Domanda di Denti e bellezza

Risposte pubblicate: 12

La mia bimba di 10 anni ha un incisivo devitalizzato

Scritto da cinzia / Pubblicato il
La mia bimba di 10 anni ha un incisivo devitalizzato da circa un anno. Ora, c'è chi mi dice che lo sbiancamento può essere fatto in qualsiasi momento e chi invece mi dice che è meglio aspettare 5 o 6 anni per la chiusura completa dei canali. Cosa mi consigliate ? E poi, quanto dura circa lo sbiancamento di un dente devitalizzato e quali sono i rischi (se ce ne sono)?
La manovra di sbiancamento di un incisivo può essere fatta in qualsiasi momento. Ci sono numerose tecniche ma se fatti gli step giusti, non c'è rischio, anche se sta procedendo alla apecificazione, ovvero alla chiusura dell'apice. Tuttavia è vero che in genere si aspetta dopo la chiusura ermetica del canale. Il punto sta nel fatto che le sostanze che sbiancano, sarebbero irritanti se entrassero nel canale. Ma si può fare facilmente in modo che non ci entrino..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Cinzia, le discromie dei denti devitalizzati fanno un pò parte del passato. Nel senso che una adeguata terapia endodontica non dovrebbe far virare il colore del dente....o almeno non dopo un anno. Per quanto riguarda il trattamento canalare di un incisivo di una bimba di dieci anni va messo in conto che è fondamentale aver la sicurezza che sia eseguito con la massima accuratezza vista la importanza estetica-funzionale che riveste tale elemento. Voglio dire che è necessario capire il motivo di tale discromia prima di pensare a risolverla con sbiancamenti. Se è possibile risolverla con un adeguata revisione della terapia endodontica precedente è bene prenderla in esame. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Aglietti
Firenze (FI)

Gentile Cinzia, di solito una devitalizzazione a regola d'arte non provoca modifiche del colore del dente e comunque esistono svariati tipi di sbiancamento dei denti sia interni che esterni che solo il dentista curante può valutare esattamente. Rischi particolari non ce ne sono, ma di solito è necessario un richiamo periodico che varia da caso a caso a seconda del grado della discromia. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Cinzia... lo sbiancamento si ottiene con gli ioni O- e HO2- derivanti dalle due modalità di scissione di H2O2 In genere si usa il perossido di idrogeno ma anche il perossido di carbamide è molto potente.E' importante sapere che gli ioni ossidanti vanno a colpire anche il collagene, l'azione sul collagene pulpare determina un lento rilascio di agenti dell'infiammazione che possono danneggiare la polpa radicolare..quindi anche se in teoria si potrebbe procedere lo stesso, perchè il processo infiammatorio è di regola reversibile, ritengo sia meglio aspettare il completamento di maturazione dell'apice! ....in ogni caso non deve essere stata fatta a regola d'arte la terapia perchè non si sarebbe dovuta manifestare nessuna discromia coronale...agendo a regola d'arte......Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Ritengo sia meglio aspettare l'avvenuta chiusura (maturazione) apicale, anche per rivalutare la terapia endodontica.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Lo sbiancamento del dente devitalizzato si esegue con la riapertura della otturazione ed un lavaggio appropriato dei canalicoli dentinali impregnati di sangue coagulato. Non c'è alcun rischio e si può eseguire in qualsiasi momento. Mi sembra opportuno eseguirlo al più presto per evitare complessi psicologici alla bambina.

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Gentile signora effettivamente la terapia di sbiancamento del dente trattato endodonticamente va eseguita solo dopo aver effettuato il sigillo canalare al fine di evitare che le sostanze usate per tale terapia possano innescare fenomeni di riassorbimento radicolare, e' una tecnica non completamente esente da rischi proprio per i motivi sopracitati che certamente il suo dentista di fiducia conosce, cordialità.

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)

Gentile signora Cinzia, lo sbiancamento è un trattamento che merita la medesima cura e attenzione di tutti gli altri trattamenti odontoiatrici. Il primo requisito è che lo sbiancamento sia necessario, e che quindi il colore sia evidentemente diverso dagli altri, perchè credo che a dieci anni di età il colore potrebbe dare più fastidio alla mamma che alla figlia. Il secondo requisito è che i liquidi responsabili dell'azione sbiancante restino dove il medico li mette, e quindi che la bimba sia disposta a subire il trattamento (di per sè non doloroso, ma un tantino "noioso") ma se la bimba ha già subito la devitalizzazione non dovrebbero esserci problemi. Il terzo requisito è essere pronti e preparati ad una eventuale parziale recidiva nel tempo, non prevedibile con precisione in entità e tempistica. Se tutte le variabili sono soddisfatte non credo ci siano controindicazioni ad eseguire la terapia, ma non dovrebbero esserci problemi nemmeno se si decidesse di posticipare il tutto più in là di qualche tempo. Cordiali Saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Nessun rischio! Mi chiedo soltanto come intendano procedere per schiarire un dente devitalizzato "MALE". Dall'interno opp. dall'esterno?

Scritto da Dott. Alberto Ricciardi
Trebisacce (CS)

Sarebbe opportuna attendere qualche anno prima di procedere allo sbiancamento interno, in modo che gli apici delle radici siano completamente formati. Una volta fatto ciò lo sbiancamento non ha particolari rischi. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Gilberto Urbinati
Pesaro (PU)

Sullo stesso argomento