Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 10

Volevo chiedervi un'informazione relativa ai denti del giudizio

Scritto da Mattia / Pubblicato il
Buongiorno volevo chiedervi un'informazione relativa ai denti del giudizio. Andando dalla dentista in seguito ad una panoramica dentale abbiamo notato che i due denti del giudizio dell'arcata inferiore destra e sinistra sono inclusi e storti nel senso che nel momento in cui decidessero di voler uscire non riuscirebbero ad uscire "del tutto" in quanto metà dente del giudizio andrebbe a sbattere contro le radici dell'ultimo dente prima del dente del giudizio. La dentista guardando la panoramica ha detto che comunque sono ancora in letargo cioè non ancora spuntati e quindi non a contatto con le radici dell'altro dente e in base a queste due cose ha detto che finché stanno in letargo di lasciarli li in letargo e non toccarli. Io vi chiedo se anche voi siete d'accordo con quanto detto dalla mia dentista oppure optereste per un'altra cosa. Inoltre vi chiedo se il dente del giudizio decidesse di voler uscire e quindi andando a sbattere contro l ultimo dente e anche contro  le radici di quest'ultimo lo avvertirei sentendo dolore e male perché il dente vuole uscire un po' dalla gengiva e metà invece va a sbattere contro le radici Dell'ultimo dente oppure non sentirei nulla anche se va a sbattere con le radici dell'altro dente ?? Grazie. Saluti 
Caro sig. Mattia, la pressione dei denti del giudizio in fase di uscita può generare una serie di problemi sia localmente che ad altri livelli dell’arcata dentaria. I problemi locali consistono nella pericoronite, processo di cui il pz. si rende conto e che consiste in dolore, gonfiore, a volte fuoriuscita di gemizio siero purulento, più raramente lieve rialzo febbrile. Raramente può conseguire a questo la formazione di una cisti. A volte, in caso di acuzie, il pz. ha difficoltà di apertura della bocca fino al blocco (trisma). La spinta che effettuano questi inclusi può causare la mesializzazione degli elementi contigui e a volte l’accavallamento degli incisivi. Sono sicuro, però che la valutazione fatta dalla sua dentista depone per l’innocuità attuale dei suoi ottavi. Continui a tenerli sotto controllo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pasquale De Magistris
Pescara (PE)

Caro Signor Mattia, lei si fa un sacco di domanda che non spetta a lei porsi ma alla sua Dentista che mi sembra abbia già preso la sua Decisione dopo aver analizzato il Problema. A questo punto la Ringrazio per la grande Fiducia che ha in Noi ed in Me, ma non è al contempo onesto verso la sua Dentista verso cui mostra una Sfiducia Immotivata! La Fiducia è essenziale! Perchè non l'ha? Le consiglio di sviscerare il problema con se stesso e poi con la sua Dentista!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Bisogna vedere e discriminare caso per caso. Se ci mandasse una foto della panoramica forse potremmo dire di più. Quello che le posso dire con certezza è che il fastidio o il dolore NON è sintomo guida per giudicare la opportunità della estrazione. Ovvero questi denti potrebbero far danni anche senza che lei abbia fastidi. Poi bisogna vedere bene anche la situazione della occlusione, nel senso che in gioco c'è anche la ipotesi che spingendo possano scombinare la forma della arcata storcendo gli altri denti..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Signor Mattia, la cosa più sensata è rivolgere queste domande alla sua dentista che ha valutato la situazione, è per noi difficile darle un consiglio senza alcun elemento. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Sig. Mattia, mi trova in accordo con la sua odontoiatra non sussistono indicazioni all'avulsione.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Spesso i denti del giudizio inclusi non vengono trattati se non si prevede un potenziale pericolo per la salute degli altri denti o se non ci sono rischi di complicazione dell'intervento chirurgico estrattivo per continuità con altre strutture anatomiche importanti. Ad esempio, se le radici non fossero ancora complete e se la loro previsione di crescita potesse portarle in continuità con il canale mandibolare dove decorre il nervo alveolare inferiore, allora si potrebbe optare per una estrazione preventiva al fine di eseguire un intervento più semplice di quello che sarebbe aspettando altro tempo. Comunque tutte queste cose la sua dentista se la sicuramente, pertanto se le consiglia di non togliere i denti, evidentemente non c'è ragione di preoccuparsi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Ogni giorno porta la sua pena. Perché anticipare ad oggi le pene future, se verranno?

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Mattia, i denti del giudizio che nel tempo possono dare problemi in pazienti ancora in età tra i 17 e 24 anni, tendenzialmente vanno tolti. Dopo i 24 anni si tolgono solo se divengono sintomatici. Cordialità

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Caro sig.Mattia, non ho mai pensato al dente del giudizio in "letargo" ma mi piace questa immagine. Lei stia tranquillo perchè la sua dentista ha ben chiaro il suo problema. I suoi denti del giudizio alla sua età e senza problemi, di solito non creano patologie. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Mattia, la decisione di estrarre o no i denti del giudizio si prende in base ad una accurata visita ed dalla visione delle radiografie. Comunque i denti del giudizio possono provocare dei danni alle strutture adiacenti anche senza grandi fastidi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia