Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 9

Come posso superare il problema di non riuscire a stare con la bocca aperta?

Scritto da Beatrice / Pubblicato il
La presente per chiederVi come posso superare il problema di non riuscire a stare con la bocca aperta in quanto ho purtroppo continui conati di vomito. Avendo una grossa necessità di interventi odontoiatrici chiedo se è un problema di possibile soluzione. Nel ringraziarVi anticipatamente per la collaborazione, saluto cordialmente. Beatrice
Gentile Sig.ra Beatrice, esiste un prodotto desensibilizzante del cavo orale per diminuire lo stimolo del vomito. Ho visto far fare anche sciacqui con anestetico sempre per desensibilizzare la bocca. Una buona soluzione è la sedazione cosciente che elimina del tutto il vomito. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Beatrice, esistono dei farmaci in compresse che sciolte qualche minuto prima della cura consentono di ridurre lo stimolo del vomito e portare a termine le cure necessarie. Sicuramente il suo dentista saprà consigliarla. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

La soluzione al suo problema la troverà nel training autogeno e in un buon dentista che sappia metterla a suo agio. Per training intendo anche "sedute" di allenamento casalingo. Suppongo che non le venga l'urto del vomito quando si alimenta normalmente nella tranquillità di casa sua. Allora prenda un cucchiaio da cucina e si alleni a tenerlo in bocca con la bocca ben aperta. E' un rimedio, appunto, casalingo ma che ha già dato ottimi risultati. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Signora Beatrice, è più che sufficiente un autorevole e delicato al contempo, approccio da parte del Dentista aiutandola magari con farmaci antiemetici idonei per l'uso Odontoiatrico e magari con un supporto di terapia Psicologica oltre ovviamente ad una visita da un Medico Specialista in Medicina Interna per escludere Patologie sistemiche extraorali (a queste ultime ci penserebbe ovviamente il Dentista a Diagnosticarle eventualmente!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Beatrice i consigli dei colleghi sono ottimi, ma occorre molto allenamento quotidiano che può fare con un cucchiaio da cucina e uno specchio.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile paziente come gia detto ci sono dei farmaci da prendere prima della seduta odontoiatrica, è importante anche l'approccio psicologico del medico, come ultima ipotesi si può eseguire la manovra odontoiatrica con protossido d'azoto, cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Buonasera Beatrice, le consiglio di consultare il sito sedazionecosciente-n2o@googlegroups.com è un forum di dottori che fanno parte del gruppo di chi fa uso di protossido d'azoto per indurre sedazione cosciente. E' una tecnica sicura che io per esempio uso normalmente su pazienti che hanno il suo problema. Provi a fare un appello sul forum e sentire chi la può aiutare nella sua zona. Cordialmente Francesca Nardelli

Scritto da Dott.ssa Francesca Romana Nardelli
Firenze (FI)

Le consiglio la sedazione cosciente

Scritto da Dott. Alessandro Sanzullo
Napoli (NA)

Ho scritto un articolo nel mio sito o in questo stesso sito sulla notevole efficacia della sedazione cosciente con protossido d'azoto nell'abolire il riflesso del vomito. Si tratta di una soluzione efficacissima e semplicissima del tutto innocua, che funziona nella quasi totalità dei casi, anche quelli piu gravi e resistenti. Non c'è farmaco che tenga in confronto. Il guaio è che pochissimi dentisti conoscono e praticano questa tecnica di sedazione. A Roma ne conosco di bravi. Si tratta di usare una mascherina nasale da cui si respira una sostanza del tutto innocua e benefica per l'intero organismo. Dopo di che si entra in una situazione di sedazione, va via l'ansia (responsabile di una componente del disturbo da lei lamentato) e le mucose si desensibilizzano e il riflesso della intolleranza agli oggetti in bocca si attenua del tutto. La seduta diventa addirittura piacevole.. Io ho risolto tantissimi casi in questa maniera semplice. Tenga anche presente che il dottore che arriva ad usare questa tecnica è un professionista che ha grande considerazione dei suoi pazienti intesi come persone. Infatti si occupa e si premura di un aspetto che nessun dentista tiene in conto: la ansiolisi. Tutto ciò, nella maggior parte delle volte significa anche che visto che questo professionista lavora con passione, è anche bravo e preparato. Normalmente è così. Quindi farà delle belle cure..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia