Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 7

Durante una cura canalare il dentista mi ha toccato il nervo trigemino

Scritto da ANGELA / Pubblicato il
Buongiorno. Durante una cura canalare il dentista, iniettando amuchina nel canale appena lavorato, mi ha toccato il nervo trigemino. Conseguenze: dolore acuto, gonfiore della guancia sinistra, emicranie, difficoltà respiratorie, mal di gola, gonfiore all'occhio, tumefazione del volto. Sono finita al pronto soccorso EASTMAN il giorno dopo, ove ho ricevuto la terapia da seguire immediatamente (antibiotici, antinfiammatori), terapia che il dentista non aveva saputo darmi nonostante mi avesse visitata il giorno dopo l'accaduto.... Vorrei non completare la cura con qs studio ma avendo stipulato la sua finanziaria per il pagamento, credo di avere le mani legate. Vi prego di darmi assistenza e qualche dritta da seguire.... ovviamente la risposta del dentista alla mia domanda: "il canale era più grosso del normale e quindi è passata qualche goccia di disinfettante... può capitare". Sono traumatizzata e delusa. Angela
Lo so che le sembrerà strano, ma purtroppo può capitare. Ovviamente non dovrebbe capitare, ma in caso di canali larghi con apici radicolari altrettanto estesi ed eccessiva pressione nel lavaggio canalare, la fuoriuscita di alcune gocce di liquido oltre-apice può succedere. È molto spiacevole, ma può capitare, e va gestita con terapia farmacologica adeguata (come quella che le ha prescritto al pronto soccorso). Ovviamente nella pressione della siringa che inietta il liquido per il lavaggio intra - canalare, sta al Collega essere delicatissimi, ma a volte basta davvero poco; comunque, l'importante è gestire con i farmaci questa complicanza, e si ha restitutio ad integrum completa.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Angela, la fuoriuscita di liquido di lavaggio oltre apice radicolare è una evenienza che deve essere evitata non esercitando grandi pressioni ma comunque è un evento che può capitare e che con opportuna terapia si risolve di solito senza conseguenze. Appare strano che il dentista che la segue non le abbia prescritto alcuna terapia considerando che il problema era piuttosto evidente (a suo dire). Le consiglio di portare a termine la terapia farmacologica fino alla scomparsa del problema prima di riprendere la terapia odontoiatrica interrotta. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Angela, buongiorno. Perfettamente d'accordo col Bravo e Colto Dottor Sbarbaro. Faccio alcune Precisiazioni: via, Trigemino! Diciamo un ramo periferico del nervo Trigemino! Non esageriamo. Il Nervo Trigemino, per sua informazione, nasce dal Ganglio semilunare del Gasser (la parte Sensitiva che è la più estesa)! Da questo Ganglio nascono i tre rami del Trigemino: il Nervo Oftalmico, il Nervo Mascellare ed il Nervo Mandibolare! Dal "Gonfiore all'Occhio, da Lei descritto, presumo che si tratti del Nervo Mascellare o meglio, uno dei suoi rami, i Nervi Alveolari Postero-Superiori che formano poi il Plesso Dentale Superiore che innerva i denti superiori ed un ramo di questo plesso nervoso è la causa dei suoi sintomi, transitori e dominabili farmacologicamente! Se poi fosse il Nervo Mandibolare, sarebbe il Nervo Alveolare inferiore ad essere stato interessato ma avrebbe parestesia alla metà corrispondente del labbro omolaterale che non descrive di avere. Quindi, stia Sereno e si faccia prescrivere le terapie Farmacologiche adatte, locali e generali! Io, via Web , non posso certo farlo! Tanti Auguri e Cari Saluti e torni Serena dal Suo Dentista! E' al "Sicuro", ne stia certa!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Angela, l' unico sintomo da lei descritto, che possa essere riferito al trigemino, è il forte dolore provato, durante la seduta, tutto il resto fa parte di una normale sintomatologia ascessuale post terapia canalare, che scomparirà continuando la terapia e con l'antibiotico, il trigemino non c' entra per nulla, perchè se vi fosse stata una lesione o chimica o meccanica del nervo. I sintomi sarebbero stati di anestesia totale o parziale della zona, o parestesie formicolii, scosse elettriche del nervo stesso, cose da lei non menzionate, quindi è molto probabile che al nervo non sia successo nulla.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Sig. Angela, le dritte sono: controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, si faccia mettere per iscritto che le è stato toccato il trigemino (vedrà che ci sono delle grosse incomprensioni), eviti gli studi che non le fanno pagare la visita e che incassano dalla finanziaria. D'ora in avanti visto che ha firmato un consenso dove era stata informata di questa possibile complicanza, prima di ogni intervento richieda per iscritto il tipo d'intervento con le possibili complicanze, così non avrà sorprese. Buona fortuna. P.S. Ci potrebbe allegare il referto dell EASTMAN che sicuramente non parla di trigemino.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Angela, per fortuna non è stato leso il trigemino altrimenti la sintomatologia sarebbe stata peggiore. La fuoriuscita di liquido di lavaggio dovrebbe essere accuratamente evitata, ma purtroppo può capitare. Più grave è il fatto che il dentista non ha saputo mettere in atto le terapie per contrastare i sintomi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Il fatto che lei abbia dovuto pagare prima delle cure con una finanziaria dipende dal fatto che sicuramente si è rivolta ad uno studio low cost. Dove succedono queste cose spesso, anche se può succedere come dicono i colleghi a qualunque dentista, dove le risposte sono quelle (mancate) che lei ha ricevuto, e dove si crea questo guaio che uno deve pagare prima anche per tutte le sedute non ancora effettuate ed è difficile svincolarsi, etc etc. Provi a chiedere almeno la restituzione di quanto non ancora affettato ma già pagato, e cambi di corsa. Low cost = low quality quasi sempre. Talvolta di peggio. Chi più spende meno spende, etc. La salute è una sola. Etc etc.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia