Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 9

Sono passati 17 giorni e il dolore continua. Cosa posso fare?

Scritto da Valeria / Pubblicato il
Salve, l'1 Febbraio mi hanno estratto i due denti del giudizio della parte destra. Per quello sopra è stata un'operazione semplice e breve, quello sotto invece ha dato un po' di problemi e il dentista stesso mi ha detto che è stata un'operazione alquanto invasiva. Il dolore è cominciato due giorni dopo e ho cominciato a prendere Brufen 600, dopo un paio di giorni sono tornata dal mio dentista per il dolore molto forte e il gonfiore e lui mi ha prescritto un antibiotico, seppur non vedesse infezioni o complicazioni. Dopo più di una settimana il dolore persiste e tornata dal mio dentista mi ha detto che la gengiva è ancora un po' gonfia ma in via di guarigione. Oggi sono passati 17 giorni e il dolore continua, io continuo a prendere brufen, la ferita sembra quasi del tutto guarita però sento ogni tanto che mi esce sangue (credo). Il dolore che sento non è locale, ma piuttosto mi fa male la mandibola, la tempia e l'orecchio. Cosa devo fare? Sto provando a diminuire il brufen ma appena mi inizia il dolore alla tempia non riesco più a fare niente e sono una studentessa in periodo di esami perciò non posso non essere concentrata sullo studio. Non capisco perché non mi passi il dolore e ho molta paura perché a fine mese devo togliere gli altri due e non voglio ripetere tutto l'iter che sto facendo ora.
Cara Signora Valeria, buongiorno. Anzitutto, in avulsioni chirurgiche così invasive (a quanto le è stato detto dal suo Dentista Stesso) si deve iniziare un paio di giorni prima dell'intervento, una copertura antibiotica mirata, da proseguire per almeno una decina di giorni! Poi il Brufen non è adatto per i dolori "forti" e non lo si può assumere per tanti giorni come fa lei, cosa che vale per tutti i Fans (Farmaci antidolorifici-antinfiammatori non steroidei) Nei primi giorni il dolore è normale ma dopo diciassette no! L'unico che le possa rispondere è il suo Dentista. Se desiderasse un altro parere, si faccia visitare da un altro Dentista in cui abbia Reale Fiducia e Stima.Diffidi di chi non fa pagare la Visita! La Visita Gratis propende a far pensare che il Dentista sia "mediocre". Non esiste qualità a costi bassi! Come in un centro low cost, a basso costo dove fanno la visita gratis, la panoramica gratis etcetcetc! Ma purtroppo come accade anche da molti Dentisti Privati che non capiscono che La visita Odontoiatrica, ripeto , è un atto medico essenziale e "carico della cultura del medico e non può non essere fatta "pagare" con un giusto Onorario! Quindi se vuole un consiglio, scelga solo chi inizi una terapia o proponga o pianifichi una terapia, qualsiasi essa sia, solo dopo una adeguata visita Odontoiatrica completa e "colta"! Una visita Odontoiatrica è un atto medico importante e colto che richiede almeno un'oretta oltre un'altra mezzoretta per informare il paziente (consenso informato). Questo comportamento (della visita Gratis "che purtroppo è figlio di questi nostri tempi malsani e di questa nostra Società decadente" deve cessare! Io faccio il possibile. Una Visita Odontoiatrica è la massima espressione Culturale e di conoscenza Medico-Odontoiatrica e, se fatta come si deve , impegna il Cervello del Dentista per un'ora circa più una mezzora per le informazioni doverose di "consenso informato"! Legga come faccio io una Visita leggendo sul mio Profilo "VISITA PARODONTALE", ma vale come visita Odontoiatrica generale, perché la visita che si fa nel mio studio, a prescindere dal motivo per cui è venuto il paziente, è questa! E stia certo che tutte le patologie "saltano fuori"! Vada dal Dentista, scelto per Fiducia e Stima e non in base a visite gratis e preventivi apparentemente convenienti! Segua la "Vox Populi" o cerchi su questo portale in "Trova Dentista " in Home page digitando la città e leggendo i curricula. Poi digiti il nome del Dentista su un motore di ricerca e se il Professionista è uno studioso, troverà curriculum, foto di interventi, corsi, congressi, pubblicazioni.Guardi che è normale routine odontoiatrica. Non vedo problemi. Certo bisogna "lavorarci un po' con impegno ed intelligenza prendendosi veramente cura di Lei Paziente che merita tutte le "attenzioni". Questo significa curare, per me! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno, riferisce che l'intervento è stato invasivo. Il dott. Petti le ha correttamente spiegato che un intervento odontoiatrico, qualsiasi esso sia, va pianificato e tale pianificazione scaturisce da una visita completa ed approfondita e da un altrettanto chiaro conseguente piano di trattamento. Sarebbe stato meglio, come il collega, suggeriva una copertura antibiotica preventiva. Il dolore che lei ha è determinato dal formarsi di un edema che insiste sul nervo alveolare inferiore e dalla presenza di un'infezione pregressa o conseguente alla traumaticità dell'intervento. Lei necessita di una nuova visita odontoiatrica urgente e di una radiografia. Se da tale visita non è necessaria una revisione strumentale del sito chirurgico ovvero una "pulizia " dell'infezione localmente, sarà sufficiente assumere antibiotici ed antinfiammatori ( steroidei a mio avviso) secondo la prescrizione che il suo Odontoiatra di fiducia le farà. Stia serena che, con opportuna terapia, guarirà presto e bene. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Macrì
Napoli (NA)

