Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 15

Il mio dentista ha notato da una panoramica dentale che vi è un granuloma

Scritto da Maria / Pubblicato il
Innanzi tutto chiedo scusa per la scarsa dimestichezza con i termini esatti espongo a parole mie. Circa 15 anni fa un incisivo si è "autodevitalizzato", recatami da un dentista mi è stata effettuata una sterilizzazione del dente, almeno così credevo. A distanza di anni il dente si è scurito molto e recatami da altro dentista per ovviare tale problema ha notato da una panoramica dentale che vi è un granuloma, mi disse che avrebbe eseguito una cura canalare con lavaggi del dente, per sei mesi ogni 3 settimane mi recavo per tali lavaggi con successivo inserimento nel canale di un prodotto di disinfezione, mi ha poi fatto fare una nuova radiografia per vedere come procedeva e notando un lieve miglioramento, ha detto che avremmo continuato tale procedura per altri 6 mesi (questo per evitare l'apicectomia). Al termine di questi 6 mesi, per la prima volta ha effettuato i lavaggi facendomi una leggera anestesia per consentirgli di arrivare alla radice e mi ha fatto ripetere la radiografia per verificare che fosse arrivato in radice. Dall'esito di questa radiografia ha detto che il granuloma si sta un pò riassorbendo e poichè il riempimento di disinfettante è arrivato in apice ora può chiudere il dente. A questo punto mi sono sorti dubbi: non avrebbe potuto arrivare prima in apice? E' vero che poi sono sicura che il granuloma si riassorbe? Mi sono recata da un altro dentista che, oltre ad avermi detto che queste cose si risolvono in 1-2 sedute, non ha neanche correttamente riempito tutto il canale e che la chiusura temporanea che mi è stata fatta in tutti questi mesi non ha impedito ai batteri di penetrare. Ora mi trovo con il dente non ancora chiuso definitivamente e non so cosa fare. Quale sarebbe stata la corretta procedura? Chiedo scusa per la lungaggine, ma spero di aver esposto il mio caso in maniera chiara nonostante la mia ignoranza in materia. Ringrazio per la risposta.
Gentile Maria, effettivamente corrisponde a realtà che per devitalizzare un dente, anche se necrotico, occorrono poche sedute e non dei mesi. Per il resto debbo dirle che è necessario confermare con una radiografia endorale la presenza di granulomi, in quanto la panoramica non ci può dare assoluta affidabilità. Le consiglio di consultare un endodontista esperto che possa fare chiarezza ed evitare di confonderla e risolvere velocemente il suo problema. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Granuloma e terapia endodontica in dente molto compromesso parodontalmente e con sfondamento del pavimento camerale. In bocca da ben 30 anni circa ed in eccellente salute a dimostrazione che i denti si curano e non si estraggono. Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Maria, un dente in necrosi come il suo, non si cura con lavaggi del dente, per sei mesi ogni 3 settimane! Poi continua per altri 6 Mesi per evitare una apicectomia. O lei scherza o e' semplicemente ridicolo. Sicura che il suo Dentista sia Iscritto All'Albo dei Medici e degli Odontoiatri? Rispondo: certo che avrebbe non solo potuto, ma dovuto trattare la terapia endodontica in poche sedute. C'è chi ne fa una sola. Chi ne fa tre o quattro a distanza di pochi giorni. Personalmente procedo così: inizio circa tre giorni prima di intervenire una copertura antibiotica con un antibiotico potente, a largo spettro soprattutto su anaerobi gram negativi come il ceftriaxone bisodico in fiale intramuscolari da 1Gr. (una al di per tutto il trattamento e proseguire oltre di almeno 4 giorni. Poi inizia la prima seduta con la strumentazione canalare con lavaggi, sotto diga ovviamente, di ipoclorito di sodio neutralizzato poi da acqua ossigenata e lavaggi soprattutto prima della chiusura provvisoria a fine seduta con prima Clorofenolocanforato, poi con lo stesso antibiotico lasciato dentro il canale. Si chiude poi il dente alla fine di ogni seduta con membrana semipermeabile per impedire la reinfezione dei denti coi microbi da fuori a dentro e nello stesso tempo per fare uscire il gas prodotto dai microbi sopravvissuti dentro che causerebbe pressione e quindi dolore. Nella seconda seduta si rifinisce la strumentazione, si vede se c'è pus , si ripete tutto e si chiude sempre con membrana semipermeabile. Nella terza seduta si chiude il dente . Io mi comporto così da 34 anni, con i dovuti aggiornamenti per il progresso che in continuo avviene e i denti in necrosi non mi hanno mai dato problemi. Se poi non fosse possibile fare tutto questo per la presenza di impedimenti raramente insormontabili, però, , tipo calcoli di dentina nella radice, si curano le radici per via retrograda ossia chirurgica, si scolpisce un lembo di accesso all'osso, si perfora l'osso a livello degli apici delle radici e si curano le radici entrando in esse dall'apice per via retrograda,sigillando l'apice materiali idonei. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentilissima Sig.ra Maria, io sono daccordo con il secondo dentista da cui lei si è recata. Una devitalizzazione (questo in definitiva le è stato fatto dal primo collega) viene ormai generalmente iniziata e finita in pochissime sedute (compresa la ricostruzione finale). Meno tempo passa dalla fine della devitalizzazione alla seduta in cui il dente viene ricostruito meglio è. Quanto al granuloma, nella quasi totalità dei casi esso si riassorbe dopo una buona devitalizzazione, altre volte (in una minore percentuale dei casi, veramente esigua!!!) il granuloma non si riassorbe. Tenga presente che a volte alcune devitalizzazioni eseguite perfettamente (perfetta chiusura all'apice, ecc.) a volte presentano dei granulomi; altre devitalizzazioni eseguite non proprio alla perfezione non presentano tale problema. E' lapalissiano però che meglio è eseguita la terapia canalare minori sono i rischi che si formi un granuloma (o, nel caso di un dente che presenta già un granuloma, che esso si riassorba dopo il trattamento canalare). Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Emanuele Pani
Gonnosfanadiga (VS)

Sig. Maria, continui le cure del secondo collega.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La gestione del suo problema, peraltro routinaria, è alquanto discutibile...si affidi ad un dentista che le faccia una corretta terapia endodontica del suo incisivo.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Basandomi esclusivamente su ciò che afferma (e quindi senza in alcun modo voler dare dei giudizi) sembra che la tecnica del secondo dentista sia più consona a ciò che si legge sui libri e nei trattati di endodonzia, a meno che con i "lavaggi" che menziona non si stia parlando di sbiancamento interno (che è tutta un'altra questione). La cosa importante è che la lesione stia lentamente invertendo la tendenza a crescere. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Signora,il suo racconto ha dell'incredibile, una lesione endodontica si cura in una - due sedute, prima si sigilla il tutto (radice e corona dentale ) meglio è. L'ultimo collega è quello che ha le competenze per risolverle il problema, si affidi a lui con tranquillità, cordiali saluti.

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Gentile signora, per devitalizzare un dente, anche se necrotico, occorrono poche sedute. Le consiglio di consultare un endodontista esperto. saluti

Scritto da Dott. Stefano Mega
Castel Maggiore (BO)

Gentile Sig.ra Maria, un bravo ed esperto endodontista chiude i canali del dente da devitalizzare in una o due sedute. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Un anno di sedute per una terapia canalare per il ritrattamento di un monoradicolato è un tempo al di fuori di ogni logica, uno specialista in endodonzia è in grado di effettuare questa terapia in monoseduta e in ogni caso anche un dentista generico la realizza di norma in 2 sedute. L'endodonzia moderna è una disciplina chirurgica, le medicazioni intermedie infinite non hanno nessun effetto curativo: si apre il sistema canalare, lo si strumenta e lo si deterge per abbattere la carica batterica, si sigilla per evitare una ricontaminazione... molto semplice. Continui le cure dal collega che la sta seguendo attualmente, auguri per il suo dente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)