Domanda di Detartrasi

Risposte pubblicate: 6

SEGUITO ALLA DOMANDA: Da qualche mese al mio bambino di 10 anni accumula tartaro in modo inconsueto

Scritto da Rossella / Pubblicato il

Gent.mi dottori vi ringrazio molto delle risposte, peraltro molto esaurienti, che mi avete dato. Vi specifico che, come da voi ipotizzato, al bambino, che ha già effettuato una visita ortodontica, é stata diagnosticata una seconda classe scheletrica, credo di media entità ed un morso chiuso (siamo in attesa di intervenire quanto prima con un allargatore mobile del palato e succ. con apparecchietto fisso sup. ed inf.). Non ci era però stata paventata l'ipotesi di un eccessivo depositarsi del tartaro a causa della malocclusione. Potrebbero dunque essere queste caratteristiche le cause? Anche se il morso é chiuso e non aperto? Ancora grazie e cordiali saluti a voi tutti.

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/detartrasi/7358_accumulo-tartaro.html

Gentile Signora, la diagnosi ortognatodontica si effettua con modelli di studio della bocca, Rx ortopantomografia, teleradiografia latero-laterale, cefalometria ortodontica (esame fondamentale!), fotografie del viso e della bocca. Capisce quindi che sulla base di un paio di fotografie non è possibile formulare ipotesi diagnostiche che non siano solo congetture personali. La cosa importante è che adesso il bambino sia seguito nel modo migliore dal suo dentista per il problema ortognatodontico. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Cara Signora Rossella, ho risposto abbondantemente il 4 Marzo c.m.! Lei chiedeva:"da cosa può dipendere questa formazione così veloce di tartaro?" e dimenticava di precisare la cosa più importante, ossia la Disgnazia che certamente può rendere più difficile l'igiene orale come da me spiegata l'altra volta e facilitare il depositarsi della placca batterica che in brevissimo tempo funziona da matrice per il formarsi del tartaro. Le avevo scritto : Cara Signora Rossella, a 10 anni, già da un "pezzo" il suo bambino avrebbe dovuto imparare a pulirsi i denti da solo a meno che non abbia patologie sistemiche tali da impedirglielo e di cui lei non ci ha parlato! Deve capire che una cosa è pulirsi i denti da soli ed un'altra è pulirli ad altra persona con lo spazzolino! In ogni caso E' meglio che chieda informazioni al suo Dentista, su una corretta alimentazione se no corre il rischio di sbagliare o interpretare male. Per esempio se si parla di zuccheri. E' vero che sono cariogeni ma questo non vuol dire che non si debbano assumere! Bisogna sempre mantenere una dieta equilibrata in apporti di Proteine Animali e Vegetali, Carboidrati, Zuccheri, Vitamine, Sali, Minerali, grassi etc e quindi Pasta, Pane, Carni rosse e bianche, Pesce di mare, verdure, crude e cotte, frutta, vino, acqua! L'importante è non eccedere ma soprattutto attivare una corette Igiene Orale in Studio Professionale e Domiciliare personale: Bisogna che le parli un po' della Fluoroprofilassi:la dose totale del fluoro da assumere deve tenere conto delle varie quantità di fluoro presente in liquidi e alimenti assunti dal bimbo e da lei in gravidanza,troppo fluoro fa male perchè può innescare patologie come la Fluorosi ,non facili poi da trattare. Importante è anche la fluoroprofilassi topica per ionoforesi da iniziare alla comparsa dei primi denti permanenti a sei anni circa e anche 7 che sono gli incisivi centrali e i primi molari. Sui molari e poi via via tutti i posteriori, se sani, è opportuno fare la fluoroprofilassi topica con sigillatura dei solchi, questo fino all'età di circa 15-17 anni perchè poi lo smalto non è più in grado di trasformare il legame della idrossiapatite in fluoroapatite che è mille volte più resistente agli acidi ed ai batteri e noxecariogine, Fluoroapatite che invece in adolescenza e nell'età dell'' infanzia è molto forte ed utile! Poi genericamente del Dentifricio: non "si rompa la testa in elucubrazioni inutili. Non è il Dentifricio che pulisce i denti, ma l'azione meccanica dello spazzolino. Quindi è importante il metodo di spazzolamento ed il tipo di spazzolino, non il Dentifricio che ha solo la funzione di rendere più gradevole l'igiene orale, più "scivoloso" lo spazzolino e rinfrescare l'alito! Per lo Spazzolamento dei denti: non esiste niente di meglio del normalissimo spazzolino manuale,per l'igiene orale,ci sono delle pasticche colorate da sciogliere in bocca che evidenziano col loro colore la placca batterica non rimossa dallo spazzolino,spazzolino che deve essere in setole artificiali, a testa medio piccola, duro, e usato con la cosiddetta tecnica di Bass modificata,ossia orientato verso le gengive a 45° e usato con movimenti di rotazione, vibrazione e verticali che terminano con un movimento circolare deciso.è bene usare degli idropulsori che completano l'opera di igiene domiciliare e il filo interdentale, presentando nello spazio interdentale sempre una nuova parte mai usata ed abbracciando il dente come per lucidarlo! Infine esistono degli scovolini per chi avesse spazi interdentali un po' più larghi e lo spazzolino piatto per pulire il dorso della lingua che è grande ricettacolo di placca batterica e quindi di microbi. Detto questo se poi uno è "diversamente abile" o affetto da pigrizia immane, va bene anche lo spazzolini elettrico usato però come da istruzioni allegate! Non dimentichi poi i controlli periodici dal Dentista la cui frequenza stabilirà Lui e l'Igiene Orale dal Dentista con anche eventuale curettage e scaling se necessario e con periodicità stabilita!Il Dentista deve valutare anche quelle superfici "irregolari e ruvide" che dice essere presenti sui denti di suo figlio perchè vanno curate perchè trattengono "placca batterica" ed è difficile quindi pulirle! Vanno curate e lucidate! Chiaro? Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia,Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente penso che nel suo caso la malocclusione e una saliva con la presenza batteri specifici che aumentano la formazione di tartaro siano le probabili cause. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Sig. Rossella, l’eccessivo deposito di tartaro va semplicemente controllato con delle corrette istruzioni che le può dare solo l'igienista dentale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

L'eccessivo accumulo di tartaro non è dovuto alla malocclusione ma entrambe le cose sono dovute al disfunzionamento della lingua che quando non si appoggia sul palato, veicola una quantità abnorme di saliva nei settori anteriori dell'arcata inferiore (eccesso di tartaro), oltre a far mancare il suo fondamentale contributo alla formazione fisiologica della volta palatale ( malocclusione). Faccia visitare suo figlio da un ortodonzista esperto in funzione neuromuscolare e che abbia buone conoscenze di logopedia e terapia miofunzionale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Rossella, dopo i validissimi consigli dei Colleghi, non mi resta che ribadire che l' igiene nei portatori di protesi ortodontiche dev'essere, perfetta, puntuale, continuativa. Un piccolo aiuto le può venire, ferme restando le condizioni, di cui sopra, dall' assunzione di probiotici per risanare l' ambiente orale. Li può facilmente trovare in farmacia.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)