Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 17

Mi sono sottoposta a terapia canalare sul finire dello scorso novembre

Scritto da Tiziana / Pubblicato il
Salve, mi sono sottoposta a terapia canalare sul finire dello scorso novembre a causa di un'infezione che è stata definita "cronica", al termine di nessuna delle tre sedute mi è stato consigliato di prendere alcun medicinale, ma dal momento che un forte dolore non ha tardato a presentarsi sono stata io stessa a sollecitare chi aveva operato e mi è stato detto che in ogni caso questo dolore rientrava nella norma. Il fatto è che ad oggi continuo a sentire quel dolore e proprio negli ultimi giorni va intensificandosi e sento pulsare fin sotto l'occhio. Vorrei sapere se tutto ciò può essere dovuto ad una procedura sbagliata o ad ogni modo quale possa essere il problema per cominciare a farmi un'idea prima di puntare il dito verso qualcuno indebitamente. Spero di essere stata sufficientemente chiara pur non essendo stata "tecnica". Vi ringrazio davvero molto sin da ora e vi porgo i miei più cordiali saluti!
Gentile Tiziana, preferisco non rispondere alla sua domanda perchè è finalizzata esclusivamente per avere l'ufficialità di "alzare il dito contro qualcuno"! Le consiglio, eventualmente, di chiedere una consulenza presso un altro odontoiatra per porre rimedio al suo dolore. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Dopo un mese e mezzo i disturbi dovrebbero essere passati o comunque ridotti, per cui un controllo clinico e radiologico è doveroso onde valutare l'eventuale necessità di reintervento. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Tiziana, è stata chiarissima nell'esternare non la sua sofferenza o dubbi per la patologia avuta ma per avere da noi un supporto medico-legale per valutare se intrapprendere una azione legale contro il suo Dentista. Bene, noi, almeno io, non siamo qui per questo motivo ma per lenire le sofferenze dei pazienti e dare consigli di ordine Medico-Odontoiatrico. Se lei avesse motivi reali di rivalsa, giusti o ingiusti che siano, si deve rivolgere ad un Dentista che le faccia una Perizia Medico-Legale. Le dico questo con cognizione di causa essendo io stato CTU, Consulente tecnico d'Ufficio, ossia Perito del Magistrato nelle Cause Legali Odontoiatriche per circa 25 anni o poco più ed essendo tutt'ora Perito di parte in tali cause! Non si cerca questo nel Web ma da un Dentista in carne ed ossa e "cervello".Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Manca qualsiasi riscontro oggettivo, in particolare della documentazione radiografica, per cui onestamente è impossibile rispondere in maniera corretta alla sua domanda... sicuramente i tempi sono un pò troppo dilatati per avere ancora una sensibilità così importante, quindi è opportuno ricontrollare l'esito della terapia. La faccio però riflettere sul fatto che da letteratura le terapie canalari, anche eseguite con protocollo e tecnica ineccepibili, hanno un successo documentato che si avvicina al 100% ma non lo raggiunge (95% su denti "vergini"), tant'è vero che si è vincolati a un obbligo di mezzi e non di risultato. Ne parli serenamente con il suo curante per una valutazione sul da farsi, ricambio i cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Gentile Sig.ra Tiziana, capisco la sua frustrazione ma non è questa la sede per un consiglio se è lecito procedere verso il suo dentista. In questo caso solo dopo una visita accurata si può dare un consiglio, preferibilmente presso un odontoiatra esperto in medicina legale. Comunque per prima cosa parli apertamente con il suo dentista, spesso è la via più giusta. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentma Tiziana, a parte il suo racconto, non c'è nulla su cui poterci basare per poter esprimere un parere:una rx endorale per esempio. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Gent. Sig.ra Tiziana Credo che obiettivamente sia trascorso troppo tempo senza che il problema si risolvesse, le consiglio quindi di recarsi nuovamente dal suo Odontoiatra o, al limite di consultarne un altro nel caso il suo insista a dire che è tutto regolare, perchè così non è, potrebbe essere necessario un ritrattamento, ma senza avere una rx a disposizione è difficile anche fare ipotesi. Cordialmente Dr. Paolo Formenti

Scritto da Dott. Paolo Formenti
Senago (MI)

Sig Tiziana, richieda nuova visita odontoiatrica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Buon giorno signora Tiziana, una infezione cronica , presenta un dolore spontaneo e continuo, localizzato nell'area di diffusione del processo infiammatorio. In alcuni casi questa infezione, può si, regredire all'assunzione di antibiotici, ma può guarire completamente solo con l'intervento del dentista che, per effettuare la completa guarigione del processo infiammatorio, deve effettuare un'accurata pulizia e chiusura dei canali radicolari del dente. Però, il dolore può aumentare e permanere in seguito alla pressione masticatoria, in quanto i denti vengono spinti verso l'esterno dall'essudato infiammatorio, andando prima degli altri ad urtare con i denti corrispondenti dell'arcata antagonista. Sarebbe da valutare un precontatto occlusale, che, si manifesta quando un dente riceve durante la masticazione un sovraccarico di tensione; in tal caso l'odontoiatra asporta l'eccedenza di materiale dentale naturale o artificiale. Cordialmente. Dott. Angelo Raffaele Izzi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Senza una rx, senza una visita specialistica, senza nessun riscontro oggettivo, come pretende di darle un parere? e se fosse un trigger point di una nevralgia del trigemino, con chi ce la prenderemmo? e se fosse una neuropatia periferica o un sintomo riflesso di un danno cerebrale? Non voglio terrorizzarla, ma le sembra seria la sua domanda? e quale è il suo vero intento un'azione medico legale o la risoluzione dei suoi problemi? ci vuole poco ad essere approssimativi e il confine con la ciarlataneria è spesso sottile. Non ci metta in condizioni di dire fesserie e si rivolga ad uno specialista di cui si fida e gli esponga i suoi problemi. La soluzione è spesso più semplice di quanto possa pensare. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)