Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 17

Sono un ragazzo di 26 anni che da un paio di giorni si è sottoposto alla prima seduta di una cura calanare

Scritto da Ale / Pubblicato il
Sono un ragazzo di 26 anni che da un paio di giorni si è sottoposto alla prima seduta di una cura calanare. Il medico in questione prima di procedere ha fatto una radiografia la quale ha evidenziato un'infezione alla radice del dente e che per tale ragione poteva procedere devitalizzando una porzione di polpa, per poi disinfettare la parte rimanente non trattabile a causa dell'infezione e richiudere con la guttaperca. Infine mi ha prescritto una terapia antibiotica nell'attesa di otturare con l'amalgama la prossima seduta. Alla mia domanda su possibili ripercussioni future come dolore e sensibilità al caldo e al freddo mi è stato risposto che potrebbe esserci questa possibilità in quanto una parte del dente in profondità è ancora viva: infatti quando mi stava inserendo i coni di guttaperca per sigillare sentivo un dolore lancinante in quanto erano a contatto con la parte di polpa viva non raschiata ma pesantemente disinfettata che si stava svegliando dopo 2 ore dall'anestesia (parole del dentista) Nonostante le mie conoscenze da profano m'è parso di capire che una cura canalare dovrebbe consistere nella completa asportazione della polpa, e in caso di infezione sarebbe meglio aspettare, procedere con una terapia antibiotica e solamente poi procedere con l'intervento di devitalizzazione. Gradirei quindi ricevere le vostre opinioni a riguardo, se il metodo di lavoro fatto è corretto e completo, o se in futuro potrei avere problemi e dovere ritrattare il dente, con ulteriore disagio e spese economiche che vorrei evitare. Grazie.
Bisogna controllare presso l'Ordine, che si tratti di un medico laureato e non di un abusivo..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro signor Ale, anche questo è un quesito Medico-Legale. Legga la risposta seguente alla sua, alla signora Carola, che vale anche per lei!Non posso esprimere pareri senza conoscere la sua clinica e senza sentire il racconto del suo Dentista. Se vuole una risposta medico - legale, visto che parla di correttezza di terapia, la invito a prendere un appuntamento nel mio studio ed avrà tutte le risposte!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Ale, esistono protocolli operativi per terapie endodontiche, ed esiste la libertà del Medico di operare secondo "scienza e coscienza". Lei descrive nella sua email una terapia di pulpotomia in presenza di infezione pulpare. Non so se la sua descrizione sia davvero esatta. Si affidi al suo Curante con fiducia ma si assicuri prima che sia un Medico o un Odontoiatra iscritto all'Ordine. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Purtroppo il suo racconto descrive una situazione assai strana, difficile quindi darle un parere con la certezza di non sbagliare. Se non si fida dell'operato può richiedere un consulto presso un endodontista della sua città. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Il rischio non è di residua sensibilità termica perchè la parte di nervo non asportata va comunque incontro a necrosi e può negli anni sviluppare ascessi ossia infezioni. La devitalizzazione consiste nella DETERSIONE, SAGOMATURA ED OTTURAZIONE DEL SISTEMA CANALARE. Non si può lasciare polpa viva. In alcuni casi (rari) i canali non possono essere sondati completamente.

Scritto da Dott. Paolo Fulgenzi
Pescara (PE)

Il suo racconto descrive una situazione molto strana e incomprensibile è quindi difficile dare un parere, cerchi di farsi spiegare meglio quello che il collega sta facendo e poi ci ricontatti

Scritto da Dott. Mauro Lattisi
Trento (TN)

Concordo coi colleghi per quanto ti e' stato detto. Cordiali saluti Raffaele

Scritto da Dott. Raffaele Di Chiara
Merano (BZ)

Molto probabilmente il dolore che ha sentito al momento dell'otturazione canalare non dipendeva dalla pressione sulla polpa, bensì sul legamento parodontale apicale (vivo), a causa di una piccola fuoriuscita di materiale da otturazione oltre l'apice, auspicabile in quanto garanzia di una completa ed ermetica sigillatura. L'importante è che il dolore passi presto.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile Ale, concordo con il dott. P. Fulgenzi.

Scritto da Dott.ssa Barbara Boniello
Ciampino (RM)

Sig. Ale, in letteratura ritroviamo sia la pulpotomia che la pulpectomia, l'importante che questi trattamenti endodontici siano eseguiti da un odontoiatra iscritto all ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)