Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 9

Corone dentali e pigmentazione gengivale

Scritto da stefano / Pubblicato il
5 anni fa il mio dentista mi ha impiantato 4 capsule in metallo ceramica. 2 inferiori e 2 superiori. su di una inferiore ho il bordo gengiva grigio parte linguale, su quelle superiori, fra lo spazio interdentale ho un piccolo lembo grigio dello stesso colore della capsula inferiore . ho visitato 3 dentisti. mi hanno detto che è una pigmentazione da metallo. premetto che sono un soggetto ansioso e quindi queste macchie in bocca mi preoccupano molto. le capsule sono biocompatibili? può capitare questa pigmentazione da metallo? queste macchie possono provocare altre brutte malattie? grazie
Caro Stefano comprendo la tua preoccupazione ma senza ombra di dubbio ti posso dire che le capsule hanno un altissimo grado di biocompatibilità. per quel che riguarda le capsule inferiori ti posso senz'altro dire che è normale lasciare una parte del colletto metallica altrimenti il tecnico non potrebbe stendere e quindi cuocere la ceramica sovrastante. superiormente può essere avvenuta una spizzicatura della ceramica che lascia intravedere la parte metallica. ad ogni modo nulla di cui preoccuparsi e menchemeno di dannoso per la salute, ma solo per l'estetica.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Gentile Stefano, la pigmentazione gengivale potrebbe essere riferita al cosiddetto problema del tatuaggio cioè una colorazione scura della gengiva dopo il posizionamento delle corone. Di solito si verifica quando si usano delle leghe non nobili come oro-ceramica. Non vi sono problemi per la salute ma è soltanto un problema di carattere estetico. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro signor Stefano, dice bene il DR. Aiello...tuttavia è sicuro che siano pigmentazioni e non il normale bordino metallici che si deve lasciare all'interno per motivi di costruzione della corona? ...perchè se è la gengiva...pur essendo biocompatibile...forse il materiale usato non è oro, perchè l'oro non lascia tatuaggi....in ogni caso stia tranquillo...legga nel mio profilo l'articolo scritto da me e da mia figlia Claudia"Le protesi dentali fisse Excursus su i vari tipi di protesi fisse. Consigli e suggerimenti per i pazienti".............Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Stefano, tutte le macule non di origine vascolare, presenti ai tessuti molli del cavo orale che non si risolvono spontaneamente devrebbero essere accertate mediante biopsia, "Manuale di Pat. Orale, Ficarra". Ottenuto l'esame istopatologico le sue ansie spariranno.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia

Salve Stefano. Il tatuaggio è tipico dei metalli non nobili che scambiano ioni con la bocca e quindi anche con la gengiva. difficilmente risolverà il suo problema estetico con la semplice sostituzione dei manufatti protesici. Il mio consiglio è quello di mantenere in bocca le sue corone a patto che "chiudano perfettamente il margine di preparazione dentale". Cordialmente, Gianluigi Renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Per le corone inferiori credo si tratti del bordino che l'odontotecnico lascia per esigenze tecniche, le corone protesiche se realizzate in biomateriali non danno problemi; le pigmentazioni che riferisce inficiano solo l'estetica, è il suo dentista che deve controllare semestralmente l'efficienza e la validità delle protesi.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signore, basandomi solo su quanto scrive, non credo che lei si riferisca al bordo metallico della capsula, altrimenti tre dentisti che hanno visto la cosa non avrebbero parlato di macchia sulla gengiva. Potrebbe trattarsi tranquillamente di tatuaggio gengivale, ma se così fosse non credo derivi dalla tipologia della protesi, ma bensì dalle operazioni di limatura del dente. La fresa che asporta la sostanza dentale deve essere costantemente raffreddata mediante un aerosol di aria e acqua. Le particelle di dente asportate, vengono trasportate dalla forza del getto fino a trapassare gli strati superficiali degli epiteli gengivali, e lì rimangono. Se il dente da limare comprendeva anche otturazioni in amalgama, le particelle che si insinuano nella gengiva vi rimangono lasciando la loro caratteristica pigmentazione. Per la loro pericolosità rimando alle interminabili questioni sulla (presunta o tale) "velenosità" dell'amalgama (secondo me trascurabile) e lascerei la decisione se intervenire o meno a lei e al suo dentista, ma solo se dovesse essere un problema insormontabile dal punto di vista estetico. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Stefano, le pigmentazioni possono essere dovute alle leghe ma più verosimilmente a tatuaggi creatisi durante la fase di limatura e preparazione del dente-pilastro che poi è stato incapsulato specie se vi era sopra una ricostruzione in amalgama d'argento. Se si tratta di questo non vi è nessun problema se non quello estetico. Tenga presente che questi pigmenti possono essere rimossi con una adeguata gestione dei tessuti gengivali. In qualsiasi caso li faccia verificare al suo dentista. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signor Stefano, normalmente viene lasciato un sottile bordo metallico in sede sotto e sovra-gengivale sulla faccia linguale delle capsule metallo-ceramica. Tuttavia, da quanto lei ha riportato,la pigmentazione metallica sembra riguardare la gengiva; ciò significa che la lega usata sotto la ceramica non è di tipo "nobile", ossia non è fatta con oro, argento, platino e altri metalli che non si ossidano e non rilasciano ioni metallici. Credo che si tratti di una lega "vile", ossia cromo-cobalto che ha un minore costo , minore lavorabilità e quindi minore possibilità per il tecnico di preparare margini gengivali precisi e anche un minore legame alla ceramica (meccanico e non chimico). Attualmente i materiali dentali ,tutti, sono comunque sempre affidabili perchè prima di essere messi sul mercato devono superare tantissimi test e quindi sono sicuramente anche biocompatibili. Il suo è soltanto un disagio estetico. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Anna Cervone
Marigliano (NA)