Si rechi presso la clinica odontoiatrica in via San Vitale 59 a Bologna dove lavoriamo con scienza e coscienza risolveremo il suo caso che per mail non è possibile per quanto ci sia buona volontà

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Signora buon giorno da quello che descrive sembra di capire che si è verificata una infiammazione dell alveolo dentale, ossia quella parte di osso che insieme ad altre strutture sostengono il dente. Si rechi dal suo dentista che oltre alla terapia antibiotica provvederà, eventualmente sotto anestesia a currettare l alveolo stesso avendo in breve tempo remissione della sintomatologia e guarigione

Scritto da Dott. Luigi Pesce
Castel San Lorenzo (SA)

Gentile Sig.ra Valeria, 17 giorni sono molti. Bisogna capire perché vi è il perdurare del dolore. Potrebbe essere una alveolite che spiega il perdurare del dolore. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Valeria, il dolore che lamenta potrebbe essere legato a fenomeni infettivi ed infiammatori relativi alla zona dell'intervento, anche se dopo quasi venti giorni e con trattamento antibiotico, che avrebbe dovuto iniziare in contemporanea con l'intervento e non dopo, mi pare improbabile. Le avulsioni dei denti del giudizio,quando particolarmente indaginose, possono provocare un traumatismo a livello della articolazione Temporomandibolare con stiramento del legamenti condilari e conseguente contrattura muscolare che determina una sintomatologia dolorosa molto simile a quella che lei descrive. Tali fenomeni sono di riscontro frequente per chi si occupa di patologie di competenza gnatologica ma spesso sottovalutati dai dentisti generici impotenti nella terapia muscolotensiva di origine occlusale. Se il dolore fosse seguito da fenomeni disfunzionali della Articolazione, limitazione dell'apertura o rumori articolari tale ipotesi sarebbe alquanto fondata
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gli interventi chirurgici invasivi possono lasciare strascichi negativi anche importanti, ma solitamente, con adeguata terapia farmacologico di supporto (che è a mio avviso preferibile iniziare prima dell'intervento) si risolvono. Se così non è, diventa possibile che si sia re-infettata la ferita, che sia cioè presente un algeolite post - estrattiva, da gestire chirurgicamente e farmacologicamente. Il collega che l'ha operata dovrebbe seguirla, passo dopo passo, fino alla risoluzione del problema.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Valeria, non conosciamo la versione del collega e il caso clinico, per cui le consiglio di ricontattare il suo odontoiatra per una rivalutazione clinica e radiologica del post-intervento.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Le consiglio un antibiotico ed applicazioni esterne di ghiaccio. Comunque non esiti a ricontattare il collega, che deve dimostrarsi disponibile al suo problema.

Scritto da Dott. Pierpaolo D'Aquino
Milano (MI)