Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 6

Potrò usare l'articaina al momento dell'estrazione?

Scritto da caterina / Pubblicato il
Egr dottori buongiorno. Devo estrarre un dente, il dentista (avendo precedentemente avuto allergie alle anestesie) mi ha consigliato di fare il test allergico alla ( come consigliato) articaina, ma all'ospedale avevano la mepivacaina pierrel 3% testandomena con risultati negativi. Domanda: Potrò usare l'articaina al momento dell'estrazione ''non avendola testata'' o solo la mepivacaina..insomma qual'è la preferibile tra le due se si fosse allergici? Grazie scusate spero di essere stata comprensibile.
È molto probabile che in precedenza lei non abbia avuto un vero problema allergico alla molecola dell'anestetico, se le prove effettuate con la mepivacaina risultano negative è sufficiente utilizzare questa molecola farmacologica per effettuare l'intervento.

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Sig. Caterina, non capisco perché pone questa domanda, se lei si è rivolta a un odontoiatra iscritto all'ordine dei medici, queste inutili ricerche in internet le daranno solo confusione, ansie e responsabilità personali che può tranquillamente lasciare all'odontoiatra che è l'esperto della materia. Le consiglio la lettura di questo mio articolohttp://www.dentisti-italia.it/dentista/odontoiatria/322_dentista-anestetico.html

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Caterina, buongiorno. Vede, si deve fare una precisazione. Gli anestetici locali si dividono in due grandi categorie, gli Amidi e gli Esteri. La Lidocaina, la mepivacaina e l'articaina appartengono tutti alla classe delle amidi. Contengono poi o no, un vasocostrittore che di regola è l'Adrenalina (Epinefrina) in genere nella concentrazione 1:100.000 per ogni ml di soluzione. L'allergia, di per se rarissima, è estremamente rara alla base dell'anestetico. E' impossibile all'Epinefrina. E' possibile invece ai componenti della soluzione anestetica che variano da anestetico ad anestetico. Sono sostanze antiossidanti contenenti sulfiti. I sulfiti sono presenti negli anestetici con vaso costrittore, quindi basta usare un anestetico senza vasocostrittore affinchè non vi siano queste sostanze antiossidanti e l'allergia non può avvenire! Bisogna però testare l'anestetico per sicurezza e queste sostanze che possono essere, queste ultime anche appartenenti ad altri gruppi chimici. Bisogna quindi testare l'anestetico che si usa e questo lo può fare un immunologo o un allergologo portandogli le fiale dell'anestetico fornite dal suo Dentista! Difficile che lo facciano all'Università o in Ospedale! Può rivolgersi ad uno Specialista Privato in una Struttura Protetta Privata! Penso di averle dato tutte le spiegazioni che avrebbe dovuto darle il suo Dentista o lo Specialista Ospedaliero! Di regola però, non si tratta di Allergia ma di Reazioni Tossiche per il Fegato o addirittura Psicogene. Ripeto le Allergie vere e proprie sono rarissime. Comunque bisogna testare il tutto! Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

L'allergia agli anestetici locali è rarissima ma, visto che la Mepivacaina è altrettanto efficace, cosa costa al suo dentista usare quella, così siete tutti tranquilli?

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Lei si assume problematiche che non le spettano. Mezzo secolo fa gli anestetici locali erano fatali una volta ogni 15 milioni di volte. Visti i progressi enormi della chimica, questa cifra dovrebbe essere almeno triplicata. Se vuole essere ancora più tranquilla chieda quale potrebbe essere la cifra dell'assicurazione stipulata dal suo dentista, che spetterebbe all'infelice vedovo per consolazione di tanta sciagura. Per sua massima attenzione, cerchi di non scivolare sui gradini che portano alla soglia dello studio dentistico. Il rischio zero non esiste mai! Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Caterina, se lei si è rivolta ad un odontoiatra iscritto all'ordine dei medici saprà controllare il test eseguito e prendere i giusti provvedimenti del caso. Cordiali saluti.

Scritto da Dott.ssa Barbara Boniello
Ciampino (RM)