Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 10

Su un molare con una vecchia otturazione in amalgama si è creata una carie secondaria

Scritto da Alessandro / Pubblicato il
Io sono abbastanza soggetto alla carie e ho sui molari diverse otturazioni sia in amalgama che in composito. Adesso su un molare con una vecchia otturazione in amalgama, si è creata una carie secondaria sulla parte interna infradentale tra il molare e l'altro molare. Il dentista mi ha consigliato un intarsio in oro (non ne ho mai fatti). Visto che ha un costo non indifferente, è una buona soluzione nel mio caso o sarebbe meglio rifare la classica otturazione in composito che però mi ha detto durare di meno? Ho letto opinioni contrastanti sul discorso degli intarsi e non vorrei spendere tanto se poi non ne valesse la pena. Buona giornata
Gentile Alessandro, sicuramente un intarsio in oro è un eccellente manufatto se le sue finanze lo permettono. Altrimenti come alternativa c'è il classico restauro in resina composita che se ben eseguita e con materiali di qualità ha buone possibilità di durata nel tempo. Il consiglio per fare durare più a lungo le otturazioni in zona interdentale (le seconde classi) è quello di usare regolarmente il filo interdentale. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Alessandro....in questi due giorni sono state fatte almeno tre o quattro domande sugli intarsi in oro...per non ripetermi la prego di leggere le mie risposte...andando a ritroso leggendo i titoli delle domande...troverà anche le risposte degli altri colleghi del sito... ripeto solo è una soluzione più che eccellente se la sua bocca la può ricevere...e per ricevere significa che non deve essere soggetta a troppe carie e che non deve avere in bocca decine di otturazioni in amalgama ( per tanti motivi che leggerà nelle precedenti risposte) ed aggiungo perchè sarebbero la spia della sua grande predisposizione alla carie alla sua giovane età!......................per le correnti galvaniche...se ne è parlato fino alla noia...legga le risposte = le due precedenti alla sua..e poi a ritroso.............Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Alessandro, l'intarsio in oro è un buon sistema di ricostruzione conservativa che in alcuni casi è indicato, l'importante che chi opera su di lei sia iscritto all'ordine dei medici, perché solo così potrà cautelarsi da eventuali complicanze. Tutti i metalli, compreso oro e argento, alloggiati nel cavo orale, potrebbero dare delle neoformazioni ai tessuti molli per cui è d’importanza fondamentale la corretta visita semestrale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Alessandro, certamente l'intarsio in oro rappresenta l'eccellenza e, comunque, anche la classica otturazione in composito se fatta bene e da mani esperte è un'ottima soluzione. L'importante è la costanza e l'efficienza dell'igiene domiciliare ed il controllo con le visite periodiche. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Alessandro entrambe le soluzioni sono buone anche se io, personalemente non metto mai intarsi in oro perchè sono antiestetici, possono entrambi durare molto come durare poco..... diciamo che l'intarsio se fatto a regola d'arte peragonato ad un otturazione fatta a regola d'arte è preferibile, tuttavia le consiglierei un'otturazione se il dente non è da devitalizzare distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Ogni lavoro del dentista, anche se ben eseguito,potrebbe non rispettare le aspettative se mal gestito dal paziente con poca cura nell'igiene (spazzolino e filo) e senza controlli...

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig Alessandro, così come i miei colleghi riscontro un deciso aumento della percentuale di domande su questo argomento. Le decisioni spettano al suo dentista e a lei una volta che sarà debitamente informato. Il consiglio del dott Petti è assolutamente valido. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Alessandro, l'intarsio in oro rimane per qualità e durata l'intervento odontoiatrico di elezione per i settori posteriori. Purtroppo cambiando le culture e le mode, succede che il colore dell'oro non è più accettato e vedere il profilo giallo di un premolare, mentre si sorride è, per la maggior parte delle persone, intollerabile. Personalmente accetterei per me e consiglierei un restauro in oro perchè è di gran lunga superiore a qualsiasi altro restauro, salvo che per l'estetica. Unica condizione: che sia fatto bene. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente in odontoiatria si parla spesso di golden standard, per indicare la migliore messa in opera di una tecnica. E non è un caso che si parli di oro, infatti è il miglior materiale in assoluto per i restauri coronali, però non è una cosa giusta pensare che tutto il resto non vada bene. L'importante è una perfetta esecuzione tecnica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Alessandro, l'intarsio in oro è un ottima soluzione anche se, con il passare degli anni è diventata un po' desueta a causa della scarsa estetica e della possibilità di correnti galvaniche in presenza di altri metalli in bocca. Se per te l'estetica non è un problema, te lo puoi permettere e non hai altri metalli in bocca è la soluzione più indicata. Altrimenti opta per l'otturazione in composito. In entrambi i casi, avendo tu la tendenza alle carie tra i denti, se vuoi che il tuo investimento duri nel tempo, usa il filo interdentale e fai i controlli periodici. Cordiali saluti Dott. Roberto Robba Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Robba
Cagliari (CA)