Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 6

SEGUITO ALLA DOMANDA: TUTTO CIÒ NON COMPORTA L'INDEBOLIMENTO DELLA CERAMICA?

Scritto da marzia / Pubblicato il
Gent.li Dottori, ho pubblicato un post in data 12/09/2016, riguardo tre corone in oro ceramica montate con cemento provvisorio da ormai due mesi. Siccome sono di colore diverso dai miei denti, ho intenzione di farle staccare per modificarle, come mi avete consigliato. La mia preoccupazione è che durante la rimozione i monconi sottostanti possano rompersi. Questo può avvenire anche se il cemento è debole? o posso stare tranquilla? Vi allego la panoramica fatta prima della limatura dei denti e dell'inserimento delle corone. I denti interessati sono i tre denti devitalizzati dell'arcata superiore sx. Resto in attesa di una vostra risposta. vi ringrazio anticipatamente Domanda precedente: http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/corone/11645_corone-in-oro-ceramica.html
Cara Signora Marzia, Buongiorno. Le ho spiegato tutto il Pubblicato il 13-09-2016! Se i monconi sotto le corone, fossero ricostruiti bene, come dovrebbe e deve essere, non esiste nessun pericolo alla rimozione di corone definitive cementate provvisoriamente. Come posso sapere io questo, dato che non conosco la sua situazione clinica? La OPT da Lei postata non serve a niente! Non è la lastra idonea che sarebbero invece delle Rx Endorali singole per dente. In ogni caso anche con queste non potrei rispondere perché dovrei fare una Visita Clinica e Strumentale per poter valutare Professionalmente e Correttamente la sua Situazione Clinica! Il suo Dentista la conosce bene! Perché non lo chiede a Lui? Vedo tra l'altro che ha un impianto inserito al posto del primo molare, senza che sia stata risolto l'errato rapporto occlusale dei molari posteriori che hanno perso la regolarità della linea di Spee che foitografa i corretti rapporti del piano occlusale. Questo piano occlusale è gnatologicamente scorretto (almeno dalla visione della lastra (che però non è certo adatta allo scopo) per estrusione di gruppi d i denti, mesializzazione di altri ed intrusione di altri ancora. Non si fa un impianto in queste condizioni gnatologiche e neanche una protesi fissa! prima bisogna correggere tali patologie. Ovviamente prenda quanto le dico con le dovute cautele perché non la vedo clinicamente, ovviamente, ma la mia esperienza è tale da poter affermare con una più che ragionevole sicurezza, quanto le ho spiegato! Tra l'altro vedo , anche se la lastra è inidonea per tali valutazioni, una architettura ossea alterata con piccoli crateri, inversioni di festonatura e ed emisetti che farebbero pensare a patologie parodontali da accertare ovviamente clinicamente. Deve essere fatta una accuratissima visita Parodontale che è costituita da due visite intervallate da una preparazione iniziale con Igiene Professionale della tasca, Curettage e Scaling e Root Planing per rimuovere il tessuto di granulazione dall'interno della tasca stessa che falsa la presa delle misurazioni della sua profondità, le Rx endorali complete, i modelli di studio (anche per le valutazioni Gnatologiche)e che nella seconda visita si riprendono le misure delle tasche che ora saranno quelle vere e dalla differenza tra le prime e le seconde si fa diagnosi sul tipo di Parodontite, sulla sua Aggressività, sulla sua attività e si emette una Prognosi e si pianifica una eventuale terapia! Con le Rx endorali e le prove termiche e la Visita Clinica si valuta anche la presenza di carie, necrosi endodontiche, osteolisi periapicali, stomatiti etc. e si pianifica la relativa Protesi ed il Relativo Materiale da usare che non si sceglie così, a "naso" ! Lei giustamente si preoccupa del colore ma tenga ben presente quanto le ho detto sulla Gnatologia e sulla Parodontologia. Lo dico da Parodontologo Gnatologo e Protesista!!! :) Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Di tutti i suoi pensieri dovrebbe caricarsi la mente del dentista curante. Il cemento usato si definisce provvisorio perché è redimibile, in modo che le capsule possano essere recuperate e rimandate al laboratorio con le opportune istruzioni. Su tutte le questioni che lei pone il dentista di mestiere ci dorme sopra dei sonni tranquilli. Affinché anche lei possa dormire con la massima tranquillità non paghi subito il saldo, ma aspetti almeno tre mesi. Per rovinare il sonno al dentista, gli dica che lei si è abbandonata al gioco impulsivo, restando al verde per il momento. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Esattamente quello che le ha scritto il collega dott.Petti. Nessun particolare problema se i monconi sono integri e preparati correttamente, ed è stato effettivamente utilizzato un cemento provvisorio come da lei scritto.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Nessun problema se e' un cemento provvisorio; ci faccia sapere; magari anche quando protesizzera' l'impianto; mi sembra che ci sia un pò poco spazio. Saluti

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Sig. Marzia, le riabilitazioni protesiche non sono mai uguali ai denti naturali e nessuno le può garantire che con la rimozione, seppur con cemento provvisorio, non dia complicanze. Per cui stia alle indicazioni del suo odontoiatra senza assumersi delle responsabilità che non le competono, sempre se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Norrmalmente la rimozione delle corone protesizzate con cemento provvisorio non comportano complicazioni se i monconi sono integri, poi deve avere fiducia del suo dentista

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)