Domanda di Denti e bellezza

Risposte pubblicate: 11

Dente scurito

Scritto da Fabio / Pubblicato il
Salve, sono un ragazzo di 31 anni alla ricerca di una soluzione ad un problema occorso circa 13 anni fa, cioè la rottura parziale dei due incisivi superiori (come potete vedere da foto). Nel dettaglio, in seguito a caduta, ebbi una frattura dei due denti, che poi vennero ricostruiti dapprima con i "pezzi" originali e poi con materiale artificiale. Uno dei due denti iniziò a scurirsi progressivamente sino a diventare quello che potete vedere in foto. Da premettere che tale dente, che io ricordi, NON è MAI stato devitalizzato. Da qui la necessità di voler migliorare il mio aspetto estetico. Sono cosi andato alla ricerca di un dentista che potesse aiutarmi a risolvere tale disagio, ma qui la vicenda è diventata molto più intricata. Negli ultimi 18 mesi ho consultato 3 dentisti che mi hanno dato 3 differenti risposte: Dentista 1) "E' un caso complicato e non sono in grado di poter operare con successo" Dentista 2) "L'unica soluzione è assottigliare ed incapsulare il dente, dopo averlo però sbiancato" Dentista 3) Questo merita una menzione a parte. Non ha risolto il problema, ma mi ha spiegato chiaramente qual è. A suo dire, in questa tipologia di casi in generale si interviene in tre modalità, alternative o combinate: a) sbiancamento b) faccetta c) corona. Nel mio caso specifico, dopo aver richiesto e visionato una panoramica dentale, ha detto che se avessi seguito la soluzione del dentista 2) sarei andato incontro a gravissimi problemi, in quanto la sostanza sbiancante (il perossido) sarebbe certamente penetrata verso l'alto (non ricordo bene in che parte specifica) causando ulteriori problemi. Continuando, mi ha poi sconsigliato sia la soluzione sbiancatura, sia quella della faccetta (perché il dente è troppo scuro e quindi non si otterrebbe un colore omogeneo), sia quella della capsula, perché è vero che risolverebbe il problema estetico, ma alla lunga un incisivo centrale "assottigliato" tenderebbe ad indebolirsi e non è una soluzione che raccomanderebbe ad un 31enne. Mi ha spiegato inoltre che il dente è in necrosi e che andrebbe devitalizzato perché prima o poi potrebbe causare una grave infezione. Tuttavia tenderebbe ad intervenire alle prime manifestazioni della stessa e, per quanto riguarda il dente nero, cito testualmente: "Potresti tenertelo cosi, perché è plausibile che il tuo corpo attualmente abbia trovato un equilibrio, seppur precario, visto che non hai avuto alcuna manifestazione negativa. Al contrario, invece, se decidessi di intervenire la responsabilità sarebbe tua ed io non potrei garantirti un esito positivo, né alcun altro collega potrebbe farlo". Detto ciò, con enorme sconforto ed altrettanta incredulità, ho interrotto la mia ricerca. Secondo voi, esiste un dentista capace di risolvere questo problema, senza delegare a me la responsabilità di decidere se/come intervenire? Qualcuno di voi ha delle esperienze di questo tipo? Se si, quali soluzioni si potrebbero adottare? Inoltre, ho compreso come la dentistica abbia diversi settori di specializzazione. Che tipo di dentista devo ricercare? Leggo spesso la vostra raccomandazione di affidarsi e fidarsi del dentista di fiducia, ma non è semplice capire a chi rivolgersi. Grazie a chiunque saprà dare un contributo alla discussione.
Caro Signor Fabio, buongiorno. "Secondo voi, esiste un dentista capace di risolvere questo problema?" Domanda che mi lascia molto perplesso perché "questo problema", come lo definisce Lei, è di normalissima Routine Odontoiatrica e qualsiasi Odontoiatra Degno di Questo Nome, è in Grado di Intervenire al Meglio!!! (Tra parentesi, la colorazione rassomiglia molto al Gel di Mordenzatura dello smalto che si usa per le otturazioni e/o Ricostruzioni estetiche o altri interventi di Odontoiatria Conservativa, si vede anche una apparente "goccia" nella parte mesiale del dente, Sic.) Siamo sicuri che si tratti di una discromia? In ogni caso intervenire è una sciocchezza. Per dirle come, dovrei visitarla Clinicamente, Semeiologicamene, Anamnesticamente e con Rx endorali e non solo quel dente ma tutti i denti e tutto il Parodonto e Gnatologicamente. E' probabile, se non si trattasse di Gel :) che il Dente sia in Necrosi e lo si debba curare endodonticamente. Lo sbiancamento interno servirebbe solo se si decidesse di mantenere la corona naturale del dente senza "Rivestirlo" con Faccette o con Corone Protesiche. Se fosse molto debole vestibolarmente, la terapia riabilitativa più sicura dovrebbe essere la realizzazione di un Perno Moncone con Relativa Corona Protesica definitiva estetica in Ceramica con struttura Nobile o anche integrale a seconda della Situazione Clinica. Smetta di "girare da un Dentista all'altro". Non è Lei che deve "capire" è il Dentista! E non troverà certo il Dentista da chi fa le Visite Gratis!Vada dal Dentista, scelto per Fiducia e Stima e non in base a visite gratis e preventivi apparentemente convenienti! Segua la "Vox Populi" o cerchi su questo portale in "Trova Dentista " in Home page digitando la città e leggendo i curricula. Poi digiti il nome del Dentista su un motore di ricerca e se il Professionista è uno studioso, troverà curriculum, foto di interventi, corsi, congressi, pubblicazioni. Non sarebbe indispensabile avere tutto questo, ma almeno sa che sta recandosi da un Dentista colto e che fa cultura, il ché è già un buon inizio! Non troverà Mai due Medici che dicano le stesse cose ed allo stesso modo. L'importante è che l'obiettivo venga raggiunto e risolto con scienza e coscienza che sono alla base del Giuramento Professionale di Ippocrate! Cari saluti e in bocca al Lupo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno Fabio, se avessi il suo problema sceglierei la realizzazione di una corona eventualmente associata ad una faccetta per ricostruire il margine incisale dell'incisivo centrale destro. Naturalmente prima di fare la corona devitalizzerei il medesimo elemento dentario. Ricordi però che la mia opinione va presa con beneficio di inventario perché non è possibile dare un suggerimento utile senza averla visitata. Auguri

