Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 10

Che cosa potrebbe essere?

Scritto da livo / Pubblicato il
Salve, sono uno studente universitario 20enne molto stressato e al quale sono in crescita i denti del giudizio ne sono cresciuti solo due uno nell'arcata superiore uno in quella inferiore ( uno a destra e uno a sinistra). Premetto ancora che ho i denti posteriori incisivi e canini più piccoli rispetto agli altri denti e quindi vi sono molti spazi tra i primi 4 denti. Ora è un anno almeno che mi sveglio la mattina con la lingua segnata dai denti e mi sono accorto che anche durante il giorno la lingua preme in continuazione sui denti e inizio a sentire dolore alla lingua perchè indolenzita dalla troppa pressione? Ho fatto anche analisi per il diabete o malfunzionamenti degli organi interni visto che poteva essere una casa ma non lo è.. che cosa potrebbe essere? spero mi rispondiate che mi devo rilassare di più . Grazie mille cordiali saluti Livio
Caro Signor Ivo, scusi ma è ovvio che si debba far visitare da un Dentista! Ha un problema a quanto pare serio in bocca e si fa visitare dal Medico Generico o altri specialisti per Diabete e Patologie sistemiche? Perchè mai? Non è chiaro quello che descrive. Da quel che dice sembrerebbe che lei abbia una Microdontia, ossia denti piccoli in rapporto all'osso che li contiene, con Diastemi e una lingua di normali dimensioni che premendo contro le arcate dentali ne prenda l'impronta sui margini! Questo perchè non posso pensare al fatto che lei possa avere una agenesia dei permanenti con permanenza dei decidui così vasta! Questo perchè non è per niente chiara la sua frase "ho i denti posteriori incisivi e canini più piccoli rispetto agli altri denti" Ha detto tutti i denti, posteriori canini incisivi. Sono tutti piccoli? Allora ha una Microdontia come detto. Oppure si riferisce solo ai denti posteriori ed allora potrebbe avere una agenesia dei permanenti e i posteriori sono ancora solo molarini decidui che sarebbero dovuti essere sostituiti dai permanenti che sembrerebbe non abbia! Oppure potrebbe avere una Disgnazia che si sovrappone alle altre od altra patologia o patologie descritta o descritte, dento scheletrica. Deve essere molto più chiaro e preciso se ci riesce. In ogni caso, cosa aspetta mi scusi a correre da un Dentista perchè venga fatta una Diagnosi certa ed impostata una terapia? Possibile che in questi 20 anni non sia mai stato visitato da un Dentista? Possibile che un Pediatra o più in là un Medico Generico non l'abbia mai visitato per le malattie esantematiche od altro e, accortosi della malformazione non l'abbiano inviato dal Medico Dentista? E' anche uno studente Universitario, quindi con una certa cultura che avrebbe dovuto spingerla a consultare l'Odontoiatra, mi scusi eh! In ogni caso stia tranquillo perchè la cura esiste, quindi non si spaventi! Ci vada e poi riscriva e ci faccia sapere. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Livio è probabile che lo stress abbia causato una abitudine viziata. Come tu dici premi in continuazione con la lingua contro i denti e di notte ti morsichi la lingua. Devi cercare di controllare lo stress. E' consigliato anche un controllo della occlusione da un bravo ortodontista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Salve Livo, la lingua festonata da appoggio forzato sulle superfici linguali dei denti è uno dei segni tipici delle perdita di dimensione verticale di occlusione , cui consegue una mancanza di spazio per la lingua. Un buon piano di trattamento ortodontico con relativa terapia potrà risolvere in maniera ottimale e definitiva ogni suo disturbo e disagio. Cordialmente

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Probabile che abbia una abitudine viziata e conviene si faccia vedere da un ortodontista. Respira per la bocca?

