Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 14

Come faccio a capire se devo fare o no queste otturazioni?

Scritto da viviana / Pubblicato il
Salve, l'altra settimana sono stata in una struttura privata, convenzionata con la mia assicurazione professionale, per fare una pulizia dei denti. Mi è stato detto che ho 5 carie ( di cui 2 o 3 nei solchi dentari dei molari) e devo toglierle al più presto mettendo delle otturazioni. Sono comunque tornata dal mio dentista perchè volevo anche un suo parere (quelle macchie ce le ho da tempo) e invece mi ha detto che dobbiamo controllare sopratutto il dente del giudizio ( potrebbe essere cariato) ma secondo lui gli altri denti non sono cariati. Ho dei segni marroncini sulla superficie dei molari e due punti marroni lateralmente a due denti molari... Domanda: come faccio a capire se devo fare o no queste otturazioni? Non mi vorrei nè trascurare, nè mettere otturazioni inutili... P.S sono entrambi professionisti regolarmente iscritti all'albo. Se volete allego foto della mia bocca...
Sig. Viviana, se vuole mandarci la foto, è gradita, ma la diagnosi di carie è prettamente clinica. Le consiglio di farsi mettere per iscritto dalla struttura convenzionata il numero e la posizione delle carie e poi ritornare dal suo odontoiatra di fiducia e in caso di dubbio metterlo direttamente a contatto con la struttura che aveva rilasciato il referto, vedrà che tutto sarà ben chiarito.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Viviana, buongiorno, sulla carie ci sarebbe da scrivere un trattato per risponderle adeguatamente e sul fatto che sia "visibile e da are" ad alcuni Dentisti e "invisibile e da non fare " ad altri, richiederebbe un trattato ancora maggiore. Si tratta probabilmente della cosiddetta , impropriamente, carie secca!La carie secca è, per semplificare al massimo, una piccolissima carie di colore nero, che è nella compagine dello smalto superficiale o addirittura nella membrana di Nashmit che è stata "bloccata " dall' organismo ed in cui non entra la punta dello specillo del dentista, ossia non ha perforato lo smalto superficiale o la membrana suddetta, una carie secca di regola non la si cura, ma la si tiene in osservazione con visite periodiche perchè il danno fatto dalla fresa del trapano per curarla è maggiore del danno della carie che essendo secca non procede, se però lo specillo entra, o sente una rugosità allora è una carie secca attiva che sta diventando florida e va curata subito, QUESTO PUO' DECIDERLO SOLO IL DENTISTA CHE LA VISITA, quindi il consiglio è, anzichè perdere tempo facendo domande , si fidi di un dentista che le farà una diagnosi e segua i suoi consigli! Anche perchè bisogna vedere in che contesto è questa carie secca! Ossia se è in una bocca "sana", va bene, ma se fosse in una bocca con tantissimi denti curati, con una malattia che si chiama policarie, con compromissione di denti chiave in una bocca particolare in cui per esempio mancano molti denti, è ovvio che la carie secca vada comunque curata! Quindi il discorso diventa Clinico e non può essere limitato a due righe di domanda e due righe di risposta, ma ad una visita Clinica Odontoiatrica completa ed accurata e fatta da Professionista più che competente! Non bisogna mai baqnalizzare o semplificare troppo le patologie o i problemi!" Quindi si faccia curare dal Dentista in cui ha Fiducia e Stima, questa è la soluzione più intelligente! Tutto il resto lo lasci perdere! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Il vero problema secondo me non sta affatto nel discorso carie secca o florida. Il punto è che nel centro convenzionato devono battere cassa!! Chi fa spendere di meno dei dentisti qualificati, o chi lavora rimborsato da 4 soldi dalla assicurazione, deve poter avere un introito finanziario adeguato per mandare avanti la baracca.. Ed allora potrebbe succedere che si inventino cure inesistenti da fare. Io naturalmente parlo per immaginazione, ma i principi che guidano molti di queste figure sono questi. Invece dal suo dentista troverà amore, serietà professionalità ed onesta. Non lo dico per parte presa, o perchè sono di parte, ma c'è da diffidare profondamente da tutto ciò che apparentemente costa poco.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.ma Sig.ra Viviana, Se si tratta di quella che impropriamente viene definita "carie secca" non è da trattare ma deve solo essere tenuta sotto osservazione con visite periodiche. Se, invece, la carie ha oltrepassato la barriera dello smalto, allora il dente deve essere otturato. Solo con un esame obiettivo può essere fatta diagnosi.Sta all'onestà del professionista ed alla fiducia che lei ripone in lui, stabilire cosa è da fare e cosa no. Veda Lei..... Certamente, vista la crisi e le basse remunerazioni che percepiscono i centri convenzionati, spesso (non sempre)vengono proposti da questi centri, cure non propriamente adatte o necessarie....Non sempre il risparmio apparente è veramente un risparmio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Milano (MI)
Cavenago di Brianza (MB)

Gente Sig. Viviana, probabilmente si tratta di carie secca o comunque di piccoli processi cariosi.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Effettivamente il dubbio viene. Due medici che visitano la stessa bocca a distanza di qualche giorno non possono trovare due situazioni cosi differenti. Come ben dice il Dott. Passaretti, la distinzione non sta nella carie secca o attiva (il cui confine è spesso tenue e sfumato e soprattutto clinico, sui libri di carie secca non si trova quasi traccia) ma sulla differenza di comportamento. Trattare delle carie (quasi) innocue che magari potrei trattare a pieno titolo tra 5 anni (o mai) oppure eliminare di fatto anche il rischio che queste carie (quasi) inattive un giorno si possano mettere a correre col loro esito distruttivo? Di solito quando sono dinnanzi a dubbi di questo tipo mi dispongo più volentieri in una strategia attendista, ma è chiaro che è solo un parere perchè io non l'ho visitata. Tenga presente che un dente otturato poi, non è che abbia una protezione maggiore contro le aggressioni del cavo orale, anzi. Va controllato regolarmente e va fatta la corretta manutenzione ordinaria e straordinaria. In base a queste questioni (e altre) giustifico il mio atteggiamento. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gent.ma sig Viviana, concordo totalmente con tutti i colleghi che le hanno risposto. Sottolineo solo un'argomentazione: fiducia fiducia fiducia ..... a chi con professionalità l'ha curata per diverso tempo

Scritto da Dott. Livio Contardo
Parma (PR)

Cara Viviana, ma perchè la pulizia ed il controllo non se li fà fare regolarmente dal suo dentista di fiducia? Michele Lasagna

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile paziente penso che la fiducia vada accordata al suo dentista, cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Segua le indicazioni del dentista di cui ha più fiducia; oppure non faccia nulla però si faccia controllare al massimo ogni 6 mesi.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)