Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 4

Non riesco a risolvere la mia situazione

Scritto da elisabetta / Pubblicato il

Salve. Vi ho già scritto in passato, ma volevo segnalarvi che non riesco a risolvere la mia situazione. Negli ultimi sette anni sono stata sottoposta, pur partendo da una bocca bella e sana, a terapie sbagliate: svariati bite alternati a molaggi dentali dissennati a cui è seguita poi, come rimedio, andato a buca, ortodonzia con apparecchio fisso per oltre 3 anni e mezzo. Ultimamente mi sono state fatte, inoltre, due corone enormi ed altissime sui molari inferiori (una a sinistra su impianto e una a destra su dente limato), le quali mi stanno provocando grosse infiammazioni gengivali accompagnate da dolore tra mento e collo (come se avessi ghiandole nel collo molto gonfie), nonchè ulteriori problemi occlusali, oltre a quelli derivanti dai molaggi e dall'ortodonzia non andata a buon fine. Sono esausta e mi sento in un tunnel senza fine. Ogni volta che mi mettono le mani in bocca vengono aggiunti pasticci a pasticci. La situazione si ripercuote, su di me, a livello fisico, psichico e nella mia vita quotidiana (difficoltà nell’alimentazione, scarsa concentrazione, pianto, insonnia, problemi sul lavoro a causa dei continui appuntamenti dentistici che durano da anni e che ormai risultano poco credibili, ecc ecc.). Non parliamo poi del lato economico: tutto quello che avevo....non ce l'ho proprio più! Vorrei che qualcuno si prendesse davvero a cuore la mia situazione, senza speculazioni e con serietà e competenza, valutando una possibile ricostruzione protesica, che probabilmente dovrà interessare quasi tutti i premolari e molari di entrambe le arcate. Ad oggi, infatti, mi viene proposto, tra l’altro senza garanzia di riuscita, un altro lungo trattamento di ortodonzia, che io (come persona), paradonto e denti non possono assolutamente accettare, vista l'inutile e lunga esperienza appena passata e considerate le poche cuspidi (o parte di esse) rimaste, che cmq non potrebbero mai consentire una corretta e stabile occlusione. Potete aiutarmi? Indicandomi un bravo e serio protesista, possibilmente nella zona di bologna o dintorni?  Conto tanto su una vostra indicazione e ringrazio anticipatamente. Sono cmq disposta anche a spostarmi da Bologna...ed andare eventualmente anche all’estero, dove gli interventi sono sicuramente più economici.

 http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/bite/1917_mettere-ancora-un-altro-bite-mi-sembra-come-curare.html

 

