Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 6

È possibile che in tre settimane una carie mal curata si espanda così tanto?

Scritto da Mario / Pubblicato il
Buongiorno. Circa tre settimane fa mi sono fatto curare un dente con una carie invisibile (tra due denti) trovata tramite radiografia. Il materiale usato è composito bianco, praticamente identico a quello del dente. Subito dopo l operazione il mio dente era perfetto. Ora, a distanza di 20 giorni, proprio in quella zona, noto una macchia (più simile ad una striscia) scura, quasi nera. È possibile che in tre settimane una carie mal curata si espanda così tanto? Cosa potrebbe essere? Aggiungo che la carie era leggera, aveva raggiunto la dentina ma mi è stata fatta senza anestesia e non ho sentito particolare dolore, quindi penso fosse lieve. Dalle foto si vede male, ma sembra essenzialmente una linea.
Caro Signor Mario, buongiorno. Non capisco. Sarebbe bastato tornare dal Suo Dentista per avere una risposta! Così , nel web, tramite una semplice foto non si può dire niente! Sembrerebbe una macchia, tartaro, placca batterica. Non so se fuma o se abbia mangiato qualche sostanza che la colori di scuro come colluttori contenenti clorexidina o fumo di sigaretta, carciofi, spinaci, lenticchie, liquirizia, etc! Bisogna quindi saggiare con uno specillo tutto il margine interprossimale dell'otturazione e dello smalto, nel loro punto di passaggio e nel punto di contatto. Quanto scrive Lei, di carie invisibile, non è esatto! La carie interprossimale è visibile eccome! Ad un occhio esperto, la traslucentezza dello smalto appare diverso dal "normale" e fa intuire che nel punto di contatto ci sia una carie! Quindi la Diagnosi è sempre clinica. In un punto interprossimale di contatto, la carie si vede alla Rx endorale solo se è già estesa e quindi visibilissima ad un esame oggettivo Clinico. Quella piccola interprossimale non si vede alla lastrina endorale per il sovrapporsi delle strutture del dente stesso che ha una forma semicircolare e convessa in quel punto e solo un esame diretto clinico può farla Diagnosticare da un Dentista "esperto"! Esistono , tra l'altro , strumenti idonei a "scoprire" proprio le carie interprossimali. La preparazione di una cavità in questa zona interprossimale ha regole precise di estensione e forma della cavità stessa che deve superare il punto di contatto ed estendersi vestibolarmente e lingualmente quel tanto che basta per evitare infiltrazioni cariogene; sono regole di preparazione di cavità cariogene e di ricostruzione conservativa ben note ma spesso non rispettate. Fare una otturazione non è fare un "buco ed un tappo" è fare un'opera d'arte con la modellazione della cresta marginale, le fossette di svincolo, i solchi ed i versanti cuspidali che hanno una inclinazione particolare e individuale e formano un particolare angolo con la linea occlusale ideale di Spee che per un dente è una linea ma per una emiarcata è in realtà una leggerissima curva leggermente concava verso l'alto e convessa verso il basso e stabilisce i rapporti tra i versanti cuspidali e cuspide e fosse in protrusiva, lateralità e Relazione Centrica! Se tutto questo sia stato rispettato lo sa solo il suo Dentista! Si rivolga quindi a Lui invece di usargli questa "scorrettezza" a mio avviso imperdonabile, di andare a chiedere conferme sul suo "lavoro", ad altri! Che pessima abitudine ed "ineducazione" nei suoi confronti! Gli chieda scusa per questo! Non si fa così. Non si fa valutare da estranei e neanche non estranei il lavoro del proprio Dentista. Il rapporto di Stima e Fiducia Reciproca Medico-Paziente è Fondamentale, dovrebbe capirlo e se io sapessi che un mio paziente va a cercare risposte altrove e addirittura sul Web a terapie già spiegate da me, beh, io quel paziente lo "caccerei" dal mio studio e non lo curerei più perché indegno delle mie attenzioni Cliniche terapeutiche e della mia Cultura e del mio tempo che dedicherei invece a chi sa apprezzarmi! Rifletta su quanto le dico! Vedrà le cose in un'altra prospettiva più utile a Lei! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Probabilmente, per quello che posso intuire dal suo racconto e vedere dalle foto, non è stato completamente rimosso il tessuto dentale cariato. La cosa migliore è comunque tornare da chi l'ha trattata e fare valutare con esame clinico diretto la situazione.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Mario, la foto è molto sfuocata. Potrebbe essere una semplice pigmentazione per un difetto di lucidatura del composito o un composito debordante. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Mario, per avere la corretta risposta è sufficiente ricontattare il suo odontoiatra.------------------

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La mia domanda è: è stata usata la diga per eseguire l'otturazione? il materiale estetico è sensibile all'umidità: se applicato in campo non isolato non si attacca e accade quanto da Lei descritto. Una otturazione fatta a regola d'arte deve durare ben più di 20 giorni (io le garantisco 5 anni). ovvio che occorre un po' di tempo e di attenzione, e questo ha per conseguenza un costo. A Genova però vige il proverbio "chi meno spende più spende", non è vero? auguri di buone feste
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)
Consulente di Dentisti Italia

Ha detto otturazione mal eseguita, perchè se non si fida del suo dentista, o cambia dentista, o ci ritorna per farsi spiegare se è carie, nel qual caso la faccia togliere

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)