Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 6

Può il tentativo di pulizia aver risvegliato l'infezione?

Scritto da Alessandro / Pubblicato il
Buongiorno. Circa 15 anni fa il mio vecchio dentista mi devitalizzò un molare superiore mettendomi poi una corona d'oro. Qualche mese fa...il mio nuovo dentista, da una lastra ha notato che tale devitalizzazione non era stata fatta completamente, ossia, uno dei canali delle radici presentava ancora un tratto di radice al suo interno. Rimuovendo la vecchia capsula d'oro ha tentato la pulizia di tale canale (nel frattempo a detta sua la radice rimanente e' andata in necrosi e il canale corrispondente si e' come "ristretto"). Tale canale inoltre, oltre ad essersi ristretto presenta anche una curva nella parte terminale, che mi ha detto rende impossibile la pulizia completa di tale canale e dell'infezione in esso contenuta. Morale, mi ha detto che l'unica soluzione e' procedere all'impianto. Vorrei sapere le vs considerazioni in merito e se sia possibile guarire in altro modo magari con cura antibiotica questo canale malato in modo da ritardare almeno la procedura di impianto che in questo momento ha per me un costo troppo oneroso. In questi giorni mi sembra di avvertire una leggera dolia al dente stesso. Puo' il tentativo di pulizia aver risvegliato l'infezione? Grazie e saluti.
Buongiorno Sig. Alessandro, ovviamente vi sono molte situazioni che nascono da un compromesso. La prima cosa è stabilire se il ritrattamento endodontico era stato iniziato a fronte di una sintomatologia specifica, o se nella radiografia era visibile un granuloma sulla radice non trattata. Se la risposta è positiva, allora potrebbe essere indispensabile una estrazione. In caso contrario, in assenza di sintomatologia su denti già devitalizzati da molti anni è possibile accettare una forma di compromesso, mantenendo il dente e la devitalizzazione imperfetta, questo ovviamente implica accettare anche la possibilità di dovere intervenire anche dopo poco tempo. La scelta è da concordare con il collega. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Johannes Schmitz
Milano (MI)

Gent.mo sig. Alessandro, dalla sua descrizione non si evince se alla radiografia era visibile anche una radiotrasparenza periapicale ( granuloma ) oppure no. In assenza di segni radiografici anche le radici trattate in modo inconcruo ( cure canalari " corte" ) si possono lasciare così anche perchè sono rimaste in sede per 15 anni senza dare problemi. Se invece ci dovesse essere stata la presenza di granuloma o di sintomatologia algica credo che il modo di procedere propostole sia corretto. Non esistono altri modi di guarigione. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Lovato
Vicenza (VI)

Concorde con i Colleghi, Schmitz e Lovato, Le aggiungo che se dovesse estrarre l'elemento, può differire l'inserimento dell'impianto mettendo in piccolo filo ortodontico, in modo da mantenere lo spazio, e non compromettere nulla anche se dovesse affrontare il problema fra un anno. Cordialità Gustavo De Felice sapri (SA)

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Si, il lieve dolore dipende dalle cure, ma è normalissimo - se diventa eccessivo ci vogliono gli antibiotici - un canale troppo troppo curvo e chiuso da calcificazioni dovute alla cronicizzazione della infezione, è difficile o impossibile da trattare anche dai maestri.. però.. si potrebbe alle volte riuscire. Le cure con antibiotici possono smorzare solo temporaneamente i problemi, che poi se non si fa una devitalizzazione completa, puntualmente prima o poi si ripresentano.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Alessandro, la corona è stata rimossa perché il dente presentava una sintomatologia? Quando alcuni denti fanno male, non sempre sono curabili e devono essere sostituiti con protesi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Alessandro, una alternativa all'impianto potrebbe essere la rimozione chirurgica della radice infetta e eventuale rigenerazione ossea se l'infezione ha prodotto perdita di osso,ma questa è una decisione da prendere solo dopo attento esame clinico e radiografico dell'elemento dentale interessato, fare impianti c'è sempre tempo specie se dovesse mancare osso e dovrebbe se fosse il caso forse essere preceduto da interventi per recupero dell'osso perduto (rialzo seno mascellare)altrimenti l'impianto non avrebbe stabilità cosiddetta primaria, ripeto è necessario aver a disposizione rx e anche tc. R.Evangelisti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Raffaele Evangelisti
Firenze (FI)