Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 9

E' giusto procedere in questo modo?

Scritto da Maria / Pubblicato il
Buongiorno gentili dottori. Giorni fà il mio dentista ha effettuato una devitalizzazione su un molare su cui poi inserirà due perni e la corona. Durante la devitalizzazione ha utilizzato il rilevatore d'apice elettronico e non ha fatto nessuna lastra. Aveva però a disposizione la panoramica. E' giusto procedere in questo modo? Si può fare a meno delle lastre a fine lavoro per controllare se tutto si è svolto per il meglio? Chiedo perchè in passato mi sono state fatte da un altro dentista diverse lastre durante un ritrattamento. Durante la prima devitalizzazione invece il dentista non aveva utilizzato nè il rilevatore d'apice nè le lastre ed infatti dopo anni ho dovuto ritrattare il dente. Attendo i vostri pareri e vi ringrazio per la gentilezza e disponibilità.
Cara Signora Maria, buongiorno. Veda, il rilevatore d'apice è un ottimo strumento che misura la differenza di potenziale tra l'apice ed il solco gengivale e qui sta il problema. Se lei fosse sana completamente dal punto di vista parodontale e non avesse tasche parodontali che quindi devono essere sondate prima di iniziare la terapia endodontica, tutto sarebbe valido e sicuro, altrimenti la presenza di flogosi e di tessuto di granulazione e batteri gram negativi anaerobi in essa, potrebbero alterare la lettura dello strumento. Così come potrebbe essere alterata tale lettura in presenza di necrosi endodontica e di osteolisi periapicali. Personalmente preferisco le Rx endorali e lo dico con cognizione di causa, avendo usato in sede Universitaria anche questo strumento. Detto questo, almeno una Rx endorale di controllo (non una panoramica) dovrebbe essere sacrosanta! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

I rilevatori apicali di ultima generazione sono estremamente affidabili ed attendibili, se usati correttamente ed in condizioni favorevoli, quindi nella stragrande maggioranza dei casi la misurazione rilevata è corretta. Ovviamente eseguire una radiografia endorale in più, al termine del trattamento, non fa male e rappresenta una sicurezza ulteriore. Quindi sì, si può anche fare a meno della radiografia finale, di fine lavoro, ma se la si esegue è meglio.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Paziente, è ovvio che il progresso tecnologico ha fatto in modo di modificare tecniche di cura e pertanto si eseguono piuttosto diversamente rispetto al passato.In questo caso e cioè nell'endodonzia l'apporto di strumenti affidabili come certi tipi di rilevatori di apice radicolare ha consentito di effettuare meno radiografie rispetto al passato con minore dose di raggi erogati che sicuramente rappresenta un vantaggio. Anche io eseguo meno radiografie rispetto a 25 anni fa ma comunque una radiografia finale di controllo è auspicabile ed utile. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Ricordo qualche anno fa un utente chiese se era "normale" che il suo dentista, durante una terapia endodontica, gli aveva fatto non ricordo quante endorali...a prescindere dall'utilizzo del rilevatore d'apice una lastrina la farei!

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

I rilevatori apicali sono molto affidabili, ma è opportuno fare anche qualche rx, almeno a fine cura

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Il rilevatore d'apice é uno strumento molto preciso che comunque può indurre all'errore, un rx di controllo almeno é opportuna. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Maria, esistono molte scuole di pensiero diverse, l'importante che le cure siano praticate da un odontoiatra iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Maria, i rilevatori apicali di ultima generazione sono molto affidabili, ma personalmente preferisco fare sempre una rx endorale x maggiore sicurezza, almeno dopo la chiusura endodontica. Sono cambiate le metodiche ed oggi le rx "intermedie" possono essere ovviate, almeno in casi meno complicati.

Scritto da Dott. Fabio Vitulano
Roma (RM)

Il rivelatore elettronico divide il tratto apicale in 10 decimi di mm. Si tratta con tutta probabilità di una accuratezza superiore alle rx che possono avere invece errori di centratura etc. Le rx sono interessanti pre- devitalizzazione (ovviamente) per vedere la morfologia dei canali, ed una dopo, anche a distanza di un po' di tempo per vedere come è andata, specie se prima c'erano infezioni che devono essere poi riassorbite, e soprattutto prima di fare la capsula per essere certi di farla su un dente ben curato.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia