Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 15

La parte interna del labbro, che viene a contatto con le due corone, mi provoca un terribile fastidio

Scritto da SANDRA / Pubblicato il
Nel mese di ottobre dopo due anni con corone in resina armata (che erano assolutamente confortevoli) agli incisivi superiori (i due centrali) ho finalmente messo le corone definitive in porcellana integrale. Bellissime, tecnicamente perfette e indistinguibili dai denti naturali. Dopo l'impianto sono state limate perchè lo spessore eccessivo faceva si che durante la fonazione il labbro superiore inciampasse sul dente provocandomi fastidio. Dopo di che sono stata bene circa un mese. Ora sono ripiombata in un vero inferno. La parte interna del labbro frenulo compreso,,,, limitatamente alla parte che viene a contatto con le due corone mi provoca un terribile fastidio ogni volta che parlo. Una sorta di bruciore con una sensazione di "incollamento" del labbro al dente. Se osservo la parte interessata pero' non noto alcuna tumefazione evidente o arrossamenti. I sintomi si sono evidenziati dopo che avevo curato una candida intestinale che aveva interessato tutta l'area uretrale. In sostanza ora che sto bene al piano inferiore non sto affatto bene a quello superiore. Sto facendo una cura per il mughetto ma fino ad ora non ho avuto alcun miglioramento. Penso di aver sviluppato una sorta di intolleranza al materiale delle corone. Avete suggerimenti da darmi? Sono veramente disperata ed ho paura di passare per una isterica malata immaginaria agli occhi del mio dentista. Ringrazio per l'attenzione
Gentile Sandra, si rivolga presso un centro di allergologia onde valutare una intolleranza al materiale costituente le corone in porcellana. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Frenulectomia superiore in frenulo con inserzione troppo bassa. Da casistica clinica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Sandra, il Mughetto è dovuto alla Candida Albicans e penso che ci sia un po' di confusione nella sua spiegazione. Parla di Candida intestinale e poi dell'uretra. Non è che era vaginale e vulvare? Non si capisce poi dalle sue parole se soffre anche di un Mughetto orale o di altri stomatiti! Non spiega perchè sono trascorsi ben due anni dal posizionamento delle due corone in resina provvisorie, sia pur armate, cosa che sarebbe in parte giustificata solo se fosse stato fatto un intervento di chirurgia parodontale osseo (l'osso infatti impiega da 24 mesi a 48 mesi a "rimodellarsi e rigenerarsi definitivamente), ma allora in quel caso non si fanno provvisori in resina ma si fa una protesi fissa che si chiama parodontale con titanio o leghe palladiate e vetropolimeri per mantenere inalterata la dimensione verticale della bocca ed avere un sigillo cervicale coronale perfetto per evitare infiltrazioni cariogene e malacie della dentina! La resina potrebbe aver scatenato intolleranze od allergie, non la ceramica delle corone definitive! Poi non capisco perchè si sia dovuta modificare la forma dei definitivi se la terapia protesica era stata fatta bene con diagnosi e piano di cura conseguente. "Quella sorta di incollamento del labbro alla corona" mi lascia perplesso così come mi lascia perplesso sentir parlare di spessore eccessivo di una ceramica integrale, quando il pregio principale di essa è proprio il fatto che esige spessori infinitesimali e molto più sottili di quelli necessari con l'oro porcellana!Deve parlare chiaramente col suo Dentista e farsi spiegare tutto ed escludere che ci siano stomatiti in atto o che abbia il frenulo superiore labiale centrale, troppo grosso, lungo, o inserito troppo in basso o che magari gira dietro la papilla e si inserisce sul palato o che abbia poca gengiva aderente intorno alle corone dei centrali, perchè se così fosse, la mucosa alveolare che fosse intorno alle corone non sarebbe sufficientemente adatta a fungere da gengiva marginale ed allora si sarebbe dovuta correggere l'anomalia del frenulo e/o della mucosa alveolare e/o dell'insufficienza di gengiva e/o di recessioni gengivali e/o di tasche parodontali, prima dell'inserimento delle corone definitive! Non so che altro dirle senza vederla clinicamente. Dovrebbe chiarire poi anche le cause della Candida così estesa, intestinale e uretrale e sicuramente vulvare perchè potrebbe essere correlata con altre patologie sistemiche che poi estrinsicherebbero i loro sintomi anche nelle mucose orali.Si faccia visitare da un Parodontologo per un consulto e da un Medico Internista sempre per un consulto.Legga nel mio profilo tra le mie pubblicazioni e articoli: Parodontite (nozioni di etiopatogenesi, clinica, diagnosi)e La chirurgia parodontale estetica Introduzione Divulgativa alla Chirurgia Estetica Parodontale e RECESSIONI GENGIVALI: Trattamento chirurgico con lembo a riposizionamento coronale e innesto libero di gengiva e Le protesi dentali fisse Excursus su i vari tipi di protesi fisse. Consigli e suggerimenti per i pazienti Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Che dire?? Senza vedere posso solo far scorrere la fantasia.. Ipotesi: quando le capsule sono state ritoccate, poi sono rimaste grezze non lucidate, specie se il ritocco è stato fatto "live", in bocca senza smontarle. Quindi ora sono mal rifinite e lucidate. Intolleranza alla porcellana è pressochè impossibile. Ma una candidosi orale può dare sicuramente questo tipo di disturbi, che poi passano.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Sandra, bisogna verificare la lunghezza e le finiture delle due corone, cioé come sono rifinite, tenendo presente che la ceramica integrale è quanto di meglio ci possa essere sotto il profilo protesico. Credo che la candidiasi intestinale non entri niente con il suo problema. La tessitura della superficie protesica deve essere in tutto uguale a quello degli altri denti. Se proprio non fosse possibile per lei risolvere il problema, meglio tornare a una resina "armata". Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sandra, se i suoi problemi sono iniziati dopo il ritocco delle corone è probabile che essi derivino proprio da questo. Forse si è creata una superficie ruvida che rende le corone non lisce e scivolose sulle labbra. Consulti il dentista che sicuramente provvederà ad una lucidatura ottimale con appositi gommini e tutto dovrebbe migliorare. E' comunque abbastanza strano che il passaggio da un materiale come la resina ad uno sicuramente nettamente superiore come la ceramica integrale possa causare tali disturbi. Se con la perfetta lucidatura non dovesse avere miglioramenti bisognerà valutare la situazione dal punto di vista parodonto o allergologico. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Sandra, occorre visita odontoiatrica con eventuale valutazione in ambulatorio di patologia orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile signora concordo con il dott Passaretti nel credere che la limatura delle corone le abbia rese "grezze" per cui il labbro subisce dei costanti microtraumi ad ogni movimento. Non credo alla candida perchè è un evento che si manifesta in pazienti defedati da gravi malattie sistemiche parli con il suo dentista. Saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Rocchi
Roma (RM)

Per esperienza personale si scatenano allergie ai materiali più impensabili, però qualche segno sul labbro deve pur esserci. Nel suo caso ci sono due cose che non capisco. Perchè è rimasta per due anni con i provvisori armati? Mi sembra troppo. Poi il fatto che fossero di spessore eccessivo le rende non tecnicamente perfette, vuol dire che qualcosa che non andava c'era. Sono come lei dice state limate, ma poi la lucidatura come è stata fatta? In bocca non è certamente facile. Forse bisognerebbe lucidarle con più attenzione. Comunque non abbia paura nel sembrare isterica, non credo che il suo Dentista lo creda. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Dai dati che ci riferisce (va da sè che senza una visita accurata è impossibile essere precisi) io intuisco che le ceramiche definitive sono state modificate (e non poco) direttamente in bocca; se la superficie modificata, poi, non è stata perfettamente rifinita e lucidata, è possibile che si verifichino conseguenze ai tessuti in contatto con le corone, principalmente di natura meccanica, che poi si complicano con la placca ed i microbi relativi. Tutto questo potrebbe starci con i problemi che lei descrive. Per quanto riguarda la candidosi (piuttosto importante, mi sembra) è fondamentale che lei giunga ad una diagnosi precisa e ad una terapia opportuna (va benissimo il dentista, che è anche, non dimentichiamolo, un medico): qualche correlazione, con il problema della bocca, potrebbe esserci. Il mio consiglio è tornare dal suo dentista e fare chiarezza, il suo non è certo un problema immaginario! Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fausto Fumi
Trieste (TS)

Cara signora Sandra, c'è qualche cosa che non mi torna. Dal suo racconto definisce esteticamente perfette le nuove corone, ma poi afferma che il dentista le ha dovute ritoccare per un fastidio che le provocava sul labbro, Ritocco che di per sè non dovrebbe compromettere la biocompatibilità del restauro, ma che può sicuramente lasciare una superficie scabra e che quindi irrita i tessuti circostanti. Ma la sensazione dovrebbe essere immediata e non apparire dopo un mese. La zona interessata dovrebbe essere solo quella del labbro a contatto con la parte ritoccata e non quella del frenulo. Ipotizzo qualche residuo di cemento sottogengivale che irrita la zona, evenienza facile da verificare con una semplice radiografia endorale. Possibilissima anche l'esistenza di un qualche tipo di sovracontorno del bordo cervicale (sempre verificabile con la lastra di prima). Un test semplicissimo potrebbe essere quello di rimuovere le corone nuove e di rimettere le provvisorie. Allo scomparire di qualsiasi sintomo, sarà sufficiente "clonare" la forma e le dimensioni dei provvisori con materiali definitivi, e si scongiureranno problemi dovuti all'ingombro dei denti. Nel frattempo potrebbe anche rivolgersi ad un ambulatorio di patologia orale per valutare eventuale sensibilità ai materiali utilizzati, anche se reputo tale eventualità come a dir poco rara. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia