Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 9

Che cosa dovrei fare in questa situazione?

Scritto da Marco / Pubblicato il
Buon giorno, vi pongo il mio quesito. A Novembre 2013 mi sono state tolte due capsule in metallo-ceramica vecchie di circa 10 anni, che mi coprivano il primo incisivo destro e l'incisivo a fianco. Queste capsule erano unite insieme ed il mio nuovo dentista mi ha consigliato di sostituirle con due nuove corone in sola ceramica indipendenti e quindi non più unite. Ero soddisfatto del lavoro fino quando a Gennaio 2014 il secondo incisivo si è scheggiato internamente mentre passavo con il filo interdentale. Il dentista mi ha detto che probabilmente c'era una piccola bolla di ossigeno e che a volte capita e si è proposto di sostituirlo gratuitamente. Durante il processo di sostituzione però, la dentista ha urtato con il trapano l'incisivo a fianco un paio di volte, rovinandomelo di poco. Non solo, ma adesso il problema peggiore è che il filo interdentale non passa più tra i due denti: questo non è dato dal poco spazio (di fatto ora lo spazio tra i denti si è allargato a causa del piccolo "sfregio" fatto alla capsula adiacente) ma sembra che venga bloccato da del cemento. Infatti sfregando nello spazio tra i denti, non riesco a raggiungere la gengiva e se sforzo un pò il filo si spezza, a causa di un chiaro attrito, che ho la sensazione sia causato da del cemento solidificato. Che cosa dovrei fare in questa situazione? sono disperato, praticamente la sostituzione di quella capsula mi ha portato ancora più problemi di prima! Spero di ricevere un vostro gentile parere, grazie.
Caro Signor Marco, ne parli con la sua Dentista e ritengo che non abbia difficoltà a rifare il lavoro protesico in modo da ricreare il giusto punto di contatto interprossimale e/o a rilucidare bene la corona toccata dalla fresa. Sono sciocchezze queste e si risolvono con un minimo di buona volontà e poco tempo! Non è il caso di disperarsi! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Tornare dal collega ed esporre il problema.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Marco, basta semplicemente rivedere il caso e rifare i manufatti con materiali forse meno estetici, ma che non danno complicanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Un problema di facile risoluzione, torni dalla dentista ed esponga il problema come lo ha esposto a noi e vedrà che saprà aiutarLa magari rifacendo l'otturazione o la corona in ceramica

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Dovrebbe andare dalla dentista che l'ha curata ed esporle il problema. Mi sembra che, fino ad ora, sia stata più che disponibile.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Concordo con il dott. Vaja, torni a far presente il suo problema.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Rientra nella miseria del nostro tempo il fatto che la professione del dentista si dedichi ad una fascia di utenza media, con prodotti di prezzo medio, e solo con rare punte di eccellenza dai costi fuori mercato. Rientra nel canone del servizio l'enfasi posta sulla estetica, che non è qualità prioritaria, ma solo il più emotivo elemento di giudizio dell'utenza laica che giudica per l'apparenza e paga. Vediamo il suo caso. Lei ha fatto coprire con due corone in lega ad alto titolo e ceramica due incisivi di un lato, lavoro arduo perché il colore naturale dei denti integri crea un salto di croma che, in circostanze di luce avversa, lascia molto a desiderare. Eppure lei si è accontentato e il prodotto è durato dieci anni. Buon risultato. Le nuove corone sono più estetiche, perché sono prive del metallo grigio che oscura il croma di base. Lei è molto felice di avere incontrato un dentista così bravo, e anche il suo, o la sua dentista è felice di avere risparmiato il prezzo della carissima lega preziosa e il costo importante della fusione di precisione. Le corone senza supporto metallico riconoscono uno di questi tre ingredienti: la porcellana feldspatica, o il disilicato di litio, o la resina composita. Traduciamo: A. la porcellana feldspatica non è quella delle sue tazzine da caffè, ma un vetro gorilla. B. Il disilicato di litio è una sabbia feldspatica vetrificata, e diffusissima nelle spiagge del mondo C. il composito è plastica rinforzata con o senza aggiunta di fibrille varie. Veniamo al punto cruciale: questi tre prodotti estetici non sono mai precisi come una fusione di precisione, come posso asseverare in base alle circostanze che lei descrive. Nella sua bocca l’accoppiamento tra parte biologica e parte protesica è stato fatto "non" con un cemento (che ingrippa solo su una connessione di precisione) ma con una colla insolubile (che fa adesione chimica a banda larga), che poi per una distrazione di acutezza visiva si è incollato anche alla capsula adiacente. Lei ha scritto: “la dentista ha urtato con il trapano l'incisivo a fianco un paio di volte, rovinandomelo”. Questo guasto lo escluderei, che sarebbe come se l’ostia cadesse dalla mano del prete. Ora io le chiedo di essere pratico, e di seguire questo canone: se lei ha pagato le due capsule più di mille euro ciascuna, oltre al notevole costo di tutte le procedure di complemento, allora protesti ad alta voce chiedendo il reintegro perfetto per onorare il contratto di servizio. Altrimenti, per una spesa più modesta, deve accontentarsi della situazione attuale, e sopportare la crisi del filo interdentale. Tra qualche anno qualcosa andrà a male, e che so io, nel 2019 lei si rivolgerà a persona veramente avveduta che la accontenterà in base alle sue aspettative e disponibilità future. Legga due volte (almeno) questo scritto, anzi lo stampi a presente e futura memoria. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Marco, se non è stato eliminato completamente il cemento in eccesso, si può benissimo eliminare in un secondo tempo. Le ceramiche integrali sono sicuramente più belle, ma sono soggette a scheggiarsi di più mi quelle con il metallo. Comunque parli con il suo dentista, sicuramente risolverà i problemi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Marco, l'amico e collega Carpinteri ha espresso in modo sottilmente ironico un pensiero che ben si accorda con la veritá. Io sarò più conciso e crudo. Le ceramiche senza supporto metallico, oggi propagandatissime e frequentissima mente utilizzate possono avere dei buoni requisiti estetici ma non la precisione di chiusura e stabilitá delle tradizionali corone aureo ceramiche, richiedono spesso cementi il cui utilizzo può risultare pericoloso quando non in mani esperte ma sono offerte a prezzi stracciati. Michele Lasagna
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia