Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 11

Qual'è il vostro parere in merito?

Scritto da Valentina / Pubblicato il
Salve, il mio dente del giudizio inferiore destro e' sempre stato parzialmente coperto dalla gengiva e ha finito per cariarsi e quindi procederò all'estrazione; mi trovo in Irlanda e a quanto pare qui la consuetudine, una volta tolto un dente del giudizio, e' quella di rimuovere anche il dente del giudizio corrispondente, per evitare e prevenire, credo, possibili ascessi in futuro. Io sono un po' dubbiosa, qual'è il vostro parere in merito? Grazie, Valentina Settomini
Cara Signora Valentina, nel caso il motivo dell'avulsione dell'antagonista sarebbe perchè altrimenti estruderebbe creando problemi gnatologici all'occlusione! Però il dente antagonista, almeno dalle lastre sembra sano e bello ed in occlusione, per cui non lo estrarrei e nel caso lo "bloccherei" con il prossimale per impedirne l'estrusione. Non immagina quanto sia importante conservare questo dente che in futuro, magari lontano, potrebbe essere fondamentale per ripristinare articolato ed articolazione magari "persa" per tanti motivi! In ogni caso non c'è fretta immediata! Ma c'è il tempo di ragionarci su e valutare con attenzione anche perchè di solito l'ottavo superiore un contatto mesiale con la parte distale del settimo inferiore, l'ha e questo spesso basta e avanza per impedirne l'estrusione! Bisogna valutare clinicamente il tutto ma non lo farei estrarre per i motivi su esposti! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Atteggiamento corretto quello del collega irlandese il consiglio è giusto. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Credo che sia una forzatura. Non è escluso che in futuro si trovi nella necessità di estrarre anche l'altro, ma se fosse mio lo farei quando (e se) fosse necessario. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Valentina, i nostri testi non anglosassoni per l'avulsione dei terzi molari richiedono le solo delle indicazioni, però i tipo di prevenzione da lei descritto non è contemplato.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile signora non si tratta di un'abitudine Irlandese, ma di corretta pianificazione del lavoro

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

E' un metodo intelligente ma non del tutto necessario. Aspetti; non c'è urgenza e poi potrebbe essere valutata utile la sua permanenza.

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Valentina, francamente non vedo la necessità. Se in futuro l'antagonista estrude si può sempre intervenire se vi sono dei problemi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Questa regola è stata annunciata dalla scuola di Boston oltre mezzo secolo fa, e in seguito in tutto il mondo si sono tolti i quattro denti del giudizio sani per migliorare l'igiene orale di una moltitudine di persone. Nel nostro tempo ci concediamo il sano beneficio del dubbio, come nel suo caso dove una semplice otturazione del molare potrebbe sistemare le cose. Per quanto tempo ancora? Dieci, venti o trenta anni, e chi lo sa? Perché anticipare il futuro? Buona fortuna.

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Mi sembra opportuno programmare anche l'estrazione del dente controlaterale anche se con calma visto che non c'è urgenza. dr. Costantino Volpe - Salerno

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

L'estrazione "preventiva" avrebbe indicazioni gnatologiche in quanto il molare superiore in mancanza dell'antagonista estruderebbe cioè tenderebbe a "scendere", ma non vedo la necessità ad intervenire se il problema almeno non si prospetta nel tempo.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia