Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 8

E' opportuno devitalizzare un dente con carie profonda?

Scritto da Davide / Pubblicato il
Buongiorno, Circa 5 giorni fa mi è stata tolta una carie, essendo quest'ultima molto profonda il dentista per pulire tutto è arrivato al limite della polpa. A detta del dentista è evitabile la devitalizzazione nonostante il sottile spessore rimasto. Mi è stato applicato un fondo di protezione e poi mi è stato chiuso provvisoriamente. Successivamente non c'è mai stato un episodio di dolore pulsante e continuo, solo delle brevi sensazioni di bruciore ( al pari della disinfezione con ipoclorito di sodio ) o piccoli fastidi. La sensibilità del dente al freddo ed al caldo non è dolorosa ma fastidiosa, ho avuto modo di verificare che solo con bevante davvero molto calde o molto fredde il dente si fa sentire. La mia paura è farmi chiudere il dente definitivamente per trovarmi poi a doverlo riaprire per devitalizzarlo.
Se il suo dottore non ha ancora ricostruito definitivamente questo dente, vuol dire che lo sta tenendo sotto osservazione, per prudenza. Molto probabilmente il dente verrà devitalizzato: la ridotta sensibilità agli stimoli freddi, accompagnata dalla comparsa di dolore fastidioso e non acuto agli stimoli caldi, è sintomo di degenerazione pulpare irreversibie.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Condivido fino ad un certo punto "l'otturazione provvisoria". Il restauro definitivo è d'obbligo anche perchè si rischia proprio che con una medicazione provvisoria tenuta per troppo tempo, e che talvolta non sigilli bene, si passi da una situazione asintomatica, ad un quadro di iperemia pulpare che può rientrare o degenerare per un passaggio dei batteri attraverso i tubuli dentinali in polpa, in pulpite acuta. Il dente va chiuso e non sarà l'otturazione definitiva di certo a far degenerare la sintomatologia del tuo dente in pulpite ma il fatto che i batteri siano gia arrivati in polpa. Qualora poi dopo il restauro dovessi avere problemi di infiammazione pulpare acuta potrai procedere alla successiva terapia canalare. Cari saluti Dr.Vincenzo Bifaro - Giugliano(NA)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Vincenzo Bifaro
Giugliano in Campania (NA)

Ci sono tante alchimie che ci inventiamo noi dentisti in molte situazioni, similmente agli stregoni druidici con la loro zuppa di erbe magiche. Quindi a questo punto é impossibile fare illazioni, e bisogna aspettare se i fastidi, numerosi e complessi, passano oppure no. Se passano però non é detto che sia segno buono, e bisognerebbe fare un test per vedere se il dente rimane vivo o si autodevitalizza andando in necrosi infetta. Un test elettrico preciso dirà se la polpa rimane vitale o no.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Davide, il Suo dentista ha ritenuto, correttamente, di eseguire otturazione provvisoria per tentare di mantenere il dente vitale. Tale trattamento (con fondo di protezione) potrebbe portare alla formazione, col tempo, di uno strato di dentina più densa che protegge la polpa dagli stimoli esterni. In alcuni casi però ciò non avviene e vi è una degenerazione della polpa ma quasi sempre accompagnata da una certa dolorabilità. Il mio parere è di farsi seguire dal dentista e aspettare magari dopo l'estate prima di otturare definitivamente il dente. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Paradiso
Nichelino (TO)

Bisogna valutare il dente nel tempo non solo dai sintomi che lei raccoglie ma con dei test precisi da eseguire in studio. La profondità raggiunta dalla cari, lo spessore residuo e gli altri parametri li conosce solo il suo dentista, si affidi a quello che le dice. Poi personalmente credo che a 32 anni è difficile eseguire incappucciamenti diretti o indiretti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Davide...NON HA SENSO FARE UN'OTTURAZIONE PROVVISORIA..PER ATTENDERE...CHE COSA?...basta fare una DIAGNOSI SUBITO E PROCEDERE CON LA TERAPIA ADEGUATA...un semplice esame che si chiama di stimolazione termica serve per capire tante cose cliniche...ma la valutazione del dentista per devitalizzare si basa su tante altre cose complesse che non sto qui ad elencare ma che il dentista se è un dentista conosce bene...per arrivare ad una diagnosi, ricordando che un dente devitalizzato non è un dente morto ma è un dente vivo e non vitale...mentre il dente sano normale è un dente vivo e vitale: si saggia la risposta del dente ad un liquido che abbassa la temperatura istantaneamente a qualche grado sotto zero...dai 37 gradi che abbiamo in bocca...a -4 , il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo...il processo è reversibile e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite e bisogna devitalizzarlo subito. 3- se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito sotto protezione antibiotica! 4- se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa..qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente và devitalizzatoCordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Davide, dalle risposte dei colleghi che mi hanno preceduto avrà capito che in medicina possono esserci approcci terapeutici diversi soprattutto quando ci si trovi di fronte ad una condizione clinica border line come nel suo caso tra una pulpite reversibile o irreversibile; personalmente condivido in pieno quanto scritto dal dr Petti, in ogni caso solo chi l'ha visitata può essere in grado di giungere ad una corretta diagnosi e dunque alla conseguente terapia, pertanto se ha fiducia del collega che si è scelto segua i suoi consigli. Cordialità
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luigi Russo
Torre del Greco (NA)

Sig. Davide, ora può ritornare dal suo dentista, che deciderà una chiara sentenza per il suo dente.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)