Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 12

20 giorni fa mi è stato devitalizzato uno dei primi molari superiori

Scritto da antonio / Pubblicato il
Salve a tutti i medici!!! volevo consigliarmi con voi riguardo il mio problema: 20 giorni fa il dentista mi ha devitalizzato uno dei primi molari superiori, appena mi iniettò l'anestesia sentii un dolore fortissimo..tanto che ancora tutt'oggi ho una specie di bolla sopra la gengive che mi ha gonfiato tutta la parte interessata del viso...e dopo la devitalizzazione provo i seguenti sintomi: quando mi mise la guttaperca molto calda ho sentito un dolore fortissimo... se mastico cose dure mi fa male..se faccio sport mi sbatte il dente.. e se mi picchietto il dente altrettanto mi fa male.. ora chiedo a voi medici!!!!!! che diamine ha combinato questo mio " dentista "
Gentile Antonio, impossibile darle risposte precise non avendo alcun elemento oggettivo anche se è pur vero che dopo una devitalizzazione ci può essere un periodo di dolenzia come lei riferisce. Faccia presente il perdurare della sintomatologia al suo dentista che provvederà con opportuni controlli anche radiografici a valutare la sua situazione. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Ha agito mentre una infezione del dente era in atto. Non mi permetto di giudicare se sia stato opportuno o no, ma tutto il suo racconto dimostra questo, a partire dalla anestesia probabilmente applicata su una zona ascessuata. La cosa migliore da fare ora è una cura di antibiotici, penicillina, anche se a distanza di 20 gg i vari disturbi dovrebbero essere già molto smorzati. 20 gg sono tanti. Questi disturbi dovrebbero durare di meno. Quindi le consiglio di rifarsi vedere dal suo dr (è un medico odontoiatra laureato, si??????????????????????) e chiedere a lui delucidazioni e consigli sul da farsi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Antonio, lei, molto coloritamente chiede:"ora chiedo a voi medici!!!!!! che diamine ha combinato questo mio " dentista "". Ed io altrettanto "coloritamente" le rispondo:"e che ne posso sapare io senza una sfera magica e senza saperla neanche leggere?". Scusi la battuta, ma per risponderle seriamente, cosa vuole che le dica, dovrei visitarla personalmente clinicamente ed anamnesticamente oltre che strumentalmente e radiologicamente con una semplice piccola Rx endorale, per risponderle! Dice che ha gonfiore sulla gengiva e su tutta la metà del viso corrispondente che dura da 20 giorni. Non è certo normale. Può essere un ascesso ma non dice se è stata prescritta una terapia antibiotica e nono0stante essa perduri il gonfiore. Se fosse così allora il gonfiore anziche di natura infettiva, ossia ascessuale o addirittura Flemmone, potrebbe essere dovuto ad aria entrata tramite gli apici forse maltrattati dalla terapia, ma dopo venti giorni sarebbe abbondantemente scomparsa. Come vede posso fare solo congetture e ne potrei fare molte altre, ma con quale utilità per lei? La guttaperca caldissima è impossibile perchè non entrerebbe neanche nei canali poichè si rammollirebbe moltissimo se scaldata quindi come vede ha è impossibile per lei, paziente, sapere come è avvenuta la terapia. Lei interpreta, immagina, ma non sa! Forse sono stati posizionati i coni di guttaperca nei canali ed è stata usata la tecnica di Schilder che prevede l'uso di uno strumentario per otturazioni dei canali che si scalda per condensare scandandola, la guttaperca posizionata nei canali stessi! Oppure la guttaperca è stata scaldata alla fine per fare una otturazione provvisoria. Come vede le interpretazioni sono tante e cercare di risponderle, anche con tutta la mia buona volontà non è possibile. Torni dal suo Dentista e si faccia visitare e si faccia spiegare cosa sia successo e cosa le sta succedendo. Per quanto riguarda il suo virgolettare il suo Dentista, controlli presso l'Ordine dei Medici o il sito della FNOMCeO se il suo "Dentista" esiste o no! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Antonio, darle una risposta è molto difficile. Dovremmo sapere se la gengiva era già gonfia prima. Effettivamente fare un'anestesia su una zona infetta è molto doloroso e fra l'altro inutile (in ph acido impedisce l'effetto anestetico). Un gonfiore che perdura da 20 giorni dovrebbe essere un altro sintomo di infezione in atto che non è stata curata a dovere (non sta passando). Se tutti i presupposti sono corretti (a distanza non posso essere sicuro) suggerirei antibiotici e un ritrattamento del dente. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Antonio, controlli se chi ha operato su lei è iscritto all'ordine dei medici, se così fosse le dico che la soglia del dolore non è uguale per tutti.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Egr.sig. Antonio, il suo dentista cosa ha detto? l'ha sentito? Che tipo di anestesia e' stata usata? Se fosse stata fatta una intraligamentosa potrebbe spiegare in parte i suoi sintomi. Approfondisca.

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Procedendo con ordine, per quanto riguarda la qualità intrinseca della chiusura canalare e la presenza o meno di gonfiore sarebbe necessario poterla visitare, fare un sondaggio parodontale e un'rx di controllo... così è impossibile farsi un'idea precisa di quello che sta chiedendo. La sintomatologia che riferisce però sembra la classica dolenzia transitoria da "flare-up" post-endodontico, di per sé non è indicativa del fallimento terapeutico perchè si manifesta abbastanza di frequente per poi andare a risolversi spontaneamente. Quello che non trovo corretto è l'atteggiamento di sospetto e soprattutto quel "dentista" messo tra virgolette, quasi a screditare il collega: se ha dei dubbi di essersi rivolto a una persona senza titoli per curarla lo verifichi, diversamente dovrebbe esporre i suoi sintomi all'odontoiatra (senza virgolette) che l'ha curata
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Gentile sgnore, darle una risposta è impossibile perché lei non fornisce elementi utili per comprendere la sua situazione. Dalla sua descrizione sembra che lei non nutra stima nei confronti del suo dentista, invece farebbe meglio a chiedere spiegazioni direttamente al medico che ha eseguito l'intervento.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Gentile Antonio,.....non so cosa ha combinato il suo dentista..... personalmente credo la cura deve essere rivalutata per intero....perchè la sua descrizione mi porta a pensare che siamo ben lontani da un risultato accettabile. Buon week end

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Gentile sig. Antonio, l'anestesia va iniettata molto lentamente, tuttavia se la bolla dipende dall'anestetico tenderà a scomparire col tempo. Senza vederLa, tuttavia, è difficile darle un parere. Un dente devitalizzato non deve fare male, una rx potrà definire se il dente è stato otturato in eccesso. Per quanto riguarda la guttaperca, basta fare una leggera anestesia per evitare l'inconveniente del dolore quando questa viene inserita nel canale. E' vero che i testi dicono che bisogna fare questo lavoro senza anestesia, tuttavia la guttaperca calda non è il massimo per il paziente. Peraltro esistono i misuratori di apice e la misurazione del canale che possono aiutare nel localizzare l'apice radiologico, quindi fare l'anestesia non disturba la perfezione della chiusura canalare. Il fatto che il dente allo sforzo sia un problema mi fa pensare che esista una osteite, cioé una flogosi non risolta.Una buona rx digitale potrà dirimere il dubbio diagnostico.Eventualmente bisogna ritrattare sotto copertura antibiotica oppure fare medicazioni intermedie. Alla chiusura il dente non deve fare male e i canali all'apertura devono essere asciutti. Di sicuro un dente non deve appesantire la Sua vita. Le auguro un mondo di bene
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia