Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 9

Avete degli accorgimenti utili per potermi evitare i continui conati di vomito?

Scritto da barbara / Pubblicato il
Buongiorno! sono una ragazza di 32 anni, in procinto di applicare la mia seconda corona in ceramica a un premolare( probabilmente me ne aspetteranno molte altre vista la mia tendenza alla carie sin da bambina ). La cosa piu' fastidiosa ( oltre alla cifra da dover sborsare ) per me è la presa delle impronte; avete degli accorgimenti utili per potermi evitare i continui conati di vomito? Il mio dentista suggerisce sempre di respirare con il naso e non con la bocca, ma purtroppo nel mio caso non è sufficiente.. grazie a tutti!
Sig. Barbara, esistono farmaci antiemetici che il suo odontoiatra dovrebbe conoscere e saper gestire relativamente al suo caso. Si ricordi che la carie si può prevenire anche a 32 anni.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Barbara, esistono farmaci per la soppressione o comunque attenuazione dello stimolo del vomito a base di borace-benzocaina che sono molto efficaci che spesso si può associare ad un leggero spray di lidocaina sul palato. Solitamente utilizzando questi metodi non ho avuto problemi e potuto curare pazienti molto sensibili. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Barbara, esistono dei farmaci che aiutano ad affrontare il suo problema. Un rimedio molto efficace è quello di aprire una fiala di anestetico in un bicchiere e di usare il liquido per fare uno sciacquo prolungato. Si ottiene un'anestesia della mucosa della bocca di breve durata che evita lo stimolo del vomito. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Barbara, bisogna fare una Diagnosi sul perchè ha questi conati di vomito! O nausea? sono due sintomi differenti! Nessuno meglio del suo Dentista può risponderle ed usare farmaci appropriati, una volta Diagnosticata la causa! Conta molto l'approccio al paziente e come giustamente dice il suo Dentista, la respirazione che deve essere lentissima e profonda e la posizione che deve essere appropriata e la più comoda e rilassata possibile, semiseduta, di qualche grado posizionata all'indietro e stare immobili "sgomberando la mente". Anche le modalità di presa dell'impronta hanno molta importanza, infatti il materiale da impronta deve essere preparato e modellato nel cucchiaio portaimpronte in modo particolare e l'introduzione in bocca deve essere fatta in modo che il materiale non coli dietro verso il palato molle e l'ugola perchè la loro stimolazione provoca conati di vomito in chi è predisposto a questa fastidioso sintomo, ma tutto questo il suo Dentista lo sa e lo avrà già messo in atto!Si tranquillizzi, tutto questo, unito ai farmaci giusti, risolverà il problema! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Per chi ha la difficoltà di prendere le impronte o altre manovre in bocca che causano conati, esiste la soluzione migliore che ci sia, che è la mascherina della sedazione cosciente inalatoria con protossido. Questa sostanza, al 1000 per mille innocua, non è un vero farmaco, abolisce o riduce moltissimo questa forma di stimolo. Purtroppo solo pochi dentisti sono attrezzati con questa avveniristica tecnica che io uso dal 1989 e in USA viene applicata dagli anni 80 dalla metà dei dentisti. Ma si usa anche per calmare i bambini cui si fa un prelievo per le analisi del sangue per evitare stress e dolore... Questione di civiltà.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Vi sono dei farmaci da assumere prima della seduta delle impronte, ma la migliore tecnica rimane il training autogeno associata ad un medico rapido e capace. Si faccia prestare un tray da impronta un paio di giorni prima e si alleni a tenerlo in bocca. Ci deve stare almeno 2,5 minuti. Non è una eternità, ma nemmeno poco. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Esistono dei farmaci antiemetici o sedativi (agiscono con meccanismi diversi), ma generalmente si risolve con un po' di santa pazienza, piegandosi in avanti, respirando con il naso e tentando di distrarsi da ciò che si sta facendo. In quest'ultima cosa dovrebbe essere bravo anche il suo dentista a darle indicazioni precise (es. contrarre prima la gamba destra, poi la sinistra, poi entrambe, poi stringersi il polso, ecc.). Può ance utilizzare i polsini che si usano per il mal d'aria. Esistono poi dei cucchiai da impronta (double tray o chek-tray o tryple-tray) che, data la loro minima estensione, riducono la stimolazione del conato. Auguri!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Si faccia consigliare dal suo dentista

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gentile Sig.ra Barbara, il suo problema è molto comune, ma non è certo insormontabile, esistono farmaci cosiddetti antiemetici da assumere per attenuare questo fastdio, io preferisco utilizzare Xilocaina spray, uno o due spruzzi sul palato e velopendulo, risolvono egregiamente il problema, l'unico fastidio è una certa difficoltà a deglutire per qualche minuto, una sensazione di gonfiore alla gola che passa in pochi minuti e aiuta lei ed il suo dentista a lavorare tranquillamente e permettere la presa delle impronte. Cordialmente Dr. Paolo Formenti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Formenti
Senago (MI)