Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 12

Nell'arcata superiore ho un molare da estrarre

Scritto da Piero / Pubblicato il
Nell'arcata superiore ho un molare purtroppo da estrarre. Siccome il molare vicino (l'ultimo) e il premolare davanti sono entrambi già devitalizzati e incapsulati, a Vostro avviso in termini di costo e di fattibilità è più saggio fare un impianto oppure un ponte? Grazie e buona giornata
26 con gravissimi problemi parodontali, endodontici e coronali, salvato con Parodontologia e protesi
Caro Piero, intanto bisogna accertare che il molare sia veramente da estrarre, perchè oggi giorno c'è "la pinza facile"... è veramente difficile, con la tecnologia e le terapie di altissima qualità che esistono oggi che si debba arrivare ad estrarre un dente (le posto una foto di un dente che era stato giudicato da estrarre da tutti i dentisti a cui era capitato "a tiro" e che invece ho salvato con intervento parodontale, premolarizzazione, perni-moncone ed è i9n bocca da oltre 25 anni..... però ammettiamo che debba essere avulso (estratto)...non si tratta di cosa sia più saggio ma di cosa si DEBBA FARE in base ad una giusta ed accurata diagnosi Gnatologica, Preprotesica, Parodontale della sua bocca...sia un ponte che un impianto vanno benissimo...bisogna solo vedere come è la situazione clinica locale e generale per poter decidere il meglio...tutto qui!!!............Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Nel caso in cui sia necessario estrarre effettivamente il dente, la sua sostituzione con un ponte è sicuramente più conveniente da un punto di vista economico, ma l'estrazione provoca, soprattutto nel mascellare superiore, un rapido riassorbimento osseo che potrebbe in futuro impedirle la immissione di impianti con tecniche semplici e la costringerebbe ad innesti ossei più invasivi, costosi e imprevedibili. La natura ci ha dato denti separati tra di loro ed indipendenti uno dall'altro. Il ponte è una valida riabilitazione, ma altera in qualche misura ciò che ha fatto la natura. Se lei è giovane e le sue aspettative sono di lunga vita, forse la riabilitazione con impianti rappresenta la prima scelta
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Gentilissimo paziente, una volta che si è accertato che il dente sia da estrarre ambedue le opzioni nel suo caso sono valide. Certamente per la scelta è fondamentale un esame clinico accurato e un esame radiografico per valutare la condizione degli eventuali elementi di ponte e dell'osso a disposizione per l'eventuale terapia implantare. Cordialmente Dott. D. Cianci

Scritto da Dott. Dario Cianci
Milano (MI)

Impianto o ponte non è una scelta a "sentimento".... ma come ogni cura, è fondamentale valutare attentamente il caso clinico specifico. Personalmente consiglierei la chirurgia implantologica in quanto andrebbe unicamente a riabilitare la zona edentula. In ultimo, la scelta spetta al suo Odontoiatra e se dovesse avere ancora dubbi, ci invi la doc radiolografica per una maggiore conoscenza del suo problema. Buona giornata

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Sig. Piero, occorre valutare la salute dei denti adiacenti a quello da estrarre e stabilire se le corone presenti sono incongrue. Se c’è buona salute parodontale ed endodontica e le corone attuali andrebbero rifatte, forse la prospettiva di un ponte tradizionale non è da escludere. L’implantologia le consente rispetto al ponte di avere dei denti singoli e non uniti, concedendo di poter mantenere un’ottima igiene, permettendo di passare facilmente il filo interdentale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sig. Piero, Lei pone una domanda da mille dollari! La scelta dell'una e/o dell'altra soluzione dipende da tanti fattori, quali, principalmente, da quanto tempo ha fatto le corone ai due denti adiacenti a quello che, e, se è inevitabile, dovrà estrarre e le condizioni delle corone protesiche. In ogni caso, anche se dovesse rifare la protesi anche a questi due elementi, a mio parere, mettere un impianto non sarebbe male in quanto preserverebbe l'osso alveolare che, inevitabilmente, andrebbe incontro a riassorbimento. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Piero la soluzione implantare, così come da più parti ha avuto modo di leggere, è la prima scelta. Lasci stare l'economia perchè il risparmio di oggi potrebbe essere la causa della spesa di domani. Cordialmente

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Se le corone già esistenti sui denti limitrofi sono in buone condizioni, possono essere lasciate e si può fare un impianto, a patto che l' osso sia abbondante e compatto; così si avranno tre elementi singoli che saranno più facilmente gestibili, anche dal punto di vista igienico e non ci sarà bisogno di rimuovere e rifare le corone già in situ. Se non ci dovessero essere tutte queste condizioni, meglio optare per un ponte che va benissimo.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

E' importante anche valutare la prognosi di entrambi gli elementi pilastro dell'eventuale ponte che, come lei precisa, sono già "devitalizzati e incapsulati"; che garanzia di tenuta possono dare nel tempo? Il rischio è sempre un'eventuale frattura di radice ... Questo a mio avviso è l'interrogativo principale che il suo odontoiatra saprà sicuramente valutare al meglio. Buona giornata a lei!

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Considerando questa situazione ritengo piu' giustificato un ponte all'impianto. Dal punto di vista economico non c'e' molta differenza tra l'uno e l'altro.

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)