Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 11

Ma è possibile che un dente sia morto da solo senza dare dolore e senza aver subìto devitalizzazione?

Scritto da Maurizio / Pubblicato il
Il dentista mi ha fatto una piccola otturazione all'ultimo molare superiore mettendomi anche dell'idrossido di calcio e poi mi ha detto di aspettare una settimana per l'otturazione definitiva. Il motivo è questo: Nel trapanare per questa piccola carie secondaria, non mi ha fatto l'anestesia e io non ho sentito nulla. Alla fina mi ha detto che per non aver sentito nulla o è perché in effetti la carie era lontana dal nervo come si vedeva dalla radiografia, ma non vorrebbe che potesse essere anche perché il nervo è morto. La domanda è questa: ma è possibile che un dente sia morto da solo senza dare dolore e senza aver subìto devitalizzazione in passato di un dentista? Come farà a rendersi conto se il nervo è veramente morto? Grazie a tutti
Gentile Sig.re Maurizio, si può accadere. Comunque basta fare un test di vitalità o con il freddo o con strumenti elettrici per capirlo. Se la carie è molto piccola non vedo però il motivo di stupirsi nel fatto che non faceva male nel curarla. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Esistono test di vitalità pulpare che, in un caso simile sarebbe meglio effettuare. Probabilmente il dente è vivo e gode ottima salute ma, nel caso......

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Milano (MI)
Cavenago di Brianza (MB)

Il test della vitalità pulpare rappresenta un sostanziale fattore discriminante sia per quanto attiene alla prognosi delle lesioni, sia per il tipo di trattamento necessario.Tale accertamento mira ad evidenziare la persistenza della vascolarizzazione pulpare e della sensibilità, che congiuntamente esprimono la vitalità in senso lato del dente.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

E' raro che capiti, ma può essere: come le hanno suggerito i colleghi le prove di vitalità pulpare che può fare il suo dentista le daranno una risposta certa. Comunque anche se fosse, non è nulla di drammatico: l' unico inconveniente è che il dente cambierà colore. Quanto alla mancanza di dolore durante la terapia tenga presenta che la sensibilità al dolore è soggettiva.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Gentmo sig Maurizio, puo'capitare che un dente vada in necrosi per svariati motivi, per esempio, un trauma ne puo' essere la causa. La vitalita' si puo' evidenziare con opportuni test. Nel caso specifico,il suo, il dente potrebbe essere vitale e la relativa assenza di dolore alla carie superficiale. Cordialmente, Coscia dr Cosimo.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Si è possibile ed altrettanto frequente. Distinti saluti

Scritto da Dott. Enrico Deodato
Bari (BA)
Consulente di Dentisti Italia

SI, succede anche se raro. Basta un test di vitalità fatto dal dentista, saluti

Scritto da Dott. Alessandro Sanzullo
Napoli (NA)

Caro Signor Maurizio, la domanda che si deve fare, purtroppo, non è questa ma è: "Possibile che un Dentista Specialista faccia un ragionamento così da Professionista superficiale e non colto?" Se è vero ed esatto il suo racconto naturalmente! Il Dentista Professionale e Professionista e con Professionismo, fa prima una diagnosi e poi cura il dente in base ad essa. Se il Dente è in Necrosi è facilissimo diagnosticarlo e si provvede a pianificare una terapia endodontica dedicata! Se è in pulpite si pianifica una terapia endodontica dedicata ad essa e diversa dalla prima e se è semplice iperemia attiva o diversamente passiva si pianifica una terapia ancora differente per la attiva e un'altra per la passiva. Se la polpa non è interessata si pianifica la terapia giusta per questa ultima situazione. Ovviamente si visitano anche le gengive, si misurano le tasche parodontali, si valuta la gnatologia e l'occlusione, la mobilità dei denti e mille diversi parametri ancora. Questo fa un Professionista non dico preparato, ma "NORMALE"!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Maurizio, bisogna fare un test di vitalità, se risulta negativo il dente va in necrosi e va fatta una terapia ocalessica (cura canalare su dente necrotico) e poi incapsularlo, saluti

Scritto da Dott. Michele Emma
Priverno (LT)

Assolutamente no sig. Maurizio. No alla sua età, invece all'età piu' avanzata (intendo dal settimo decennio in poi) la polpa dentale va incontro a una necrosi progressiva fino alla scomparsa. A 35 anni invece si incontra spesso dei denti insensibili non necessariamente MORTI. Non sempre per trapanare un dente si effettua anestesia .

Scritto da Dott. Abbas Abazari
Perugia (PG)