Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 13

I denti del giudizio danno questi sintomi?

Scritto da Nicholas / Pubblicato il
Salve ho 18 anni, e da 5 mesi soffro di "vertigini soggettive" mi sento sballato, a volte parestesie alle braccia, e vari dolori (testa, tempie, denti). Ho fatto tutti gli esami del caso (negativi) e dalla panoramica (che allego) è risultata così. E' il caso che la porti da un dentista? I denti del giudizio danno questi sintomi? Grazie, cordiali saluti.
Mi scusi, ma la radiografia non l'ha prescritta il medico? Il giusto percorso è visita odontoiatrica, durante la quale vi sarà un sospetto diagnostico da parte del medico, esecuzione di esami di diagnostica per immagini, diagnosi e terapia. Per venire alla sua domanda, la mia risposta è si. E' necessaria una visita odontoiatrica. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Nicholas, in linea di massima direi che le patologie odontoiatriche non centrano niente. In ogni caso è il Dentista che visitandola clinicamente valuterebbe il tutto. Quanto al fatto che sia stata prescritta una OPT, evidentemente dal Medico Generico, dato che non può certo prescriversela da solo, chiederei a questo "genio" del Medico Generico di farle una Diagnosi! Sarebbe stato eventualmente suo compito indirizzarla da un Dentista per una Visita Clinica! Per rispondere: certo che deve andare da un Dentista ma non è dalla lastra che farà Diagnosi! Poi se parla di "Vertigini soggettive", data la terminologia, è evidente che una Diagnosi è già stata fatta mi auguro da un Neurologo, sentito anche un Otorino! Le ricordo che "soggettiva" è una vertigine in cui lei si sente ruotare ma l'ambiente circostante è fermo mentre invece oggettiva è esattamente il contrario, ossia Lei vede ruotare l'ambiente intorno a sè. . Hanno due etiopatogenesi diverse. Le Oggettive sono spesso secondarie a patologie periferiche dell'orecchio medio ed interno in particolare del labirinto che è l'organo dell'equilibrio o dei patologie vertebrali cervicali o della postura e quindi anche gnatologiche e dell'apparato stomatognatico! Le soggettive invece hanno una etiopatogenesi più complessa neurologica centrale del sistema nervoso centrale cerebrale! Quindi scrivere che tutti gli esami sono stati negativi e che nessuno ci capisce niente è errato da parte sua dato che è stata fatta una diagnosi di "Vertigini soggettive" , diagnosi precisa e che va indagata a fondo da un Neurologo! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Nicholas, dall'odontoiatra si deve andare per visita ogni sei mesi per prevenire le patologie che affliggono il cavo orale, per cui corra a far visionare questa RX.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

E' scontato dirle di portare l'rx a chi l'ha richiesta...sono presenti disodontiasi, consigliata una visita gnatologica per riscontrare eventuali anomalie occlusali e rapportarle allo stato del sistema posturale.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Salve osservando la panoramica potrei affermare che la disodontiasi dei molari del giudizio non possono determinare tale sintomatologia. Mentre una visita odontoiatrica potrebbe evidenziare eventuali malocclusioni che invece giustificherebbero i suoi disturbi. Dott.F.F.Dotto Palermo

Scritto da Dott.ssa Flora Francesca Dotto
Palermo (PA)

E' possibile: sarà il dentista che la visita che farà la diagnosi, facendosi aiutare anche da uno specialista gnatologo.

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Anche patologie apparentemente non di origine odontoiatrica possono generarsi da disfunzioni dell'apparato masticatorio, quindi le consiglio una visita da un dentista che si occupa di gnatologia. Cordialità

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

Caro Nicholas, premesso che è in questi casi è importante il consulto medico diretto approfondito, non sembra che il dente del giudizio, in disodontiasi, possa essere coinvolto nella sindrome vertiginosa alla quale fai riferimento. Il consiglio che ti posso dare è quello di approfondire l'inquadramento diagnostico interpellando il tuo medico di base che sicuramente ti indirizzerà nel modo più opportuno; Passi importanti per l'approfondimento diagnostico saranno sicuramente: la visita specialistica da un vestibologo( O.R.L ), la visita neurologica etc. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Amato
Borgoricco (PD)

Caro Nicholas, presumo che la panoramica sia stata prescritta dal suo medico di base che ora dovrebbe inviarla da un odontoiatra con competenze generali per ciò che riguarda la disodontiasi ma anche con competenze specifiche in gnatologia poiché i sintomi che lei denuncia potrebbero effettivamente derivare da uno squilibrio occlusale. Personalmente le consiglio di cercare nelle sue vicinanze dei professionisti esperti in occlusione neuromuscolare in grado di sottoporla a test kinesiografici ed elettromiografici essenziali per la risoluzione di una sintomatologia come la sua. Michele Lasagna
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Nicholas, il suo caso sembra, a distanza e solo in via di sospetto, un caso in cui più fattori possono concorrere: una comune disodontiasi del giudizio inferiore che può dare sia algia loco-regionale che disturbi muscolo-scheletrici o posturali a distanza. Personalmente non ho riscontrato associazioni di sindromi vertiginose soggettive che di solito hanno una genesi diversa. È anche possibile una concomitanza di sintomi legati in parte al giudizio che esacerbano la sindrome vertiginosa. In ogni caso il dente va tolto di per sé per possibili rischi e danni che presto causerà. Ne ho estratti tanti e questo non è difficile. Auguri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Ospedaletto (PI)