Arco Facciale di Trasferimento ed Esame Podometrico Statico e Vari tipi di Bite. Da Dr. Gustavo Petti Parodontologo Gnatologo di Cagliari
Cara Signora Elisabetta, già nell'ormai lontano Novembre del 2009, Le dissi che sentire parlare di molaggi selettivi pesanti, fa male all'anima oltre che ai denti, e mi scusai per la battuta. Ripeto, il molaggio selettivo è una terapia gnatologica di una "finezza" e delicatezza unica e non può e non deve essere pesante. E' un Atto Medico Rigoro, Preciso, Scientifico che deve essere guidato da protocolli che se "uno" non ha ben chiari nella sua mente, sarebbe bene che non tentasse neanche di eseguirli! Le parlai anche del Bite! Altro manufatto che deve essere il risultato di valutazioni Gnatologiche che purtroppo non sono così "scontate" come si suol pensare e ritenere! Lei chiede un Bravo Protesista! Prima Occorre un Bravo Gnatologo ed un Dentista esperto nelle riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi. Proporsi non è "elegante", quindi non mi propongo ma deve essere Lei a scegliere. Basta seguire la "Vox Populi".Poi digiti il nome del Medico su un motore di ricerca e se il Professionista è uno studioso, troverà curriculum, foto di interventi, corsi, congressi, pubblicazioni. Non sarebbe indispensabile avere tutto questo, ma almeno sa che sta recandosi da un Medico colto e che fa cultura, il ché è già un buon inizio!ogni caso, in senso lato e solo dal punto di vista Culturale ho già provato , per quel che ho potuto, a soddisfare la sua curiosità, nella mia scorsa rosposta! Quanto detto vale per qualsiasi specialista ed anche quindi per il Dentista cercandolo anche su questo Portale Digitando il nome e leggendo il suo Profilo e poi digitandolo sul motore di ricerca e leggendo la sua attività culturale e scientifica etc. Le lascio un Poster su come personalmente affronto le patologie Gnatologiche in genere . E' limitativo ed occorrerebbe tante altre valutazioni ma almeno si fa un'idea concreta! La Visita Odontoiatrica e Gnatologica in particolare è un atto medico essenziale, importante, colto, professionale, complesso e completo e deve "sviscerare" tutte le patologie presenti nell'apparato stomatognatico che va valutato non estrapolandolo dall'organismo intero ma valutato nel suo contesto clinico ed anamnestico generale, oltre che locale! Non si troverebbe in questa situazione se fosse stato fatto quello che si sarebbe dovuto fare ed in ogni caso, almeno alla fine, avrebbe dovuto, curare. Come vede, spero che abbia capito perchè esprimo la mia perplessità che sottolineo ed evidenzio! E' sempre più prudente che la visiti un Dentista, meglio se Parodontologo ed in questo caso esperto anche in Gnatologia, dato che l'eventuale patologia può anche doversi ricercare nella Gnatologia dell'apparato stomatognatico con palpazione delle ATM per saggiarne e valutarne i rumori e i movimenti dei condili e palpazione dei muscoli Masseteri e Pterigoidei che sono i primi ad andare in contrattura, specialmente gli Pterigoidei, in caso di Patologia della ATM e valutare le tre disclusioni incisiva o protrusiva, laterale sin e dx o canina e massimamente retrusa coi denti posteriori a contatto o Relazione Centrica con valutazione di Over Jet ed Over Bite e delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monsen.Sarebbe eventualmente, ma lo deciderebbe solo il Dentista, opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente! Come vede la Visita Odontoiatrica è molto più profonda e seria di quanto si pensi. Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. Che dirle ancora: Tenga presente che la GNATOLOGIA studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione",precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d’occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d’occlusione,(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura. Si faccia visitare da un bravo Gnatologo.ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità, perchè senza averla visitata non è possibile, infine ci sono terapie di riabilitazione neuro muscolo-occlusale, della postura della lingua e della sua fisiopatologia e della deglutizione. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente …studiandone il caso di persona. Sappia che in ogni caso tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente, sembra una "sciocchezza" ma non lo è anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere e poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo, ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite, così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari il cervello, per così dire, in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così la nuova posizione della mandibola, quella "buona","corretta", il bite infatti può essere terapeutico sintomatico e diagnostico e, una volta trovata la nuova posizione della mandibola, si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia definitiva di riequilibrio occlusale. Le lascio un Poster di una parte di visita Gnatologica con anche analisi statica.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Elisabetta, non conosciamo il suo caso per esprimere pareri, ma in questo portale trova molti professionisti della sua zona che si occupano di gnatologia, branca praticata da tutti gli odontoiatri, legga le loro schede scelga il dottore di suo gradimento. .

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Come le hanno scritto i miei colleghi, il suo è un caso che deve essere analizzato e risolto da un bravo Gnatologo (possibilmente in associazione ad un Posturologo) che operi nelle sue zone, con competenza e professionalità. Su questo stesso portale ed in altri che troverà online, ci sono riferimenti specifici a colleghi che operano nel bolognese e sono specialisti di questa branca dell'Odontoiatria.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Elisabette, ulteriori interventi di natura empirica possono solo portare ad un ulteriore peggioramento della sua situazione. Esistono oggigiorno delle tecniche strumentali computerizzate in grado di fornire una corretta terapia neuromuscolare che porti ad una completa risoluzione del caso sotto il profilo gnatologico. Solo successivamente potrà essere proposta la soluzione ortodontica o protesica del suo caso.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia