Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 24

Domenica mi si presenta un dolore intorno alla zona del premolare

Scritto da Andrea / Pubblicato il
Buongiorno, vado a esporre il mio problema. Domenica mi si presenta un dolore (non troppo forte) intorno alla zona del premolare e del primo molare. Il lunedì mi sveglio a causa del fastidio che è aumentato a dolore(ma non insopportabile)ed effettuo lavaggi con tantum verde senza risultato. Mi reco a farmi vedere da un dentista (mi sono trasferito e il mio medico non è raggiungibile) che cortesemente mi inserisce tra una visita e l'altra. Non vista carie nella zona, decide dopo 5 secondi di osservazione della bocca che trattasi di gengive infiammate, mi prescrive una pomata. Stanotte faccio una notte quasi insonne,il dolore si acutizza, la medicazione consigliatami praticamente non mi da giovamento mentre intorno alle quattro di stanotte ho scoperto che l' acqua gelata mi da sollievo per qualche minuto. Mi sono ricordato nel frattempo che il mio premolare è stato otturato una anno fa, ma il mio dentista di allora mi avvisò che il mio era un caso al limite in quanto la carie era stata rimossa ma si intravedeva in controluce la polpa quindi se avessi avuto ancora dolore sarei dovuto ricorrere alla devitalizzazione. Mi domando, può essere che questo dolore sempre più acuto sia dovuto proprio a questo? Non sarebbe strano a un anno di distanza? Il sollievo provocato dal freddo potrebbe essere compatibile con quanto da me pensato? Prima di andare da un medico e magari farmi aprire il dente senza reale necessità vorrei un vostro parere. Vi ringrazio anticipatamente.
Gentile Andrea, tutto lascia deporre per la terapia canalare del dente che cmq dovrà essere avvalorata da una corretta visita ed una Rx endorale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

C'è più di un sospetto che il suo premolare sia in pulpite...indispensabile visita odontoiatrica con rx endorale e test di vitalità.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Andrea, i sintomi riferiti depongono senza dubbio per una classica pulpite essendo rappresentati da dolore notturno che si attenua momentaneamente con applicazione di acqua fredda. Inoltre, come lei ricorda, aveva una otturazione profonda a causa di una carie penetrante.Le consiglio di rivolgersi ad un dentista che la visiti accuratamente per confermare la diagnosi ed in quel caso il dente andrà devitalizzato. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Andrea, è capitato male, per fare diagnosi è semplicissimo e qualsiasi Dentista lo sa o lo dovrebbe sapere: la diagnosi è clinica e radiologica basta una Rx endorale, una percussione assiale e trasversale e le prove termiche al caldo ed al freddo per fare diagnosi di pulpite od escluderla o di sindrome radicolare della polpa o di necrosi endocanalare. Ed un sondaggio parodontale per verificare eventuali tasche parodontali e gengiviti. Legga sul mio profilo le mie e di mia figlia Claudia innumerovoli pubblicazioni ed articoli su questi argomenti. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

I sintomi descritti fanno pensare tutti con chiarezza che si tratta di una pulpite irreversibile e quindi il dente va devitalizzato. Anzi, forse c'è già l'inizio di una infezione. Si faccia curare prima possibile, e prenda subito degli antibiotici per evitare di soffrire troppo nelle prossime ore prima durante e dopo la cura.. Molto bene che il suo vecchio dentista l'abbia avvertita e che lei si sia ricordato di tale avvertimento, circa la profondità della lesione cariosa.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Il sintomo che fa chiarezza è lo pseudo sollievo con l'acqua fredda. Trattasi verosimilmente di pulpite. Se confermata, necessita di terapia endodontica (devitalizzazione) del dente "incriminato". Non biasimo comunque il suo dentista, solitamente la soluzione più semplice (gengivite che può benissimo sovrapporsi al quadro clinico) tende ad essere quella vera, per cui il trattamento topico con disinfettanti in gel andava fatto. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Andrea, la sintomatologia che lei riferisce è da attribuire ad una probabile pulpite, certamente il suo dentista di fiducia sarà in grado di risolverle il problema. Cordiali saluti Dott. D. Cianci.

Scritto da Dott. Dario Cianci
Montanaso Lombardo (LO)

Gentile Sig. Andrea, come Lei descrive 5 secondi, non possono essere sufficienti a poter fare diagnosi. Tant'è che gli è stata prescritta una pomata per infiammazione gengivale. Una visita accurata avrebbe deposto per una diagnosi che come ben descrivono i colleghi e che concordo, è da pulpite. Meglio una visita accurata e retribuita che una visita gratuita e veloce con esiti incerti. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Sigr Andrea, gli ultimi sintomi da lei descritti depongono per una pulpite acuta irreversibile a carico del premolare precedentemente curato.Deve essere devitalizzato. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Concordo pienamente con la diagnosi di pulpite dei colleghi: le medicazioni topiche (pomata, tantum verde) sono solo degli inutili palliatoivi. Il suo dentista è stato un pò frettoloso a congedarla con quella diagnosi e relativa terapia. Lei dice che il dente subì, a suo tempo, terapia per carie estesa...ergo bisognava pensare ad una pulpite, il tutto correlato da corretta visita.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)