Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 7

I miei problemi potrebbero dipendere dai denti del giudizio?

Scritto da Manuel / Pubblicato il
Salve a tutti, da qualche tempo ho qualche problemino con i denti del giudizio. Questi sono spuntati praticamente tutti già da diversi anni e il mio dentista mi aveva detto che se non causavano problemi non c'era necessità di torglierli. Ora però da un pò di tempo ho cominciato ad avere dolori periodici tipici da sensibilità che mi prendono tutta l'arcata dentaria, il dolore si sposta da dx a sx in un paio di giorni..poi passa..poi magari dopo un mese si ripresenta.. ora inoltre da circa una settimana mi è iniziato un leggero dolore all'orecchio e lateralmente alla testa vicino all'occhio..secondo voi può essere sempre causa dei denti del giudizio? Cmq questa settimana andrò dal mio medico che è anche odontoiatra, nel frattempo avrei voluto un vostra parere. Vi ringrazio anticipatamentee per l'attenzione.
Visita Gnatologica con Arco Facciale di Trasferimento (fase)
Caro Signor Manuel...se ha un dolore pulsante continuo bisogna cercare la causa in una pulpite di un dente che può anche essere non vicino alla zona per il fenomeno della sinalgia, ...esistono dei sintomi, detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata Poi una visita Gnatologica e conservativo-endodontica accurata ed una visita Parodontale e stia certo che si arriva ad una diagnosi: il dolore è dovuto semplicemente ad un maggior afflusso di sangue nel dente tramite l'arteria che lo porta, dovuto ad un meccanismo di difesa nei confronti dello stimolo irritativo, questo maggior afflusso causa una pressione dentro il dente che è inespandibile e comprime le terminazioni nervose causando dolore esacerbato dallo stringere i denti...o dal "picchiettarvi sopra"...o dagli stimoli termici...in questo caso (che si chiama iperemia attiva) il processo è reversibile...la polpa si abitua ed in qualche giorno o settimana tutto scompare!...se invece il danno causato dalle tossine dei microbi continua si ha una alterazione della vena che fa uscire il sangue dal dente e succede che il sangue arriva con l'arteria e non esci più con la vena danneggiata...si ha pressione che può anche scatenare dolori forti...o essere talmente leggera da non causare dolori in questo caso anche molto lenta..le cellule della polpa del dente, arterie, vene, linfatici e tessuto nervoso, muoiono= necrosi...e si può formare una zona di osteolisi periapicale (pallina nera alla Rx) intorno all'apice della radice = granuloma, cisti...però è sufficiente da parte del dentista fare un semplice esame che si chiama di stimolazione termica: si saggia la risposta del dente ad un liquido che abbassa la temperatura istantaneamente a qualche grado sotto zero...dai 37 gradi che abbiamo in bocca...a -4 , il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo...il processo è reversibile e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite e bisogna devitalizzarlo subito. 3- Se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito sotto protezione antibiotica! 4- Se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa..qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente và devitalizzato... ...ora non potendo raggiungere gli apici delle radici per la presenza della corona...per via normale...li si raggiungono per via retrograda ...sigillando..gli apici con MTA o Amalgama chirurgica priva di zinco...Possono esserci relazioni tra il dente del giudizio e l'orecchio medio ed interno ed esterno...e tra le stesse strutture auricolari e la articolazione temporo mandibolare e l'occlusione...vedo di spiegarmi:...Devo fare un piccolo preambolo anatomico : sappia che dal nervo alveolare inferiore, prima che entri nel canale della mandibola, si diparte verso l'interno il nervo linguale che innerva la metà corrispondente della lingua ...da questo nervo ... a ritroso c'è un nervo ...detto "la Corda del timpano" a forma di "arco" che lo unisce al Nervo Facciale (importante come dice il nome per l'innervazione degli organi della faccia), passando per gli organi dell'orecchio...non solo ma lo stesso nervo linguale come ho già detto, è un ramo del nervo Mandibolare che nasce dal Ganglio del Famoso Trigemino e passa sotto o vicino al dente del giudizio nel Canale Mandibolare. Perchè le dico questo?... per farle capire che un "risentimento a livello della bocca" può dare i sintomi che ha lei...in particolare cause gnatologiche (cattivi rapporti tra le arcate dentarie) e delle Articolazioni Temporo Mandibolari...c'è un intera specialità dell'Odontoiatria che studia queste patologie: La GNATOLOGIA: essa studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione"... L’avulsione chirurgica di un dente del giudizio incluso, a limite, può provocare spostamenti degli altri denti, quindi precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d’occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d’occlusione...(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!): aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio...(che determina la capacità di stare in equilibrio...ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali . Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta ..L’ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione ...ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture)...Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide ... Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile..perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura sia che essa sia discendente ossia a partenza da una malocclusione sia che essa sia ascendente ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè...non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità...perchè senza averla visitata non è possibile ...infine ci sono terapie ... di riabilitazione neuro muscolo-occlusale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio senza averla visitata clinicamente studiandone il caso di persona...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Può dipendere dai denti del giudizio, oppure anche da qualche altro dente. Bisogna fare una rx e da lì vedere tutta la situazione completa. Bisogna esaminare bene anche le gengive perchè un dolore che migra da sinistra a destra può dipendere da una infiammazione gengivale diffusa.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Carissimo Manuel, è difficile fare diagnosi senza visitarti e senza visionare almeno una panoramica, pertanto sono sicuro che il Tuo dentista saprà risolvere egregiamente il problema. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Come prima impressione (impressione: non è una diagnosi!) penso sia più probabile che i suoi dolori derivino da una cattiva chiusura della bocca (malocclusione) più che dai denti del giudizio di per se stessi. Basta uno specialista solo, per carità, come primo approccio. Lo gnatologo. Lui potrà capire da cosa deriva il suo dolore. Può anche essere un dentista generico con competenze specifiche nel campo.

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Manuel, il dott. Petti ha detto tutto. Aggiungerei che spesso vari problemi posturologici o della colonna vengono erroneamente attribuiti all’occlusione ed ai denti del giudizio e spesso quindi la eventuale sistemazione dell’occlusione non porta ad una remissione dei disturbi. Soprattutto la estrazione dei denti del giudizio porta a danni ligamentari dell’articolazione temporo mandibolare per stiramento degli stessi durante l’intervento chirurgico. Per i suoi problemi è indicato oltre ad una visita odontoiatrica, anche la visita di un neurologo e di un otorino. Cordiali saluti E.Spagnoli
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Manuel, probabilmente troverà la corretta risposta dal suo odontoiatra, dopo visita clinica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Manuel, il suo odontoiatra saprà valutare, esaminando la sua occlusione in statica e dinamica, idem le ATM (articolazione-temporo-mandibolare), che sono tra l'occhio e l'orecchio, se i molari del giudizio sono imputabili, magari con lieve molaggio di una cuspide, o con ortodonzia se masticanti, o con estrazione se ci sono anche problemi paradontali:gli ottavi possiamo perderli se gli altri molari sono OK. dr A. Beghini cassano d'adda MI Comazzo LO

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)