Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 19

Ho un incisivo cui è stata diagnosticata la non vitalità

Scritto da Alex / Pubblicato il
Ho un incisivo cui è stata diagnosticata la non vitalità. E' presente anche una piccola pustola, che ha già spurgato e non mi dà alcun dolore o fastidio. Prima di procedere alla devitalizzazione mi è stato prescritto augmentin 1 gr. ogni 12 ore per 6 giorni. Visto che l'ascesso è molto piccolo e non fastidioso, non è eccessiva la dose di antibiotico? Grazie
Caro Signor Alex, non vitalità, ossia è in necrosi. La "pustola" probabilmente è una fistola da cui fuoriesce il pus che si forma nella zona periapicale del dente per la presenza di una infezione tipo granuloma o cisti o parodontite apicale o altro! Se il suo Dentista ha ritenuto utile3 questa dose, deve fare come le ha prescritto lui, in ogni caso è una dose normalmente media, non alta! IMPARI AD AVERE FIDUCIA NEL SUO DENTISTA! Ed in ogni caso chieda a lui non a noi che non la conosciamo clinicamente. Non si può giudicare una prescrizione antibiotica via WEB, non solo ma l'unico che la può giudicare è il suo attuale Dentista!..........Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Salve, la prescrizione che le hanno fatto è quella corretta. La sua domanda rivela poca stima in chi le ha prescritto l'antibiotico. Cordialmente

Scritto da Dott. Francesco Fusaro
Torino (TO)
AOSTA (AO)

Salve Alex, la terapia antibiotica di cui parla è una copertura base. Fare "sconti" spesso fa sì che non faccia effetto e che lei abbia preso degli antibiotici per nulla; il che mi sembra ben peggiore.

Scritto da Dott.ssa Marta Muscettola
Roma (RM)

Gentile Alex, la terapia prescritta ha sicuramente uno scopo profilattico prima della devitalizzazione per ridurre un poco la periodontite che si è verificata a causa della necrosi del dente ed è assolutamente corretta. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gent. Sig. Alex, la terapia che le prescritto il suo medico è certamente quella che il collega ha ritenuto corretta e quindi concordo con il collega.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Sig. Alex, un antibiotico deve essere assunto in quantità degna per raggiungere una MIC, che è il parametro più frequentemente usato per esprimere l’attività antibatterica di un antibiotico e rappresenta la più bassa concentrazione di una serie di diluizioni antibiotiche in grado d’inibire visibilmente la crescita batterica. Dosaggi minori creerebbero solo resistenze che potrebbero dare complicanze. Il dosaggio a lei consigliato è corretto per una persona adulta, importante è di assumerlo correttamente alla dodicesima ora, altrimenti la concentrazione viene a mancare rendendo campo aperto ai batteri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Sig. Alex, segua pedissequamente la terapia prescrittale dal suo dentista di fiducia. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro paziente, la terapia antibiotica che le è stata prescritta è assolutamente corretta, in relazione al suo problema, sia come dosaggi che per la scelta del tipo di antibiotico.Tenga presente che attualmente l'amoxicillina è l'antibiotico che ha sviluppato meno resistenze in assoluto e che viene consigliato come antibiotico di prima scelta dai servizi di Infettivologia degli Ospedali pubblici. La sua associazione con l'ac. clavulanico , come nel suo caso, ne amplifica gli effetti e rende questo antibiotico ancora più efficace. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Caro Alex deve avere fiducia del suo dentista. Terapia corretta. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Vincenzo Calderini
Roma (RM)

Il suo dente, come lei dice NON è vitale. Quindi non si può parlare ancora di devitalizzazione, ma di terapia canalare che servirà s rimuovere la polpa non più vitale ed attualmente infetta (vedi la pustola che è apparsa all'esterno). Nel corso di tale terapia canalare i batteri che sono in quel tessuto possono essere spinti dagli strumenti canalari verso il circolo ematico. Per tale motivo il suo dentista le ha prescritto una copertura antibiotica. Io però non la vedrei così anticipata, ma effettuata DURANTE la terapia canalare. Una terapia antibiotica di una settimana prima dell'intervento NON è efficace per il pericolo di cui le parlavo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)