Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 7

All'età di 16/17 anni ho subito un intervento di scappucciamento canino incluso

Scritto da elisa / Pubblicato il
Gentili Dottori, chiedo un consiglio per risolvere un problema. Ho 24 anni e non ho mai avuto una carie, penso sia una predisposizione genetica, di qui la mia ignoranza totale sull'argomento. All'età di 16/17 anni subisco un intervento per scappucciare un canino incluso, intervento non semplice data la posizione del canino (due dottori dentisti che ho interpellato non sono stati in grado di eseguirlo e mi hanno a loro volta girato ad altri esperti). Il canino è stato perforato per essere meglio "agganciato". Dopo 4 anni dall'intervento e 4 anni di apparecchio fisso mi ritrovo felice con un sorriso perfetto. Oggi, a 8/9 anni dall'intervento noto che il canino ha un colore diverso dagli altri, più scuro. Mi rivolgo al mio dentista che mi dice che il canino è come "fratturato", è attraversato da questo "buco" (fatto all'epoca), quasi da parte a parte, e che dovrebbe essere morto in quanto la lesione raggiunge il nervo e io non sento alcun tipo di dolore. Mi ha comunque fatto fare delle lastre per vedere se il dente è "morto" al 100% (come credo che sia). Ora, il dentista mi ha detto che si potrebbe abbassare ancora il canino (in quanto è piuttosto lungo e ai tempi non fu "tirato giù" più di tanto) oppure seguendo la frattura il canino viene "rotto",eliminato e poi ricostruito. All'interno del foro il dente è molto cariato. Ora premetto che io di tale foro non sapevo nulla, non mi sono mai accorta di averlo. detto questo, il dentista che mi ha praticato l'intervento era tenuto ad avvisarmi del foro che mi ha praticato e dei danni che avrebbe potuto crearmi in futuro? per quanto riguarda la soluzione del problema, se mi "abbassassero", tirassero più giù, il canino in che modo avverrebbe? in alternativa cosa si può fare per risolvere il problema? grazie
Frattura la cui terapia è nel link descritto nel testo
Cara signora Elisa...c'è da rimanere "stupefatti" dal suo racconto...quando mai un canino si perfora per agganciarlo...forse neanche nei paesi del terzo mondo fanno questo...lo si aggancia in modo assolutamente non cruento e demolitivo...in ogni caso non capisco perchè dopo tutto questo non sia stato devitalizzato il dente e ricostruito conservativamente o protesicamente con perno moncone e corona...a seconda della situazione clinica che io non posso conoscere...si metta nelle mani di un buo Dentista che sappia il fatto suo e salvare questo canino non sarà difficile...ricordando che non esiste il facile o il difficile...ma solo quello che si sa fare e quello che non si sa fare...per il colore poi...non si preoccupi...lo si recupera con tecniche sbiancanti durante la terapia canalare stessa...per la frattura esistono sostanze come l'MTA che risolvono spessissimo bene questi problemi...quindi non vedo il problema...si tranquillizzi e cerchi solo un Dentista degno di essere chiamato tale!...le lascio una foto di una frattura veramente "complessa" e il link al caso completo: Lembo riposizionato apicalmente con colla di fibrina per la terapia di una frattura coronale linguale estesa sotto gengiva e sotto il margine osseo (classe IV di Ingle) di un elemento dentale 4.7 http://www.dentisti-italia.it/casi_clinici/fratture-dei-denti/170_lembo-riposizionato-apicalmente-con-colla-di-fibri.html  ... Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia, Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi, in CAGLIARI, Ortodonzie e Pedodonzia (la figlia Claudia Petti)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.ra Elisa, per trainare un canino incluso esistono diverse tecniche, compresa quella utilizzata nel suo caso, la complicanza di necrosi (morte) è possibile anche senza la foratura della corona. Non ritengo che la radiografia sia l'accertamento diagnostico più valido, per confermare la necrosi totale. Il foro, una volta completata la trazione di norma viene sigillato, con apposito materiale, che generalmente è controllato ogni 6 mesi, evitando una futura frattura per carie secondaria destruente, forse questi controlli non sono stati eseguiti. Il metodo per l'eventuale estrusione le sarà descritto dall'odontoiatra, che le praticherà le cure.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sig.ra Elisa, come da lei descritto il dente sembra gravemente compromesso, pertanto io ritengo che sia prioritario un trattamento endodontico (devitalizzazione) con conseguente ricostruzione della corona, successivamente può valutare se incapsulare il dente magari con una protesi in zirconio. Eviterei qualunque altro intervento teso ad estrudere il dente ortodonticamente.

Scritto da Dott. Francesco Saitta
Catania (CT)

Elisa, mi trovo totalmente concordo col dott. Petti, per cui trovi un collega degno di questo nome e il tutto si risolve in maniera eccellente, non solo per il sorriso, ma soprattutto per la guida canina. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Dent.ma sig.ra Elisa, a volte è difficile portare in arcata i canini inclusi e spesso non hanno la"forza" e la durata funzionale di uno che erompe spontaneamente, però il foro provocato mi sembra veramente da terzo mondo e comunque il dentista doveva informarla. Non avendo una rx, posso pensare ad una perforazione a carico della corona, per cui dovrebbe essere possibile fare terapia canalare, ricostruirlo con un perno e protesizzarlo con una corona oro-ceramica o zirconia. NON farei tentativi di estrusione, perchè senz'altro è anchilosato ed un dente che ha subito cosi tanti stress, meglio non stimolarlo ulteriormente. Cordiali saluti dr A.Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LODI
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Gentilissima signora, nonostante il parere di alcuni eminenti colleghi, noi del terzo mondo in alcuni rari casi di posizione particolarmente anomala utilizziamo un piccolo pernetto appositamente creato che non deve ovviamente arrivare alla polpa del dente e che provoca un forellino facilmente riparabile. Nella sua attuale situazione credo che si debba procedere ad una devitalizzazione del dente seguito da uno sbiancamento. Eviterei di sollecitare ulteriormente l'elemento ricorrendo, se possibile, a metodiche che ne salvaguardino l'estetica in maniera diversa dalla applicazione di un apparecchiatura ortodontica. Dr. Costantino Volpe - Salerno
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Cara Elisa, alcuni colleghi, anche esperti, preferiscono per portare in arcata un dente incluso, l’applicazione di un piccolo perno che viene estratto dopo aver sistemato in posizione il dente. Io preferisco invece una trazione con un bottone incollato appunto perché il perno può provocare necrosi del nervo. Anche l’incollaggio non è mai privo di complicanze perché alle volte si stacca e bisogna rifare l’intervento. Ora sarà necessario devitalizzarlo e se già un po’ grigio sbiancarlo. Se inoltre bisognasse di una migliore posizione devi fare ortodonzia. Cordialmente E.Spagnoli
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia