Domanda di Denti e bellezza

Risposte pubblicate: 8

E' normale che dopo 24 ore i miei denti siano così?

Scritto da Valeria / Pubblicato il
Buonasera, ieri sono andata dal dentista per uno sbiancamento dentale (che ho fatto per togliere delle macchie). Data la presenza di queste macchie il dentista mi ha detto che per un primo periodo esse sarebbero state in risalto e si sarebbero viste in modo evidente. Sono passate già 24 ore e ho notato che il dente sembra come diviso cioè una parte è di un bianco innaturale mentre l'altra parte è di un colore normale, con le sfumature di giallo, bianco ecc. E' normale che dopo 24 ore i miei denti siano così? So che il dentista mi ha detto che in un primo periodo le macchie si sarebbero viste di più ma sono già passate 24 ore e nei denti di sotto non ho questo problema.
Cara Signora Valeria, buonasera a Lei. Deve fidarsi del suo Dentista, sia perché è essenziale che ci sia Rispetto e Fiducia e Stima, altrimenti non avrebbe senso un rapporto medico paziente se non ci fossero queste fondamentali premesse! Chiaro? Sia perchè non si vede quasi niente con una foto in generale e questa in particolare. Occorre almeno una macrofotografia con illuminazione particolare. ad anello appunto da macrofotografia professionale. Sia perché. a prescindere da ogni considerazione, la diagnosi può e deve essere solo Clinica! In ogni caso mi sembra di notare una Discromia dello smalto o a patologie più serie e gravi dello stesso. I pigmenti fissi e rimovibili possono essere dovuti a tante cose e le cause possono essere tante, dalle displasie dello smalto, alle alterazioni cromatiche per patologie batteriche, di miceti (funghi)e tanto altro e la visita comporta tante cose e tante domande . Può essere una Amelogenesi imperfetta. L'amelogenesi imperfetta è una malattia autosomica dominante, ossia ereditaria e provoca una grave ipoplasia dello smalto. Le dico che esiste un tipo ipocalcifico, uno ipoplastico ed uno ipomaturativo e si forma durante lo stadio a Campana dello sviluppo del dente. Per la terapia locale esistono tanti presidi terapeutici di cui si può parlare solo dopo avere visitato il bimbo clinicamente ed aver valutato eventuali cause locali della malattia! Amelogenesi imperfetta è precisa e veritiera perché va differenziata da tante altre patologie molto più banali come quelle dette sopra. Capirà ora, spero, perché non sia possibile rispondere alla sua domanda. Sappia inoltre che per fare uno sbiancamento ci deve essere l'indicazione e deve essere stata fatta una diagnosi precisa che mi sembra che non sia stata fatta, altrimenti lo "sbiancamento" può essere anche nocivo e addirittura pericoloso per Denti e Gengiva! Non si fa alla leggera e poi ad una età così giovane! Comunque, per "risponderle", deve sapere che lo sbiancamento si ottiene con gli ioni O- e HO2- derivanti dalle due modalità di scissione di H2O2 In genere si usa il perossido di idrogeno ma anche il perossido di carbamide è molto potente. E' importante sapere che gli ioni ossidanti vanno a colpire anche il collagene, l'azione sul collagene pulpare determina un lento rilascio di agenti dell'infiammazione che possono danneggiare la polpa radicolare. Ho parlato di queste due sostanze per semplificare, ma ne esistono tante altre. Però tutte possono essere nocive per il collagene che è presente soprattutto nel connettivo delle gengive ed in particolare dell'attacco di esse al dente ed al periostio sottostante, per cui lo sbiancamento è potenzialmente pericoloso per esse con formazione speso di danni parodontali anche seri. Poi consideri che dopo diversi mesi bisogna ripeterlo e così per tutta la vita e questo danneggia lo smalto dei denti. Molto importante è il colore da scegliere che non deve essere un colore molto bianco come un A1 che "spara un bianco apparentemente bellissimo" ma assolutamente "artificale ed artificioso". Il colore scelto si adatterà allo sbiancamento. I denti non devono e non possono essere tutti perfettamente uguali, sarebbero troppo "finti". Va bene che oggi conta più l'apparire che l'essere, in tutti i campi, ma apparire "artificiali" non lo considero un risultato estetico. Questo a mio giudizio! Ovviamente durante lo sbiancamento le gengive devono essere protette con la diga di gomma se possibile, per i motivi spiegati anche se questo non è sempre sufficiente ad evitare e scongiurare le complicanze descritte! Quindi la sua bocca per ricevere lo sbiancamento deve essere sana, lei deve mantenere una igiene orale corretta, fare l'igiene professionale in studio ogni tre mesi, all'incirca. Lo deciderebbe il Dentista dopo una accurata visita Parodontale perchè non ci deve essere assolutamente Gengivite, Parodontite, Recessioni Gengivali, patologie del colletto dentale o discromie pericolose dovute non a semplici cambiamenti di colore ma ad alterazioni della sintesi e formazione e sviluppo dello smalto! Ecco perchè si deve domandare:"Posso fare uno sbiancamento?" e non "Voglio fare uno sbiancamento". Cari saluti e felice e solare estate giovane signora Valeria :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buonasera, purtroppo se sono macchie intrinseche dovute a difetti strutturali dello smalto, il risultato non e' dei piu ottimali, anzi...Tutto va valutato con attenzione ed al limite accettare i compromessi. Cordialita

Scritto da Dott. Maurizio Tabacchino
Roma (RM)

Problema minimo. Chi vivrà vedrà. Pensi anche a cose più serie. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Probabilmente soffre di amelogenesi imperfetta (sviluppo anomalo dello smalto), che comporta ipoplasia e discromie più o meno gravi dello smalto. Questo tipo di macchie intrinseche, anche con sbiancamenti ripetuti, non solo non si risolvono completamente, ma esitano in denti con colorazione non uniforme (proprio perchè il perossido d'idrogeno reagisce differentemente a seconda del tipo di smalto che trova) e spesso non esteticamente molto gradita dal paziente. Inoltre, il danno sullo smalto causato da questi agenti sbiancanti, smalto già indebolito da questa patologia, non è indifferente (maggior sensibilità e maggior rischio carie). Detto ciò, ormai l'ha fatto e indietro non si torna (ma eviti di ripeterlo, quanto meno a breve, come spesso accade per cercare di perfezionare il risultato ottenuto) e sicuramente rispetto alla stato attuale la situazione comunque migliorerà nel tempo, per risultare più uniforme e meno innaturale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, il suo medico la informata che per un periodo si vedrà questa differenza? Se fossero state solo 24 ore il medico le avrebbe detto per un giorno si vedrà questa differenza. Abbia pazienza e fiducia nel suo medico. Cordialmente

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Gentile paziente i denti su cui ha fatto lo sbiancamento sono stati riparati o sono integri? Deve sapere che lo sbiancamento dentale é efficace solo su smalto naturale e non sui materiali da restauro; inoltre se lo smalto risulta essere danneggiato o di spessore ridotto in genere traspare di più la dentina che é molto più cromatica (scura) dello smalto stesso. Cordialità

Scritto da Dott. Johannes Schmitz
Milano (MI)

Sig. Valeria, non sappiamo la diagnosi della sua discromia? che in questo caso è fondamentale, controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Valeria, il così detto sbiancamento dentale altro non é che una feroce mordenzatura dello smalto, oggi molto spinta commercialmente per motivi di lucro, che presenta in realtà molte controindicazioni ed effetti collaterali. Purtroppo non ho elementi per esprimere giudizi sul sul suo caso e sulla reale opportunità di effettuare il trattamento sui suoi elementi dentali.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento