Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 8

Circa un mese e mezzo fa ho effettuato una devitalizzazione del primo molare superiore destro

Scritto da Federica / Pubblicato il
Salve, circa un mese e mezzo fa ho effettuato una devitalizzazione del primo molare superiore destro. Ci sono volute diverse sedute e radiografie che sono state effettuate in circa una settimana, ma nonostante ciò la gengiva continuava a provocarmi dolori insopportabili. L'ultima volta che mi sono recata dal dentista con dolori lancinanti, mi é stato curato anche il secondo molare accanto al dente devitalizzato (infatti il dentista mi aveva detto di aver visto delle aree scure anche su quello). Curato anche il secondo molare sono tornata a casa e il dolore é sparito, ma a distanza di un mese e mezzo continuo a provare fastidio alla gengiva e provo forte dolore alla pressione (masticando o usando lo spazzolino). Il dente devitalizzato é ancora in chiusura provvisoria, dovrei ritornare dal dentista tra circa due settimane, nel frattempo sto prendendo farmaci antinfiammatori perché il fastidio è così forte che mi provoca continui mal di testa, cosa devo fare?
Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari. Da sua casistica.Necrosi endodontica con osteolisiperiapicale e parodontite con difetto osseo forcazione curati endodonticamente e con chirurgia ossea ricostruttiva e separazione radici e perni monconi per fare poi protesi.
Cara Signora Federica, cosa deve fare, difficile se non impossibile dirlo senza Visitarla o vedere almeno una Rx endorale postata qui per prendere almeno visione delle radici e del periapice e dello spazio parodontale per valutarne, dalla continuità o frammentazione della corticale ossea alveolare se esistessero segni di sofferenza parodontale o endoparodantale oltre che endodontici di necrosi o di sindromi radicolari della polpa! E' stato fatto un sondaggio parodontale per valutare la presenza e profondità di eventuali tasche parodontali, improbabili data l'età, ma possibili e doverose da ricercare, sempre! Non è chiaro se i canali delle radici siano state chiusi all'apice. Parla di medicazione, ma del dente, ossia della cavità da ricostruire o anche dei canali radicolari? Perchè i canali non li si possono tenere medicati per così lunghi periodi di tempo ed allora il fastidio doloroso verrebbe da essi! Non prenda antinfiammatori, non servono in queste patologie. Nel caso valuti il Dentista se debba assumere antibiotici! Ma è la terapia Clinica che risolve tutto, non o dimentichi. Non i farmaci! Telefoni al Dentista e chieda di essere Visitata al più presto! Parli con Lui, si confidi. E' un Professionista ed ha in cura la salute della sua bocca e il suo stato generale totale e non gli fa piacere certamente che soffra, la vedrà, la visiterà e risolverà! Deve! Cari saluti 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra, non comprendo la relazione tra il dente da devitalizzare e la gengiva, invii una radiografia, grazie

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Immagino da quello che ha scritto che il suo problema sia correlato ai denti: lei parla di gengiva, ma anche di dolore forte alla masticazione sui denti trattati endodonticamente....quindi la causa del suo problema dovrebbero essere questi ultimi. Ovviamente le sue radiografie ce le ha il dentista, quindi non posso esprimermi con precisione. Nel senso che sicuramente non è normale che i denti devitalizzati facciano male per così tanto tempo, se c'è una medicazione provvisoria canalare questa andrà sostituita, e comunque solo chi la visita può risolverle questo problema.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, non ho strumenti per darLe una mia valutazione. Posso solo notare che è molto strano che una terapia canalare si protragga per tanto tempo; normalmente viene risolta in una seduta, raramente in due. Lasciare una chiusura provvisoria per lunghi periodi può consentire una reinfezione del canale, con nascita di ulteriori problemi.

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Federica controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, poi richieda una visita anticipata per controllo della sintomatologia, perché una chiusura provvisoria di 2 mesi forse andrebbe controllata.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Non esiste la chiusura provvisoria nel trattamento canalare di un dente, come procedimento per capire nel frattempo che cosa succederà. Il procedimento è unico da eseguire in un tempo solo, meglio se possibile, oppure da frazionare in 2 o 3 sedute, per sfinimento fisico degli occhi del dentista o per esaurimento della pazienza da parte del soggetto. Il dentista sapiente deve sapere cosa fare senza fare prove di fortuna. Lei accetti pure i "dolori insopportabili" se ha delle colpe da espiare, e adempiuta l'espiazione si cerchi un altro dentista più caro e più avveduto. Caso Clinico Semplicissimo, se in mani esperte. Senza perdite di tempo. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Mi associo a quanto detto dai colleghi: la sintomatologia sembrerebbe essere di tipo endodontico. I primi molari superiori hanno il quarto canale nel 90 % dei casi: quanti canali ha trovato il collega? Ha utilizzato la diga? Le ha fatto radiografie prima dell'intervento? E durante? Ha utilizzato il localizzatore di apice? Pretenda di avere più informazioni sulle terapie. E' un suo diritto!

Scritto da Dott. Massimo Salibra
Perugia (PG)

Buongiorno Federica. Mi associo a quanto detto dal dottor Carpinteri. Se il suo dentista ha a cuore la sua salute orale (e mentale) le anticiperà l'appuntamento per escludere la presenza di canali non trattati e valutare l'origine del dolore. Se non è convinta delle sue spiegazioni, non esiti a fargli domande per capire il trattamento cui si è sottoposta. Cordialità.

Scritto da Dott.ssa Vanessa Ciaschetti
Marostica (VI)