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Sig. Livo, situazioni di stress possono dare anche queste complicanze, ma in questo caso occorre una visita odontoiatrica che escluda la presenza di eventuali patologie.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Livio, lo stress gioca strani scherzi. Non credo che ci sia qualche cosa di serio alla base di quello che descrive. Se tra una decina di giorni la cosa non si è risolta spontaneamente, consulti il suo dentista. Ma probabilmente sarà scomparso tutto. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Il sintomo dell'impronta dentale sulla lingua (ma anche un’impronta collaterale sulla guancia, contro la rima occlusale, controlli!) insieme ad aumento della tensione muscolare nell'area della faccia sono espressione "univoca" della "malattia occlusale". Questa malattia non è un morbo da degenza a letto e assistenza mutualistica, ma è piuttosto una condizione anòdina in grado di compromettere la qualità della vita alle persone che si sentono malate, e anche alle persone che sono malate senza saperlo. Lei immagini una porta uscita dai gangheri, e quindi ruoti sgangherata. La mandibola, l’unico osso mobile del cranio, ruota su un cardine orizzontale, che non è una struttura anatomica ma un’astrazione, come per via d’esempio il centro di rotazione del mondo non è una meta turistica, ma un luogo geometrico dei cartografi. Lei ora immagini una mandibola sgangherata, che in ogni chiusura della bocca deve impattare i due versanti della dentatura, per missione inesorabile. La platea della dentatura si deve pensare come il profilo attivo di una chiave di sicurezza, che solo nel cilindro dedicato allinea i pioli di vincolo, e libera “con dolcezza” l’asse di rotazione, che poi motiva il treno dello scrocco. Tutti abbiamo esperienza di una serratura maledetta, dove la chiave gira a forza e qualche volta si rompe. L’ingranaggio dei denti funziona come da similitudine, e la leva mandibolare ruota sul suo cardine secondo le leggi della geometria euclidea. Lei, con la sua professione intellettuale, può spiegarsi da solo gli sviluppi possibili. Terapia: riorganizzare le superfici di combaciamento in modo armonico, impresa così difficile che spesso il curante, pur coltivato e avveduto, fallisce. Lei pensi che un dentista di razza si deve impegnare a modificare un precontatto della misura di micrometri, e le risparmio la dimostrazione. Le persone male avventurate vengono a cadere in un circolo vizioso, condito di esami come la risonanza magnetica alle orecchie e cose simili. E’ veramente una costante tipica della malattia occlusale che anche il malato dubiti di se stesso, e agganci il suo malessere fisico, sentito il parere confuso di molti medici illustri, solo ad uno stato esistenziale, alla fatica di vivere, all’influsso di spiritualità negative. Al termine di un percorso di decenni, molti infelici si affiliano ad uno sciamano. Ora la prego di non prendere questa china, ma vada all’attacco della classe dei dentisti. Lei deve trovare un dentista non che provi a fare, ma che sappia e sappia fare. Le risparmio altre verbosità futili. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

E' probabile, dal suo parziale e confuso racconto, senza invio di semplici foto chiarificatrici, che si tratti di una situazione di parafunzione linguale con conseguente malocclusione. Ci vuole probabilmente un ortognatodontista e una logopedista.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

E' probabile che si tratti di una suzione notturna, più o meno come succede con i bruxisti. Anzi, non mi meraviglierei se lei fosse anche un paziente bruxista o comunque disfunzionale e, se non lo è ora, è probabile che possa diventarlo. La suzione della lingua e il bruxismo vengono accentuate in particolari condizioni, ad esempio, stress psichico, stress fisico, stress psico-fisico, alimentazione pesante o carica di alimenti eccitanti (metil-xantine), fumo, cambi di stagione o comunque di pressione atmosferica, ecc. A volte si aiutano i pazienti con farmaci ansiolitici, ma per essere sicuri di ciò che le ho prospettato, e soprattutto per aver una prescrizione farmacologica, serve una visita da un dentista.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Livo, prima che si preoccupi troppo, si faccia visitare da un dentista. Poi se ha dei dubbi ci invii la sua panoramica. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia