il mio ginecologo mi ha detto di andare tranquilla.. ma sono in ansia, :(
Gengivite e sua terapia. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari e della dr.ssa Claudia Petti Odontoiatra sempre di Cagliari
Cara Signora Valentina, stia tranquillissima e serena. La gravidanza, cara Signora mia è uno stato Fisiologico della donna. Non uno stato Patologico ed in esso può fare tutto se ovviamente prosegue tutto bene!Può fare qualsiasi terapia, anestesia e radiografia endorale, non le OPT o altre Rx grandi per patologie mediche! Ovviamente col grembiule ed il collare di piombo di peso adeguato! Ci ragioni su. Nessuna donna in età fertile può sapere se è iniziata una gravidanza o no ogni volta che va per una cura dal Dentista. Bisognerebbe, se fosse vero che potrebbe essere pericoloso fare le terapie odontoiatriche, sottoporre al test di gravidanza, sistematicamente tutte le donne che si recano da un Dentista per qualsivoglia terapia od accertamento, dopo che si sono astenute da ogni rapporto sessuale per il numero di giorni in cui il test non può risultare positivo se fosse iniziata una gravidanza! Quindi si rilassi.Anche ai primi giorni di Gravidanza non può accaderle niente nè può accedere niente al feto anche se in stato embrionale! Ovvio che poi una volta che una donna sapesse che è in gravidanza, allora bisognerebbe sentire il Ginecologo per sapere se tutto procede normalmente o se c'è qualche anomalia patologica nel suo decorso e comportarsi di conseguenza! Chiaro? Ma lei lo ha già sentito, quindi, tranquillissima! In ogni caso esistono anche localizzatori apicali che misurano la differenza di potenziale tra il solco gengivale e l'apice e locolizzano l'apice senza Rx! Sono a volte fallaci e non precisissimi, ma aiutano molto e aggiunti alla abilità dell'endodontista che sente l'apice manualmente con gli strumenti endocanalari, se è molto bravo ed esperto.Ma è inutile parlarne, lo dico solo per il futuro se avesse nuovamente bisogno, e temese, ingiustificatamente la Rx endorale eproprio non la volesse fare! Quindi non esistono problemi o scuse per terminare a regola d'arte la sua terapia , qualsiasi essa sia!Piuttosto tenga presente che in gravidanza si ha un movimento ormonale immane che predispone alla carie e soprattutto alle Gengiviti ed alle Parodontiti. Molte Parodontiti iniziano proprio in Gravidanza perché non sono state seguite le modificazioni ormonali delle gengive e non è stato fatto periodicamente un sondaggio Parodontale per evidenziare le tasche Parodontali che sono la prima e più imortante manifestazione di Parodontite ed una terapia di mantenimento che elimini, se ci fosse, il tessuto di granulazione con igiene orale professionale in studio ( che tra l'altro abbatte la placca batterica che è causa anche di carie) e curettage e scaling e root planing almeno ad ogni trimestre di gestazione e poi dopo il lieto evento nell'anno succesivo. Ne parli col suo Dentista. Sono tutte cose tranquille che si fanno in anestesia per contatto, ossia si spruzza l'anestetico sulle gengive da trattare. Le lascio una foto di una gengivite gravidica e relativa terapia in gravidanza, con disegni illustrativi fatti da me e da mia figlia Claudia a scopo didattico per corsi e congressi. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Valentina, come già le è stato detto anche dal suo ginecologo può stare assolutamente tranquilla. Sicuramente il fastidio che ha avvertito al basso ventre non è altro che il frutto di una spiccata suggestionabilità. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Valentina, stia tranquilla, non può accadere nulla. E' molto più nociva l'ansia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Non rischia problemi al bimbo a casa della anestesia. Ma ne correrebbe se lasciasse che il dolore del dente ed una eventuale infezione prendessero il sopravvento. Il bimbo viene danneggiato dalle malattie della bocca non curate, non dalla anestesia locale. Questo e' quelle che le ha detto il ginecologo, no? Si Fidi

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Valentina, sentir dolore avrebbe creato danni maggiori al bimbo, le consiglio di non leggere e ricercare nulla tra quel tipo di anestetico e la gravidanza, che probabilmente procederà alla grande, tantissimi auguri. ruffonidiego@virgilio.it

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Dia retta al suo ginecologo e non si preoccupi.

Scritto da Dott. Paolo Fulgenzi
Pescara (PE)

Stia tranquilla non ci sono problemi

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Segua i consigli del suo ginecologo.

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)