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Il suo incisivo centrale superiore di sinistra è con molta probabilità in necrosi post - trauma, quindi in primis deve essere trattato endodonticamente, con adeguata terapia canalare. Una volta completata questa prima e fondamentale parte del trattamento, le soluzioni possibili sono due: sbiancamento interno (una volta ottenuto un buon sigillo apicale i rischi per i tessuti apicali sono inesistenti), e faccetta estetica, limitandosi quindi a preparare soltanto la porzione vestibolare del dente; oppure, se con lo sbiancamento interno non si migliora molto, preparazione completa del dente e relativa corona metal - free in ceramica (ad esempio in disilicato di lito o ceramica feldspatica rinforzata con leucite, a seconda del colore del dente e della sua occlusione) oppure tradizionale metallo - ceramica. Non è un problema irrisolvibile. Richiede una attenzione in più rivolta al lato estetico (vista la zona), ma è relativamente di prassi come diagnosi e risoluzione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

foto prima
Salve Signor Fabio, concordo con il collega Petti, il suo è un caso di routine odontoiatrica, e non vedo una particolare complessità. Le allego delle immagini di un caso per certi versi simili. in questo caso risolto con una faccetta. Mi spiace non poterle mostrare il caso iniziale, ma non riesco a caricare la foto iniziale, il dente interessato al restauro è l'incisivo superiore di destra.

Scritto da Dott. Ciriaco Francesco Tufarelli
Foggia (FG)

Come si evince dal colore (e dalla radiografia), il dente è andato in necrosi post-traumatica molto tempo fa e necessita di un efficace TRATTAMENTO ENDOCANALARE, il quale - se correttamente eseguito (attenzione...perchè è quì che casca l'asino)- porterà inevitabilmente a un miglioramento cromatico. Se poi si vuole la "perfezione" andrà incapsulato con una corona in porcellana (magari INTEGRALE) .

Scritto da Dott. Alberto Ricciardi
Trebisacce (CS)

L'ultimo dentista cui si è rivolto è il più affidabile con una soluzione corretta,segua i suoi indirizzi: devitalizzazione, capsula o faccetta, io opto per la faccetta, questa non lede il suo dente, è esteticamente valida. Il dentista deve essere esperto in endodonzia e protesi

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Fabio buongiorno, il tuo è un caso di odontoiatria basica. E' necessario devitalizzare il dente, perchè si è instaurato un processo infettivo e infiammatorio cronico che va risolto. Poi si dovrà procedere con lo sbiancamento endodontico dell'elemento, nel caso in cui la quantità di tessuto dentale residuo lo consenta. Alla fine si procederà con la realizzazione di una corona protesica. Se non hai un dentista di fiducia a cui rivolgerti, posso suggerirti il nome di un bravo collega che opera nella tua città. Auguri e non scoraggiarti, il tuo é un caso semplice nelle mani di un bravo odontoiatra.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Vanessa Ciaschetti
Marostica (VI)

Con tutto il rispetto per chi ha risposto al signore, a mio parere qui siamo su scherzi a parte; non posso credere che esistano colleghi come quelli che hanno visitato il paziente. In questo sito anche l'ultimo dei neolaureati sa benissimo cosa fare in questi casi

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Sig. Fabio, parla di devitalizzazione di un dente necrotico cioè già morto, forse c'è qualcosa che non ha ben compreso. Le consiglio di rivolgersi a un semplicissimo odontoiatra, che le fa pagare la visita e che le esegue la RX indicata al suo caso che non è la panoramica; eviti grandi strutture con forte pubblicità, che forse gli regaleranno la visita e la panoramica, ma avrà sempre dei dubbi come quelli attuali.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Mi sembra evidente che bisogna intervenire. Innanzi tutto va praticata la cura canalare per "mettere in sicurezza" il dente, poi si deve tentare lo sbiancamento interno (con tutte le attenzioni del caso); solo dopo tutto ciò, valutata l'estetica ottenuta, si può pensare alla miglior soluzione di tipo protesico (faccetta, corona, o altro, se necessario. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Sullo stesso argomento